FAIL (the browser should render some flash content, not this).

GLI ECO BLOGGER

Strisce blu: tra automobilisti, Comuni e mobilità nuova

di Giulio Gonella
del 01 aprile 2014

In questi ultimi giorni di annunci, polemiche e smentite, non è scontato ribadire il ruolo…

Treno perso, poi recuperato, telefono caduto, poi salvato. Rocambolismi

di Paolo Hutter
del 29 marzo 2014

Rocambolesco, conoscete il termine?  Dunque stamane  dovevo prendere  l' 8 e 5…

Pedalare è la risposta

di Giuseppe Piras
del 17 marzo 2014

Ci sono domande che ti spiazzano e anche se la risposta è lampante non è così…

Regno Unito: la Grande Distribuzione taglia le emissioni di Co2 del 25%

di Silvia Ricci
del 14 febbraio 2014

Meno 25% di emissioni di Co2 entro il 2020 come valore assoluto è il nuovo obiettivo per i…

Telelavoro uguale migliore qualità del vivere urbano

di Paolo Piacentini
del 06 febbraio 2014

L'iniziativa del Comune di Milano sul telelavoro o "lavoro agile" come è sta…

Neve e pedali: "Che faccio, lascio?"

di Bru Diarist
del 31 gennaio 2014

La neve che sta imbiancando alcune città del nord Italia in questi giorni della merla del …

C’è un mondo al di là delle Alpi

di Gabriele Del Carlo
del 28 gennaio 2014

Benvenuti a tutti in questa nuova pagina. Su questo blog non tratteremo molto di cosa si fa e…

"Cartesio? Neanche ricordo l’ultima volta che sono passati!”

di Lorenzo Fracastoro
del 17 gennaio 2014

Oggi, mentre sfrecciavo in bici davanti alla copisteria di Via Guastalla angolo Via Artisti,…

Leggi tutti i post

Rifiuti > Inceneritori e Impianti

Vedelago, un impianto modello


 

Voluto dal CRAR (Coordinamento Regionale Ambientalisti Rifiuti), realizzato in collaborazione della Provincia di Torino, si è svolto nel capoluogo piemontese un incontro con la responsabile dell'impianto di Vedelago (TV)

 

di Sergio Capelli
mercoledì 24 settembre 2008 10:23

 

Indicato come esempio dagli ambientalisti, l'impianto di Vedelago è ormai preso come modello di efficienza e la sua responsabile, Carla Poli, è spesso "in tour" per presentarlo alle amministrazioni locali di tutt'Italia.
Ultima tappa è stata martedì 24 settembre Torino. In un incontro voluto dal CRAR (Coordinamento Regionale Ambientalisti Rifiuti), da sempre contrario al Piano Rifiuti provinciale ed alla realizzazione dei 2 inceneritori previsti, e realizzato in collaborazione della Provincia di Torino.

Quello di Vedelago è un impianto di stoccaggio e selezione meccanica di rifiuti ai fini del recupero di materiali.
L'attività consiste nel ricevere le frazioni secche riciclabili dei rifiuti urbani e assimilati, selezionare i materiali in base alla composizione merceologica ed inviarli alle piattaforme di recupero deputate. La particolarità dell’impianto è che nulla di ciò che entra viene smaltito in discarica o per incenerimento. Gli scarti derivanti dalla selezione, infatti, vengono trattati e trasformati in una sabbia sintetica utilizzata in edilizia. Tale prodotto, infatti può sostituire la sabbia naturale nella costruzione di strade, ma soprattutto può essere mescolata al cemento, per creare mattoni decisamente più leggeri e resistenti di quelli classici.

“Ma l’utilizzo di questa plastica, così come la sua qualità, è destinato a crescere – dichiara Carla Poli – Al momento stiamo lavorando in collaborazione con il centro ENEA di Brindisi per migliorare la qualità del prodotto, e siamo in uno stato avanzato di realizzazione del progetto. Con orgoglio devo dire che siamo stati proposti alla CEE per un premio”

Il sito dell'impianto di Vedelago

Scarica il video di presentazione dell'impianto (wmv - 17Mb)

Vedi il video su Youtube
Vedi un'intervista a Carla Poli


 

 

Minori incassi dalla sosta. Perchè?

Da Torino a Messina, passando per Milano e Bologna. Negli ultimi anni i bilanci comunali hanno visto entrare sempre meno incassi dalle strisce blu, con cali progressivi fino a 8-9 punti percentuali sull’anno precedente




» commenti (0)

RSS Valido!
Segui Ecodallecitta su Twitter