FAIL (the browser should render some flash content, not this).

GLI ECO BLOGGER

A tu per tu con Terra Madre, una testimonianza dal Salone del Gusto

di Matteo Volpengo
del 27 ottobre 2014

Cibo, volti, sguardi. Poter viaggiare, nell’arco di poche decine di metri, dalle Filipp…

Le Cartoniadi come occasione sociale

di Paolo Hutter
del 22 ottobre 2014

A  novembre   le 9 circoscrizioni di Milano e i 23 quartieri storici di Torino sono in …

Desmontegada in val di Fiemme e l’arte di organizzare la raccolta dei rifiuti

di Antonio Castagna
del 09 ottobre 2014

Per i rifiuti ho una vera passione che spesso mi porta a farmi delle domande: quando li individ…

Pedonalizzazioni low cost

di Giulio Gonella
del 04 ottobre 2014

Continuo a non capire perché tutte le volte che si parla di pedonalizzazione a Torino si c…

A furia di combattere lo spreco di cibo...storia di una brioche

di Sobria Martinez
del 25 settembre 2014

Chi ha lasciato una brioche al cioccolato  integra  giovedi mattina 25 settembre alla s…

Il mio viaggio sulla Brebemi deserta

di Michele Merola
del 11 settembre 2014

Tornando dalle vacanze dal Nord-est ho voluto percorrere la Brebemi: è stato solo qualche …

Plastica, la riciclabilità si valuta con RecyClass

di Silvia Ricci
del 09 settembre 2014

Evitare che le materie plastiche non siano altro che rifiuti conviene, ed è ormai necessar…

Terra dei Paduli

di Gabriele Del Carlo
del 05 settembre 2014

Campagne dove un tempo sorgevano lussureggianti foreste di querce e lecci, oggi ospitano ulivi se…

Una notizia buona e una cattiva

di Giuseppe Piras
del 30 luglio 2014

I giornali riportano una notizia buona e una cattiva. La notizia cattiva è che il Mini…

Leggi tutti i post

GLI ECO-BLOGGER

Paolo Hutter

 

Camicie a maniche corte: ecologiche ma fuori moda?

pubblicato il 06.07.2012


 

Salve sono il direttore di Eco dalle Città ma userò lo spazio del "blog" più come espressione libera di pensieri ed esperienze che come editoriale o nota del Direttore. Insomma, il detto che non necessariamente la testata concorda con quanto scritto nel blog vale anche  per me.

Voglio oggi spezzare una lancia  a favore della riforma in senso ecologico dei codici di abbigliamento ( dress code), più che mai necessaria per evitare di abusare dei condizionatori estivi e della loro energia. Insomma, giacca e cravatta quando fa caldo sono un'assurdità, come ben sanno i manager giapponesi ( ma non i nostri parlamentari, fino giù ai consiglieri comunali di Torino.)

Io mi trovo bene con la camicia a maniche corte. La trovo più leggera, areata e areabile delle magliette. Mi è comoda per il taschino in cui metto spesso il telefono.  Posso aprire e chiudere i bottoni.

Qualche giorno fa delle amiche su facebook mi hanno detto però che è fuori moda, che le camiche si portano lunghe e poi arrotolate, magari anche fino al gomito.    In effetti la sera stessa sono andato a una festa a Milano, c'era molta afa, ma quasi tutti gli uomini avevano la camicia a maniche lunghe arrotolate.  Scusate, ma che moda anti-ecologica e accaldante. Posso capire che le convenzioni mi impediscano di portare il bermuda perchè sopra i 40 anni e soprattutto se si lavora , beh , si considera che il polpaccio non possa essere scoperto. Ma perlomeno o è bermuda o no, non è che metto i pantaloni lunghi arrotolati fino al ginocchio.

La camicia con le maniche lunghe arrotolate fino al gomito è pesante. E' più pesante della camicia a maniche corte. Comporta la produzione il lavaggio e il trasporto di più tessuto. Mi fa respirare di meno. Perchè dovrebbe essere di moda d'estate una cosa così illogica?

 

Ho trovato un articolo del Corriere sulla moda - vabeh è del 2010 ma non sarà cambiato tanto - che la rivaluta anche tra alcuni stilisti.

C'è una unica possibilità di considerare ecologica la soluzione  camicia a manica lunga arrotolata ed è  se...uno è così risparmioso  che usa d'estate arrotolate le stesse camicie dell'inverno. Insomma se ne ha 3 o 4 in tutto.

Un'ipotesi esagerata..


« Torna all'elenco dei post

 

Commenti:

Fiorella - 06.07.2012 17:07

sono una (l'unica?) delle responsabili della "tirata d'orecchi" a Paolo per la camicia a maniche corte, cerco di difendere il mio punto di vista. Capisco che una camicia sia più fresca di una maglietta, ma queste camicie hanno maniche corte veramente brutte: larghe larghe, non si possono guardare. Un po' come i calzini corti (peggio se portati con i sandali e i pantaloncini corti). Un uomo sta analogamente fresco, ripeto quello che avevo postato a Paolo, con una camicia di lino (molto più fresco del cotone) a maniche lunghe, che può arrotolare quanto vuole ma non diventano mai larghe attorno al braccio. Dopo di che, non è obbligatorio essere eleganti :-)

Mauro - 06.07.2012 16:07

Io li uso spesso i camiciotti, in diverse versioni, a mia moglie non piace striarmeli, ma se posso li metto! ;o)

silvio garlasco - 06.07.2012 14:07

Sono d'accordo con Paolo

 

 

Inserisci un commento:

ATTENZIONE: l'inserimento di commenti volgari o offensivi sarà perseguito a norma di legge



(visibile solo all'utente amministratore)


ZappaMI

 

Meno rifiuti 2014

 

Perché ancora troppa carta nell'indifferenziato?

Nei cassonetti dei rifiuti indifferenziati delle città italiane si trovano ancora ingenti quantità di carta e cartone che dovrebbero essere invece differenziate e riciclate. Come mai?Indica quello che secondo te può essere il motivo principale





» commenti (10)

CiAl Ricrea Comieco Corepla

 

RSS Valido!
Segui Ecodallecitta su Twitter