GLI ECO BLOGGER

Tari: Dio stramaledica la pizza al taglio!

di Gianluca Bertazzoli
del 11 dicembre 2014

Qualche giorno fa mi è cascato l’occhio sulle scartoffie che accompagnano il bollett…

E' un lavoro sporco, ma qualcuno lo vuole fare. - Considerazioni post-cartoniadi

di Matteo Volpengo
del 30 novembre 2014

Sono finite le Cartoniadi. Finito il volantinaggio porta a porta, negozio a negozio. Finita la ra…

L'auto, imprescindibile diritto umano

di Giuseppe Piras
del 13 novembre 2014

L’episodio che ha visto a Torino i Vigili assediati da cittadini in rivolta perché i…

Discorsone sulle Cartoniadi di Torino (con proposte forti in fondo)

di Paolo Hutter
del 07 novembre 2014

Partiamo in salita con queste prime Cartoniadi torinesi. La carta e il cartone raccolti da Cartes…

Bici & metro: i rischi di una sperimentazione timida

di Giulio Gonella
del 04 novembre 2014

  Non è difficile prevedere la misera fine che potrebbe fare la sperimentazione d…

Desmontegada in val di Fiemme e l’arte di organizzare la raccolta dei rifiuti

di Antonio Castagna
del 09 ottobre 2014

Per i rifiuti ho una vera passione che spesso mi porta a farmi delle domande: quando li individ…

A furia di combattere lo spreco di cibo...storia di una brioche

di Sobria Martinez
del 25 settembre 2014

Chi ha lasciato una brioche al cioccolato  integra  giovedi mattina 25 settembre alla s…

Il mio viaggio sulla Brebemi deserta

di Michele Merola
del 11 settembre 2014

Tornando dalle vacanze dal Nord-est ho voluto percorrere la Brebemi: è stato solo qualche …

Plastica, la riciclabilità si valuta con RecyClass

di Silvia Ricci
del 09 settembre 2014

Evitare che le materie plastiche non siano altro che rifiuti conviene, ed è ormai necessar…

Terra dei Paduli

di Gabriele Del Carlo
del 05 settembre 2014

Campagne dove un tempo sorgevano lussureggianti foreste di querce e lecci, oggi ospitano ulivi se…

Leggi tutti i post

GLI ECO-BLOGGER

Giulio Gonella

 

"Perché non usi la bici?", e l'automobilista non si offende

pubblicato il 31.07.2012


 

In questi giorni estivi, data la temporanea chiusura di un tratto di corso Casale a Torino, l'attiguo Lungo Po Antonelli è diventato teatro di code interminabili di auto in direzione centro città.
Abitando nelle vicinanze, mi è venuta l'idea di creare volantini "perché non usi la bici?" che sponsorizzassero in maniera semplice e diretta l'uso della bici, e di distribuirli agli automobilisti in coda. In due giorni di volantinaggio, alla fine sono riuscito a darne più o meno 150.
L'aspetto più interessante è stato sicuramente il contatto e lo scambio di idee con le persone che incontravo; il mio direttore, infatti, mi ha consigliato di chiedere opinioni e commenti sull'argomento agli stessi automobilisti, cosa che mi sono impegnato a fare durante il secondo giorno di volantinaggio.

Le opinioni sono state preziose e interessanti: relativamente poche persone si sono giustificate dicendo “vengo da fuori”, che invece ci saremmo aspettati essere la scusa comune, nell'unica strada che accoglie le auto provenienti da San Mauro e dai paesi limitrofi.
Piuttosto, chi arrivava da fuori, come un'elegante signora di Castelnuovo Don Bosco, o un ragazzo di Chieri, elogiavano l'uso della bici nella loro cittadina, e affermavano di farne uso costante. Solo per venire a Torino, mi hanno detto, sono stati “costretti” a usare l'auto.
Un giovane marocchino pensava di comprarsela presto, una bicicletta, perché più comoda e più veloce. Una mamma coi bambini affermava invece di usare abitualmente i mezzi, e la macchina solo per “scarrozzare” in giro i due figli piccoli. Un uomo in giacca e cravatta, di esser costretto a usare l'auto per lavoro, per andare da una parte all'altra della città.
Non ho trovato persone particolarmente ostili a darmi una loro opinione, né a scambiare due parole sull'argomento. Coloro a cui non chiedevo un parere leggevano comunque con interesse il volantino, che appariva forse come qualcosa di diverso; non era la pubblicità di niente e di nessuno, se non di una buona abitudine.

Qui il link al volantino: https://docs.google.com/open?id=0B25l0CpdOBjpanpkZWcxTzRFbms


« Torna all'elenco dei post

 

Commenti:

manuel - 15.10.2012 14:10

https://vimeo.com/48368641 Totalmente gratis, infinitamente per tutti !!

Veni Vidi Bici è il mio mini Documentario sulla mobilità sostenibile, sull’inquinamento e sulle bici a Milano. Interviste a ciclisti ci conducono in una visuale soggettiva della Milano a pedali, tra fermento ciclistico, Critical Mass e Ciclofficine, il quale scopo è di mettere in luce diversi punti di vista di ciclisti per farci riflettere sulla mobilità leggera, soprattutto in una città come Milano.

Silvia - 06.08.2012 17:08

Ciao!
mi ha colpito molto quello che hai fatto!Questo si che è comunicare!Bello
Io abito a Collegno, ho provato molte volte a prendere la bici ma il vero rischio non è tanto quello di finire sotto una macchina, ma di respirare a pieno polmoni una "dose" di gas di scarico veramente tossica!!Quando porto mio figlio in giro a piedi o in bici inaliamo di tutto di più,mi piace vivere in città sei in mezzo alla gente, hai i servizi, ma a che prezzo!l'aria è irrespirabile! Non a caso Torino è la città più inquinata d'Italia!

 

 

Inserisci un commento:

ATTENZIONE: l'inserimento di commenti volgari o offensivi sarà perseguito a norma di legge



(visibile solo all'utente amministratore)


ZappaMI

 

Nuove luci pubbliche, come le preferite?

Stanno cambiando le luci nelle città, si accendono
i nuovi Led..





COREPLA:

Corepla Ricrea Comieco CiAl

 

Meno rifiuti 2014

 

RSS Valido!