GLI ECO BLOGGER

Tari: Dio stramaledica la pizza al taglio!

di Gianluca Bertazzoli
del 11 dicembre 2014

Qualche giorno fa mi è cascato l’occhio sulle scartoffie che accompagnano il bollett…

E' un lavoro sporco, ma qualcuno lo vuole fare. - Considerazioni post-cartoniadi

di Matteo Volpengo
del 30 novembre 2014

Sono finite le Cartoniadi. Finito il volantinaggio porta a porta, negozio a negozio. Finita la ra…

L'auto, imprescindibile diritto umano

di Giuseppe Piras
del 13 novembre 2014

L’episodio che ha visto a Torino i Vigili assediati da cittadini in rivolta perché i…

Discorsone sulle Cartoniadi di Torino (con proposte forti in fondo)

di Paolo Hutter
del 07 novembre 2014

Partiamo in salita con queste prime Cartoniadi torinesi. La carta e il cartone raccolti da Cartes…

Bici & metro: i rischi di una sperimentazione timida

di Giulio Gonella
del 04 novembre 2014

  Non è difficile prevedere la misera fine che potrebbe fare la sperimentazione d…

Desmontegada in val di Fiemme e l’arte di organizzare la raccolta dei rifiuti

di Antonio Castagna
del 09 ottobre 2014

Per i rifiuti ho una vera passione che spesso mi porta a farmi delle domande: quando li individ…

A furia di combattere lo spreco di cibo...storia di una brioche

di Sobria Martinez
del 25 settembre 2014

Chi ha lasciato una brioche al cioccolato  integra  giovedi mattina 25 settembre alla s…

Il mio viaggio sulla Brebemi deserta

di Michele Merola
del 11 settembre 2014

Tornando dalle vacanze dal Nord-est ho voluto percorrere la Brebemi: è stato solo qualche …

Plastica, la riciclabilità si valuta con RecyClass

di Silvia Ricci
del 09 settembre 2014

Evitare che le materie plastiche non siano altro che rifiuti conviene, ed è ormai necessar…

Terra dei Paduli

di Gabriele Del Carlo
del 05 settembre 2014

Campagne dove un tempo sorgevano lussureggianti foreste di querce e lecci, oggi ospitano ulivi se…

Leggi tutti i post

Sostenibilità > Olimpiadi

Ecocittadino da Vancouver: alle Olimpiadi invernali l'acqua di rubinetto "compete" con l'acqua sponsorizzata in bottiglia


 

Metro Vancouver, la società che gestisce il sistema delle acque della città canadese che ospita le Olimpiadi Invernali 2010, ha lanciato una campagna per incentivare residenti, visitatori e atleti a bere responsabilmente acqua del rubinetto, rispettando l'ambiente ed evitando così di produrre tonnellate di rifiuti. L'obiettivo: abbassare del 20% il consumo di acqua imbottigliata entro la fine dell'anno

 

martedì 23 febbraio 2010 17:15

 

Ecocittadino da Vancouver: alle Olimpiadi invernali l'acqua di rubinetto "compete" con l'acqua sponsorizzata in bottiglia
clicca sull'immagine per ingrandire

Federico Laface

Metro Vancouver, la società che gestisce il sistema delle acque della città canadese, ha lanciato una campagna per incentivare residenti, visitatori e atleti giunti per i Giochi a bere responsabilmente “tap water”, rispettando l`ambiente ed evitando così di produrre tonnellate di rifiuti. Nella centrale Robson Street, affollatissima in queste frenetiche settimane, e` stato allestito un serbatoio mobile che offre ai passanti acqua di rubinetto e chiede di firmare un Tap Water Pledge, un solenne impegno a godere dell'acqua di Vancouver, una delle migliori al mondo. Alcuni hotel hanno aderito all'iniziativa fornendo ai turisti bottiglie in acciaio riutilizzabili, tipo quelle d'uso nel trekking, riempibili gratuitamente e che, personalizzate, sono qui in Canada uno degli accessori più riconoscibili di chi evita sprechi ed e` sensibile ai temi della sostenibilità. Un modo intelligente di promuovere una risorsa primaria locale, addirittura organizzando visite guidate ai bacini di raccolta e filtraggio delle acque, tra cui quello del North Shore, appena aperto e in grado di ridurre l'addizione di cloro eliminando i batteri attraverso la luce ultravioletta. L'obiettivo e` quello di abbassare del 20% il consumo di acqua imbottigliata entro la fine dell'anno e di sostenere la Zero Waste Challenge (meno 70% di rifiuti solidi entro il 2015) cui Vancouver ha aderito nel 2006.

Reggere questa sfida in periodo olimpico risulta però particolarmente difficile, anche per una città' da considerarsi relativamente virtuosa e nella quale il 74% degli intervistati dichiarava già nel 2008 di bere acqua del rubinetto (Fonte: Metro 2008 Drinking Water Survey). Oltre alle cattive abitudini tipicamente nord americane da sradicare (packaging esasperato di qualunque genere alimentare e mania della bibita/caffè` da asporto che prevede un kit “minimo” di bicchierone di carta, coperchio di plastica e cannuccia), sono le invasive campagne pubblicitarie degli sponsor a 5 cerchi a remare contro. Difficile non individuare in Coca Cola, bevanda ufficiale di tutte le ultime Olimpiadi, un ostacolo al successo di qualunque intervento teso a eliminare le bottiglie usa e getta, in quanto produttore non solo di bibite, ma anche di numerosi marchi di acqua come Dasani, che oltretutto utilizza sorgenti canadesi. Interpellato sul problema, il rappresentante di Metro Vancouver, Tim Stevenson, ha precisato che intenzione della campagna è “semplicemente di avere più persone possibile che utilizzino l`acqua di rubinetto ”, mentre il portavoce di Coca Cola Ltd. Nicola Kettlitz afferma: “La nostra acqua in bottiglia non è in concorrenza con quella del rubinetto. Si tratta di avere acqua potabile a disposizione in un luogo comodo, e l’acqua del rubinetto non è sempre disponibile in un luogo comodo”.

Gli unici a potersi legittimamente dispiacere di questa iniziativa potrebbero invece essere le migliaia di homeless che vivono a Vancouver - soprattutto nel Down Town East Side - raccoglitori abituali di lattine e bottiglie plastica rimaste in strada per ottenere il refund qui disponibile per il reso del vuoto, ed ora necessitati a inventarsi altri sistemi per sbarcare il lunario.


 

 


2008 Drinking Water Survey [0,15 MB]

Ricerca sull'acqua da bere a Vancouver (inglese)


 

 

Nuove luci pubbliche, come le preferite?

Stanno cambiando le luci nelle città, si accendono
i nuovi Led..





COREPLA:

RSS Valido!