GLI ECO BLOGGER

Tari: Dio stramaledica la pizza al taglio!

di Gianluca Bertazzoli
del 11 dicembre 2014

Qualche giorno fa mi è cascato l’occhio sulle scartoffie che accompagnano il bollett…

E' un lavoro sporco, ma qualcuno lo vuole fare. - Considerazioni post-cartoniadi

di Matteo Volpengo
del 30 novembre 2014

Sono finite le Cartoniadi. Finito il volantinaggio porta a porta, negozio a negozio. Finita la ra…

L'auto, imprescindibile diritto umano

di Giuseppe Piras
del 13 novembre 2014

L’episodio che ha visto a Torino i Vigili assediati da cittadini in rivolta perché i…

Discorsone sulle Cartoniadi di Torino (con proposte forti in fondo)

di Paolo Hutter
del 07 novembre 2014

Partiamo in salita con queste prime Cartoniadi torinesi. La carta e il cartone raccolti da Cartes…

Bici & metro: i rischi di una sperimentazione timida

di Giulio Gonella
del 04 novembre 2014

  Non è difficile prevedere la misera fine che potrebbe fare la sperimentazione d…

Desmontegada in val di Fiemme e l’arte di organizzare la raccolta dei rifiuti

di Antonio Castagna
del 09 ottobre 2014

Per i rifiuti ho una vera passione che spesso mi porta a farmi delle domande: quando li individ…

A furia di combattere lo spreco di cibo...storia di una brioche

di Sobria Martinez
del 25 settembre 2014

Chi ha lasciato una brioche al cioccolato  integra  giovedi mattina 25 settembre alla s…

Il mio viaggio sulla Brebemi deserta

di Michele Merola
del 11 settembre 2014

Tornando dalle vacanze dal Nord-est ho voluto percorrere la Brebemi: è stato solo qualche …

Plastica, la riciclabilità si valuta con RecyClass

di Silvia Ricci
del 09 settembre 2014

Evitare che le materie plastiche non siano altro che rifiuti conviene, ed è ormai necessar…

Terra dei Paduli

di Gabriele Del Carlo
del 05 settembre 2014

Campagne dove un tempo sorgevano lussureggianti foreste di querce e lecci, oggi ospitano ulivi se…

Leggi tutti i post

GLI ECO-BLOGGER

Paolo Hutter

 

Se non è indicata la categoria inquinante - euro 0, 1, 2, 3 etc - come si fa a bloccare le auto che non dovrebbero circolare?

pubblicato il 02.08.2012


 

Per semplificare la vita ai cittadini la Regione Piemonte ha pensato bene di togliere l'obbligo di indicare sulle auto - con apposite VETROFANIE - la categoria a cui appartiene l'auto dal punto di vista delle direttive europee antinquinamento, quindi se Euro 0, 1, 2 etc..  L'obblgo era stato introdotto pochi anni fa su iniziativa dell'assessore all'Ambiente della Giunta Bresso, De Ruggiero. Anche in Piemonte, sia pure più timidamente e parzialmente che in Lombardia ed Emilia, la Regione si era mossa per far fermare - almeno in certi orari - i veicoli più inquinanti fino agli Euro 2 diesel. Adesso i vigili, che già facevano pochissimi controlli, ne faranno ancora meno..Il bello è che la notizia è uscita lo stesso giorno in cui i giornali si sono occupati del nuovo primato italiano di smog, a Torino capitale. E nessuno ha trovati niente da ridire..


« Torna all'elenco dei post

 

 

Inserisci un commento:

ATTENZIONE: l'inserimento di commenti volgari o offensivi sarà perseguito a norma di legge



(visibile solo all'utente amministratore)


ZappaMI

 

Nuove luci pubbliche, come le preferite?

Stanno cambiando le luci nelle città, si accendono
i nuovi Led..





COREPLA:

Comieco Corepla Ricrea CiAl

 

Meno rifiuti 2014

 

RSS Valido!