GLI ECO BLOGGER

Critica dell’acquisto sostenibile: il giusto fornitore di energia elettrica

di matteo Jarre
del 26 febbraio 2015

Si dice spesso che l’unico potere rimasto alle persone sia legato alle cose che consumano e…

Dipingere il buio, spunti sulla luce in città

di Matteo Volpengo
del 16 febbraio 2015

  "Aveva trovato quel che stava cercando nella tasca interna del mantello. Sembrava…

Non si accede alla zona binari senza biglietto?

di Paolo Hutter
del 05 febbraio 2015

Arrivando col treno alla Stazione Centrale di Milano alle 10 e 45 di giovedì 5 febbraio ho…

Tari: Dio stramaledica la pizza al taglio!

di Gianluca Bertazzoli
del 29 dicembre 2015

Qualche giorno fa mi è cascato l’occhio sulle scartoffie che accompagnano il bollett…

L'auto, imprescindibile diritto umano

di Giuseppe Piras
del 13 novembre 2014

L’episodio che ha visto a Torino i Vigili assediati da cittadini in rivolta perché i…

Leggi tutti i post

Rifiuti > Inceneritori e Impianti

Vedelago, un impianto modello


 

Voluto dal CRAR (Coordinamento Regionale Ambientalisti Rifiuti), realizzato in collaborazione della Provincia di Torino, si è svolto nel capoluogo piemontese un incontro con la responsabile dell'impianto di Vedelago (TV)

 

di Sergio Capelli
mercoledì 24 settembre 2008 10:23

 

Indicato come esempio dagli ambientalisti, l'impianto di Vedelago è ormai preso come modello di efficienza e la sua responsabile, Carla Poli, è spesso "in tour" per presentarlo alle amministrazioni locali di tutt'Italia.
Ultima tappa è stata martedì 24 settembre Torino. In un incontro voluto dal CRAR (Coordinamento Regionale Ambientalisti Rifiuti), da sempre contrario al Piano Rifiuti provinciale ed alla realizzazione dei 2 inceneritori previsti, e realizzato in collaborazione della Provincia di Torino.

Quello di Vedelago è un impianto di stoccaggio e selezione meccanica di rifiuti ai fini del recupero di materiali.
L'attività consiste nel ricevere le frazioni secche riciclabili dei rifiuti urbani e assimilati, selezionare i materiali in base alla composizione merceologica ed inviarli alle piattaforme di recupero deputate. La particolarità dell’impianto è che nulla di ciò che entra viene smaltito in discarica o per incenerimento. Gli scarti derivanti dalla selezione, infatti, vengono trattati e trasformati in una sabbia sintetica utilizzata in edilizia. Tale prodotto, infatti può sostituire la sabbia naturale nella costruzione di strade, ma soprattutto può essere mescolata al cemento, per creare mattoni decisamente più leggeri e resistenti di quelli classici.

“Ma l’utilizzo di questa plastica, così come la sua qualità, è destinato a crescere – dichiara Carla Poli – Al momento stiamo lavorando in collaborazione con il centro ENEA di Brindisi per migliorare la qualità del prodotto, e siamo in uno stato avanzato di realizzazione del progetto. Con orgoglio devo dire che siamo stati proposti alla CEE per un premio”

Il sito dell'impianto di Vedelago

Scarica il video di presentazione dell'impianto (wmv - 17Mb)

Vedi il video su Youtube
Vedi un'intervista a Carla Poli


 

 

Cartoni della pizza usati. Dove li buttate?

Si calcola che ogni giorno in Italia si consumino un milione e trecentomila pizze d'asporto..una grande massa






» commenti (0)

RSS Valido!