GLI ECO BLOGGER

Expo o non Expo.. che sia un ECO 2015 ( e guardandolo dal drone...).

di Paolo Hutter
del 16 gennaio 2015

  Questa è stata la frase di augurio per l'anno nuovo di Eco dalle Citt&…

Tari: Dio stramaledica la pizza al taglio!

di Gianluca Bertazzoli
del 29 dicembre 2015

Qualche giorno fa mi è cascato l’occhio sulle scartoffie che accompagnano il bollett…

E' un lavoro sporco, ma qualcuno lo vuole fare. - Considerazioni post-cartoniadi

di Matteo Volpengo
del 30 novembre 2014

Sono finite le Cartoniadi. Finito il volantinaggio porta a porta, negozio a negozio. Finita la ra…

L'auto, imprescindibile diritto umano

di Giuseppe Piras
del 13 novembre 2014

L’episodio che ha visto a Torino i Vigili assediati da cittadini in rivolta perché i…

Bici & metro: i rischi di una sperimentazione timida

di Giulio Gonella
del 04 novembre 2014

  Non è difficile prevedere la misera fine che potrebbe fare la sperimentazione d…

Desmontegada in val di Fiemme e l’arte di organizzare la raccolta dei rifiuti

di Antonio Castagna
del 09 ottobre 2014

Per i rifiuti ho una vera passione che spesso mi porta a farmi delle domande: quando li individ…

Leggi tutti i post

GLI ECO-BLOGGER

bicisnob

 

Perché le quattro ruote hanno avuto ragione dei quadrupedi?

pubblicato il 03.07.2012


 

L’industria delle carrozze è stata particolarmente florida, in Europa e in America, fino alla fine del XIX secolo. Poi è comparsa l’automobile. Perché le quattro ruote hanno avuto ragione dei quadrupedi? Non per via dell’affidabilità del mezzo (il cavallo si può azzoppare, ma i motori possono grippare), non per ragioni ambientali (i tubi di scappamento rappresentano un problema almeno analogo a quello che avrebbe prodotto un’ipotetica cavallizzazione di massa col suo maleodorante strascico di “scarichi” fecali), non per calcolo economico (le carrozze erano veicoli per ricchi, le prime automobili anche).

A determinare il successo dei cavalli meccanici è stata la velocità, l’opportunità di poter coprire distanze più lunghe in minor tempo. Che fossero ronzini o stalloni, poco importava: erano lenti. E sono stati mandati in pensione. Oggi quella stessa lentezza, nelle aree urbane, colpisce le automobili che viaggiano a una velocità media che non supera mai i 20-25 chilometri orari. E’ arrivato il momento di pensionare le automobili. E chi, tra gli amministratori pubblici, pensa che non sia possibile, farebbe bene ad andare in pensione.


« Torna all'elenco dei post

 

 

Inserisci un commento:

ATTENZIONE: l'inserimento di commenti volgari o offensivi sarà perseguito a norma di legge



(visibile solo all'utente amministratore)


ZappaMI

 

Olimpiadi del 2024 in una città italiana?







» commenti (4)

Comieco CiAl Ricrea

 

Meno rifiuti 2014

 

RSS Valido!