FAIL (the browser should render some flash content, not this).

GLI ECO BLOGGER

Le Cartoniadi come occasione sociale

di Paolo Hutter
del 22 ottobre 2014

A  novembre   le 9 circoscrizioni di Milano e i 23 quartieri storici di Torino sono in …

Desmontegada in val di Fiemme e l’arte di organizzare la raccolta dei rifiuti

di Antonio Castagna
del 09 ottobre 2014

Per i rifiuti ho una vera passione che spesso mi porta a farmi delle domande: quando li individ…

Pedonalizzazioni low cost

di Giulio Gonella
del 04 ottobre 2014

Continuo a non capire perché tutte le volte che si parla di pedonalizzazione a Torino si c…

A furia di combattere lo spreco di cibo...storia di una brioche

di Sobria Martinez
del 25 settembre 2014

Chi ha lasciato una brioche al cioccolato  integra  giovedi mattina 25 settembre alla s…

Il mio viaggio sulla Brebemi deserta

di Michele Merola
del 11 settembre 2014

Tornando dalle vacanze dal Nord-est ho voluto percorrere la Brebemi: è stato solo qualche …

Plastica, la riciclabilità si valuta con RecyClass

di Silvia Ricci
del 09 settembre 2014

Evitare che le materie plastiche non siano altro che rifiuti conviene, ed è ormai necessar…

Terra dei Paduli

di Gabriele Del Carlo
del 05 settembre 2014

Campagne dove un tempo sorgevano lussureggianti foreste di querce e lecci, oggi ospitano ulivi se…

Una notizia buona e una cattiva

di Giuseppe Piras
del 30 luglio 2014

I giornali riportano una notizia buona e una cattiva. La notizia cattiva è che il Mini…

Leggi tutti i post

Mobilità > Biciclette

Biciclette: in via di esaurimento gli incentivi


 

E' boom di vendite ad appena tre giorni dal rilancio degli incentivi statali: 45 mila biciclette acquistate con lo sconto del 30%. Meno di 2 milioni di euro ancora a disposizione. Prestigiacomo: "La risposta degli italiani è stata superiore alle più rosee aspettative"

 

di Federico Vozza
martedì 29 settembre 2009 10:41

 

Biciclette: in via di esaurimento gli incentivi
clicca sull'immagine per ingrandire

Un acquisto ogni due secondi. E' questo il dato che fotografa meglio la risposta al rilancio degli incentivi per l'acquisto delle due ruote ecologiche. Da venerdì 25 settembre i rivenditori aderenti all'iniziativa sono stati letteralmente presi d'assalto, vendendo più di 45 mila biciclette. Ad averne approfittato maggiormente i cittadini del Nord Italia, a cui è attribuito il 69% degli acquisti, seguiti da quelli del Centro (17%), del Sud (10%) e delle Isole (4%). Fra le città Roma guida la classifica con più di mille acquisti, seguita da Milano, Rimini e Torino. La statistica regionale vede invece avanti la Lombardia (oltre 7 mila pratiche) seguita da Veneto, Emlia Romagna e Piemonte. In totale i contributi erogati dal Ministero superano al momento i 5,8 milioni di euro; il fondo di 7,7 milioni riservato all'acquisto di biciclette potrebbe quindi esaurirsi nel giro di poche ore.

Un risultato al di là delle migliori previsioni, per stessa ammissione del ministro all'Ambiente Stefania Prestigiacomo: "C'era grande attesa per l'esito di questi incentivi -ha commentato il ministro- e confidavamo nella replica del successo della prima tranche di agevolazioni della primavera scorsa. La risposta degli italiani è stata superiore alle più rosee aspettative. C'è la concreta possibilità che la quota degli incentivi per bici e biciclette a pedalata assistita vada esaurita già entro la fine di questa settimana. Si tratta di un dato straordinariamente incoraggiante sia dal punto di vista culturale, evidenziando una forte propensione della gente ad una mobilità sostenibile e sana, che dal punto di vista economico dal momento che gli incentivi metteranno in moto acquisti per oltre 25 milioni di euro. Complessivamente, sommando le misure del maggio scorso e quelle in corso avremo promosso l'acquisto di oltre 100 mila biciclette".

Per ogni informazione e per le statistiche di vendita aggiornate: www.incentivibiciclette.minambiente.it

Fiab sugli incentivi all'acquisto di biciclette: "Bene gli sconti ma serve una politica della mobilità ciclistica"


 

 


Notizie correlate


» Ripartiti i finanziamenti per le due ruote


 

Perché ancora troppa carta nell'indifferenziato?

Nei cassonetti dei rifiuti indifferenziati delle città italiane si trovano ancora ingenti quantità di carta e cartone che dovrebbero essere invece differenziate e riciclate. Come mai?Indica quello che secondo te può essere il motivo principale





» commenti (6)

RSS Valido!
Segui Ecodallecitta su Twitter