FAIL (the browser should render some flash content, not this).

GLI ECO BLOGGER

Invasioni digitali anche nel Lodigiano, 24 aprile – 4 maggio 2014

di Michele Merola
del 22 aprile 2014

In questo blog si sostiene convintamente che la cultura e il turismo dovrebbero essere la risorsa…

Strisce blu: tra automobilisti, Comuni e mobilità nuova

di Giulio Gonella
del 01 aprile 2014

In questi ultimi giorni di annunci, polemiche e smentite, non è scontato ribadire il ruolo…

Treno perso, poi recuperato, telefono caduto, poi salvato. Rocambolismi

di Paolo Hutter
del 29 marzo 2014

Rocambolesco, conoscete il termine?  Dunque stamane  dovevo prendere  l' 8 e 5…

Pedalare è la risposta

di Giuseppe Piras
del 17 marzo 2014

Ci sono domande che ti spiazzano e anche se la risposta è lampante non è così…

Regno Unito: la Grande Distribuzione taglia le emissioni di Co2 del 25%

di Silvia Ricci
del 14 febbraio 2014

Meno 25% di emissioni di Co2 entro il 2020 come valore assoluto è il nuovo obiettivo per i…

Telelavoro uguale migliore qualità del vivere urbano

di Paolo Piacentini
del 06 febbraio 2014

L'iniziativa del Comune di Milano sul telelavoro o "lavoro agile" come è sta…

Neve e pedali: "Che faccio, lascio?"

di Bru Diarist
del 31 gennaio 2014

La neve che sta imbiancando alcune città del nord Italia in questi giorni della merla del …

C’è un mondo al di là delle Alpi

di Gabriele Del Carlo
del 28 gennaio 2014

Benvenuti a tutti in questa nuova pagina. Su questo blog non tratteremo molto di cosa si fa e…

"Cartesio? Neanche ricordo l’ultima volta che sono passati!”

di Lorenzo Fracastoro
del 17 gennaio 2014

Oggi, mentre sfrecciavo in bici davanti alla copisteria di Via Guastalla angolo Via Artisti,…

Leggi tutti i post

Sostenibilità > Olimpiadi

… e se a Pechino non ci fosse stato smog?


 

… o per lo meno tutto quello che si supponeva dagli allarmi lanciati prima delle Olimpiadi? I dati diffusi dalle autorità cinesi affermano che la qualità dell'aria è stata più che accettabile, e comunque al di sotto dei limiti mediamente stabiliti a livello internazionale.
Cosa successe a Torino 2006?

 

mercoledì 27 agosto 2008 12:18

 

… e se a Pechino non ci fosse stato smog?
clicca sull'immagine per ingrandire

I dati diffusi dalle autorità cinesi sembrano dimostrare come la qualità dell’aria di Pechino non sia stata pessima quanto ce la si poteva aspettare… anzi!
In nove giornate la qualità dell'aria è stata addirittura ottima, cioè inferiore ai livelli raccomandati dalla organizzazione mondiale della sanità (20 microgrammi al metro cubo).
Questi i dati delle autorità cinesi. Latitano quelle degli osservatori internazionali, non sappiamo ancora, dunque, se la media durante i giorni dei giochi sia stata sotto i 50mcg. La BBC ha condotto delle sue misurazioni non ufficiali nei primi 10 giorni concludendo che la media era stata di 70 microgrammi, in ogni caso molto inferiore a ciò che si temeva.

Ma un dato è sicuro: la Cina ha fatto un enorme sforzo per migliorare la qualità dell’aria, almeno durante la manifestazione olimpica. Fabbriche chiuse, blocchi (sia parziali che totali) alla circolazione automobilistica. Uno sforzo che non ha precedenti.

Se si fa il paragone con Torino (sede delle olimpiadi Invernali 2006), è facile sottolineare differenze macroscopiche: mentre Pechino chiude fabbriche e blocca la circolazione privata, Torino no, aveva fatto quasi il contrario. Le modeste restrizioni al traffico privato in vigore nell'inverno 2006 erano state addittura tutte soppresse, portando allla medaglia d’oro dello smog. A Torino la media ufficiale Arpa di quelle giornate di febbraio 2006 è stata superiore ai 100 mcg, con una giornata, il 16 febbraio 2006 di record negativo assoluto del nuovo secolo. Record trascurato dalla informazione, locale, nazionale e internazionale.

“Durante le Olimpiadi l’aria più pulita degli ultimi dieci anni” - 01.09.2008
Il piccolo osservatorio autogestito della BBC


 

 

Minori incassi dalla sosta. Perchè?

Da Torino a Messina, passando per Milano e Bologna. Negli ultimi anni i bilanci comunali hanno visto entrare sempre meno incassi dalle strisce blu, con cali progressivi fino a 8-9 punti percentuali sull’anno precedente




» commenti (0)

RSS Valido!
Segui Ecodallecitta su Twitter