FAIL (the browser should render some flash content, not this).

GLI ECO BLOGGER

Invasioni digitali anche nel Lodigiano, 24 aprile – 4 maggio 2014

di Michele Merola
del 22 aprile 2014

In questo blog si sostiene convintamente che la cultura e il turismo dovrebbero essere la risorsa…

Strisce blu: tra automobilisti, Comuni e mobilità nuova

di Giulio Gonella
del 01 aprile 2014

In questi ultimi giorni di annunci, polemiche e smentite, non è scontato ribadire il ruolo…

Treno perso, poi recuperato, telefono caduto, poi salvato. Rocambolismi

di Paolo Hutter
del 29 marzo 2014

Rocambolesco, conoscete il termine?  Dunque stamane  dovevo prendere  l' 8 e 5…

Pedalare è la risposta

di Giuseppe Piras
del 17 marzo 2014

Ci sono domande che ti spiazzano e anche se la risposta è lampante non è così…

Regno Unito: la Grande Distribuzione taglia le emissioni di Co2 del 25%

di Silvia Ricci
del 14 febbraio 2014

Meno 25% di emissioni di Co2 entro il 2020 come valore assoluto è il nuovo obiettivo per i…

Telelavoro uguale migliore qualità del vivere urbano

di Paolo Piacentini
del 06 febbraio 2014

L'iniziativa del Comune di Milano sul telelavoro o "lavoro agile" come è sta…

Neve e pedali: "Che faccio, lascio?"

di Bru Diarist
del 31 gennaio 2014

La neve che sta imbiancando alcune città del nord Italia in questi giorni della merla del …

C’è un mondo al di là delle Alpi

di Gabriele Del Carlo
del 28 gennaio 2014

Benvenuti a tutti in questa nuova pagina. Su questo blog non tratteremo molto di cosa si fa e…

"Cartesio? Neanche ricordo l’ultima volta che sono passati!”

di Lorenzo Fracastoro
del 17 gennaio 2014

Oggi, mentre sfrecciavo in bici davanti alla copisteria di Via Guastalla angolo Via Artisti,…

Leggi tutti i post

GLI ECO-BLOGGER

Paolo Hutter

 

Le ragioni del "Consiglio di Stato" nel sospendere Area C

pubblicato il 30.07.2012


 

Cercando di capire le ragioni del Coniglio o Consiglio di Stato senza pensare male, senza essere dietrologi, senza vedere complotti. Per  quel poco che ne so e ne capisco Il Consiglio di Stato nel sospendere Area C potrebbe avere ragionato in questo modo: c' è  un interesse offeso per cui ci occupiamo di questa vicenda? Sì, c'è , è quello dei ricorrenti, parcheggio a rotazione che perde clienti a causa di Area C.

C'è un motivo per cui il provvedimento Area C potrebbe essere illegittimo? Sì, c'è, è il fatto che non si insrisce in un piano generale del traffico o della mobilità vigente. I piani approvati anni fa sono scaduti. Difatti questo è stato per molto tempo uno dei problemi dei Comuni, dover rivedere re-impostare e approvare ogni 5 anni il Piano del Traffico. Bene, ammettiamo che questa osservazione sia giustificata. Ma dai un termine al Comune per inquadrare e motivare il provvedimento, caro Cds... Ma cos'è questa improvvisa riscoperta dei principi di programmazione, e perchè la si applica a uno dei provvedimenti più dibattuti e condivisi (referendum) della storia di una città italiana? Perchè si lasciano partire i lavori dei vari Tav senza pretendere una programmazione delle priorità di un Piano nazionale logistica e trasporti? Perchè si lasciano fare le singole varianti urbanistiche senza nuovi piani generali? Perchè si falcidiano le Province senza un piano generale di riassetto degli Enti Locali? e così via e così via. E poi, se è giusto richiedere al Comune un Piano aggiornato della Mobilità e del Traffico, perchè far decadere una limitazione (in questo caso con pedaggio) del traffico? Forse perchè si considera normale la cosiddetta libertà di circolazione delle auto ed eccezionale - e da motivare - la limitazione. E perchè non potrebbe essere il contrario?  Il Comune spieghi perchè lascia libera circolazione alle auto in corso Buenos Aires altrimenti il Consiglio di Stato blocchi il traffico.....


« Torna all'elenco dei post

 

 

Inserisci un commento:

ATTENZIONE: l'inserimento di commenti volgari o offensivi sarà perseguito a norma di legge



(visibile solo all'utente amministratore)


Minori incassi dalla sosta. Perchè?

Da Torino a Messina, passando per Milano e Bologna. Negli ultimi anni i bilanci comunali hanno visto entrare sempre meno incassi dalle strisce blu, con cali progressivi fino a 8-9 punti percentuali sull’anno precedente




» commenti (0)

Conai

 

Corepla Rilegno CiAl CoReVe Ricrea Comieco

 

RSS Valido!
Segui Ecodallecitta su Twitter