GLI ECO BLOGGER

Critica dell’acquisto sostenibile: il giusto fornitore di energia elettrica

di matteo Jarre
del 26 febbraio 2015

Si dice spesso che l’unico potere rimasto alle persone sia legato alle cose che consumano e…

Dipingere il buio, spunti sulla luce in città

di Matteo Volpengo
del 16 febbraio 2015

  "Aveva trovato quel che stava cercando nella tasca interna del mantello. Sembrava…

Non si accede alla zona binari senza biglietto?

di Paolo Hutter
del 05 febbraio 2015

Arrivando col treno alla Stazione Centrale di Milano alle 10 e 45 di giovedì 5 febbraio ho…

Tari: Dio stramaledica la pizza al taglio!

di Gianluca Bertazzoli
del 29 dicembre 2015

Qualche giorno fa mi è cascato l’occhio sulle scartoffie che accompagnano il bollett…

L'auto, imprescindibile diritto umano

di Giuseppe Piras
del 13 novembre 2014

L’episodio che ha visto a Torino i Vigili assediati da cittadini in rivolta perché i…

Bici & metro: i rischi di una sperimentazione timida

di Giulio Gonella
del 04 novembre 2014

  Non è difficile prevedere la misera fine che potrebbe fare la sperimentazione d…

Leggi tutti i post

Sostenibilità > Olimpiadi

… e se a Pechino non ci fosse stato smog?


 

… o per lo meno tutto quello che si supponeva dagli allarmi lanciati prima delle Olimpiadi? I dati diffusi dalle autorità cinesi affermano che la qualità dell'aria è stata più che accettabile, e comunque al di sotto dei limiti mediamente stabiliti a livello internazionale.
Cosa successe a Torino 2006?

 

mercoledì 27 agosto 2008 12:18

 

… e se a Pechino non ci fosse stato smog?
clicca sull'immagine per ingrandire

I dati diffusi dalle autorità cinesi sembrano dimostrare come la qualità dell’aria di Pechino non sia stata pessima quanto ce la si poteva aspettare… anzi!
In nove giornate la qualità dell'aria è stata addirittura ottima, cioè inferiore ai livelli raccomandati dalla organizzazione mondiale della sanità (20 microgrammi al metro cubo).
Questi i dati delle autorità cinesi. Latitano quelle degli osservatori internazionali, non sappiamo ancora, dunque, se la media durante i giorni dei giochi sia stata sotto i 50mcg. La BBC ha condotto delle sue misurazioni non ufficiali nei primi 10 giorni concludendo che la media era stata di 70 microgrammi, in ogni caso molto inferiore a ciò che si temeva.

Ma un dato è sicuro: la Cina ha fatto un enorme sforzo per migliorare la qualità dell’aria, almeno durante la manifestazione olimpica. Fabbriche chiuse, blocchi (sia parziali che totali) alla circolazione automobilistica. Uno sforzo che non ha precedenti.

Se si fa il paragone con Torino (sede delle olimpiadi Invernali 2006), è facile sottolineare differenze macroscopiche: mentre Pechino chiude fabbriche e blocca la circolazione privata, Torino no, aveva fatto quasi il contrario. Le modeste restrizioni al traffico privato in vigore nell'inverno 2006 erano state addittura tutte soppresse, portando allla medaglia d’oro dello smog. A Torino la media ufficiale Arpa di quelle giornate di febbraio 2006 è stata superiore ai 100 mcg, con una giornata, il 16 febbraio 2006 di record negativo assoluto del nuovo secolo. Record trascurato dalla informazione, locale, nazionale e internazionale.

“Durante le Olimpiadi l’aria più pulita degli ultimi dieci anni” - 01.09.2008
Il piccolo osservatorio autogestito della BBC


 

 

Cartoni della pizza usati. Dove li buttate?

Si calcola che ogni giorno in Italia si consumino un milione e trecentomila pizze d'asporto..una grande massa






» commenti (0)

RSS Valido!