FAIL (the browser should render some flash content, not this).

GLI ECO BLOGGER

Come riduco l'uso dei rasoietti usa e getta

di Paolo Hutter
del 19 settembre 2014

Salve.  Nell'avvicinarsi della Settimana Europea della Riduzione  dei Rifiuti, …

Il mio viaggio sulla Brebemi deserta

di Michele Merola
del 11 settembre 2014

Tornando dalle vacanze dal Nord-est ho voluto percorrere la Brebemi: è stato solo qualche …

Plastica, la riciclabilità si valuta con RecyClass

di Silvia Ricci
del 09 settembre 2014

Evitare che le materie plastiche non siano altro che rifiuti conviene, ed è ormai necessar…

Terra dei Paduli

di Gabriele Del Carlo
del 05 settembre 2014

Campagne dove un tempo sorgevano lussureggianti foreste di querce e lecci, oggi ospitano ulivi se…

Una notizia buona e una cattiva

di Giuseppe Piras
del 30 luglio 2014

I giornali riportano una notizia buona e una cattiva. La notizia cattiva è che il Mini…

La raccolta differenziata non è (solo) un affare per specialisti

di Antonio Castagna
del 22 luglio 2014

Venerdì 18 luglio ho presentato il mio libro "Tutto è monnezza" a Barrier…

Le recensioni di Cinemambiente: Nella terra dei fuochi

di Eco Spettatore
del 07 giugno 2014

di Angela Conversano “Terra dei fuochi” è l'espressione che risalta ne…

Le recensioni di Cinemambiente: Endless Roads

di Eco Spettatore
del 07 giugno 2014

di Angela Conversano Endless Roads è la storia della tenacia di una donna che vive a Zhe…

Recensioni di Cinemambiente: Divide in Concorde. ( Divieto alle bottiglie in plastica per l'acqua)

di Eco Spettatore
del 03 giugno 2014

di  Paolo Hutter     Se guardi "Divide in Concorde" hai l'imp…

Leggi tutti i post

GLI ECO-BLOGGER

Giulio Gonella

 

"Perché non usi la bici?", e l'automobilista non si offende

pubblicato il 31.07.2012


 

In questi giorni estivi, data la temporanea chiusura di un tratto di corso Casale a Torino, l'attiguo Lungo Po Antonelli è diventato teatro di code interminabili di auto in direzione centro città.
Abitando nelle vicinanze, mi è venuta l'idea di creare volantini "perché non usi la bici?" che sponsorizzassero in maniera semplice e diretta l'uso della bici, e di distribuirli agli automobilisti in coda. In due giorni di volantinaggio, alla fine sono riuscito a darne più o meno 150.
L'aspetto più interessante è stato sicuramente il contatto e lo scambio di idee con le persone che incontravo; il mio direttore, infatti, mi ha consigliato di chiedere opinioni e commenti sull'argomento agli stessi automobilisti, cosa che mi sono impegnato a fare durante il secondo giorno di volantinaggio.

Le opinioni sono state preziose e interessanti: relativamente poche persone si sono giustificate dicendo “vengo da fuori”, che invece ci saremmo aspettati essere la scusa comune, nell'unica strada che accoglie le auto provenienti da San Mauro e dai paesi limitrofi.
Piuttosto, chi arrivava da fuori, come un'elegante signora di Castelnuovo Don Bosco, o un ragazzo di Chieri, elogiavano l'uso della bici nella loro cittadina, e affermavano di farne uso costante. Solo per venire a Torino, mi hanno detto, sono stati “costretti” a usare l'auto.
Un giovane marocchino pensava di comprarsela presto, una bicicletta, perché più comoda e più veloce. Una mamma coi bambini affermava invece di usare abitualmente i mezzi, e la macchina solo per “scarrozzare” in giro i due figli piccoli. Un uomo in giacca e cravatta, di esser costretto a usare l'auto per lavoro, per andare da una parte all'altra della città.
Non ho trovato persone particolarmente ostili a darmi una loro opinione, né a scambiare due parole sull'argomento. Coloro a cui non chiedevo un parere leggevano comunque con interesse il volantino, che appariva forse come qualcosa di diverso; non era la pubblicità di niente e di nessuno, se non di una buona abitudine.

Qui il link al volantino: https://docs.google.com/open?id=0B25l0CpdOBjpanpkZWcxTzRFbms


« Torna all'elenco dei post

 

Commenti:

manuel - 15.10.2012 14:10

https://vimeo.com/48368641 Totalmente gratis, infinitamente per tutti !!

Veni Vidi Bici è il mio mini Documentario sulla mobilità sostenibile, sull’inquinamento e sulle bici a Milano. Interviste a ciclisti ci conducono in una visuale soggettiva della Milano a pedali, tra fermento ciclistico, Critical Mass e Ciclofficine, il quale scopo è di mettere in luce diversi punti di vista di ciclisti per farci riflettere sulla mobilità leggera, soprattutto in una città come Milano.

Silvia - 06.08.2012 17:08

Ciao!
mi ha colpito molto quello che hai fatto!Questo si che è comunicare!Bello
Io abito a Collegno, ho provato molte volte a prendere la bici ma il vero rischio non è tanto quello di finire sotto una macchina, ma di respirare a pieno polmoni una "dose" di gas di scarico veramente tossica!!Quando porto mio figlio in giro a piedi o in bici inaliamo di tutto di più,mi piace vivere in città sei in mezzo alla gente, hai i servizi, ma a che prezzo!l'aria è irrespirabile! Non a caso Torino è la città più inquinata d'Italia!

 

 

Inserisci un commento:

ATTENZIONE: l'inserimento di commenti volgari o offensivi sarà perseguito a norma di legge



(visibile solo all'utente amministratore)


Meno rifiuti 2014

 

Aiutaci a scegliere il titolo del.....

" Diario e concorso delle scuole primarie di Milano impegnate contro lo speco di cibo" : è l'iniziativa che stiamo per varare..
Vorremmo dargli un titolo sintetico, che sarà sempre acompagnato dal sottotitolo " diario etc.." Quale titolo preferiresti?






» commenti (2)

CiAl Ricrea Comieco Corepla

 

RSS Valido!
Segui Ecodallecitta su Twitter