FAIL (the browser should render some flash content, not this).

GLI ECO BLOGGER

"Stati Generali della Green Economy": posto sbagliato, momento sbagliato?

di Gianluca Bertazzoli
del 26 novembre 2014

Sono passate più di due settimane dalla fine di Ecomondo, che ha ospitato per la terza volta come “f…

L'auto, imprescindibile diritto umano

di Giuseppe Piras
del 13 novembre 2014

L’episodio che ha visto a Torino i Vigili assediati da cittadini in rivolta perché i…

Discorsone sulle Cartoniadi di Torino (con proposte forti in fondo)

di Paolo Hutter
del 07 novembre 2014

Partiamo in salita con queste prime Cartoniadi torinesi. La carta e il cartone raccolti da Cartes…

Bici & metro: i rischi di una sperimentazione timida

di Giulio Gonella
del 04 novembre 2014

  Non è difficile prevedere la misera fine che potrebbe fare la sperimentazione d…

A tu per tu con Terra Madre, una testimonianza dal Salone del Gusto

di Matteo Volpengo
del 27 ottobre 2014

Cibo, volti, sguardi. Poter viaggiare, nell’arco di poche decine di metri, dalle Filipp…

Desmontegada in val di Fiemme e l’arte di organizzare la raccolta dei rifiuti

di Antonio Castagna
del 09 ottobre 2014

Per i rifiuti ho una vera passione che spesso mi porta a farmi delle domande: quando li individ…

A furia di combattere lo spreco di cibo...storia di una brioche

di Sobria Martinez
del 25 settembre 2014

Chi ha lasciato una brioche al cioccolato  integra  giovedi mattina 25 settembre alla s…

Il mio viaggio sulla Brebemi deserta

di Michele Merola
del 11 settembre 2014

Tornando dalle vacanze dal Nord-est ho voluto percorrere la Brebemi: è stato solo qualche …

Plastica, la riciclabilità si valuta con RecyClass

di Silvia Ricci
del 09 settembre 2014

Evitare che le materie plastiche non siano altro che rifiuti conviene, ed è ormai necessar…

Terra dei Paduli

di Gabriele Del Carlo
del 05 settembre 2014

Campagne dove un tempo sorgevano lussureggianti foreste di querce e lecci, oggi ospitano ulivi se…

Leggi tutti i post

GLI ECO-BLOGGER

Paolo Hutter

 

Le ragioni del "Consiglio di Stato" nel sospendere Area C

pubblicato il 30.07.2012


 

Cercando di capire le ragioni del Coniglio o Consiglio di Stato senza pensare male, senza essere dietrologi, senza vedere complotti. Per  quel poco che ne so e ne capisco Il Consiglio di Stato nel sospendere Area C potrebbe avere ragionato in questo modo: c' è  un interesse offeso per cui ci occupiamo di questa vicenda? Sì, c'è , è quello dei ricorrenti, parcheggio a rotazione che perde clienti a causa di Area C.

C'è un motivo per cui il provvedimento Area C potrebbe essere illegittimo? Sì, c'è, è il fatto che non si insrisce in un piano generale del traffico o della mobilità vigente. I piani approvati anni fa sono scaduti. Difatti questo è stato per molto tempo uno dei problemi dei Comuni, dover rivedere re-impostare e approvare ogni 5 anni il Piano del Traffico. Bene, ammettiamo che questa osservazione sia giustificata. Ma dai un termine al Comune per inquadrare e motivare il provvedimento, caro Cds... Ma cos'è questa improvvisa riscoperta dei principi di programmazione, e perchè la si applica a uno dei provvedimenti più dibattuti e condivisi (referendum) della storia di una città italiana? Perchè si lasciano partire i lavori dei vari Tav senza pretendere una programmazione delle priorità di un Piano nazionale logistica e trasporti? Perchè si lasciano fare le singole varianti urbanistiche senza nuovi piani generali? Perchè si falcidiano le Province senza un piano generale di riassetto degli Enti Locali? e così via e così via. E poi, se è giusto richiedere al Comune un Piano aggiornato della Mobilità e del Traffico, perchè far decadere una limitazione (in questo caso con pedaggio) del traffico? Forse perchè si considera normale la cosiddetta libertà di circolazione delle auto ed eccezionale - e da motivare - la limitazione. E perchè non potrebbe essere il contrario?  Il Comune spieghi perchè lascia libera circolazione alle auto in corso Buenos Aires altrimenti il Consiglio di Stato blocchi il traffico.....


« Torna all'elenco dei post

 

 

Inserisci un commento:

ATTENZIONE: l'inserimento di commenti volgari o offensivi sarà perseguito a norma di legge



(visibile solo all'utente amministratore)


ZappaMI

 

Perché ancora troppa carta nell'indifferenziato?

Nei cassonetti dei rifiuti indifferenziati delle città italiane si trovano ancora ingenti quantità di carta e cartone che dovrebbero essere invece differenziate e riciclate. Come mai?Indica quello che secondo te può essere il motivo principale





» commenti (13)

Corepla CiAl Ricrea Comieco

 

Meno rifiuti 2014

 

RSS Valido!
Segui Ecodallecitta su Twitter