FAIL (the browser should render some flash content, not this).

GLI ECO BLOGGER

Strisce blu: tra automobilisti, Comuni e mobilità nuova

di Giulio Gonella
del 01 aprile 2014

In questi ultimi giorni di annunci, polemiche e smentite, non è scontato ribadire il ruolo…

Treno perso, poi recuperato, telefono caduto, poi salvato. Rocambolismi

di Paolo Hutter
del 29 marzo 2014

Rocambolesco, conoscete il termine?  Dunque stamane  dovevo prendere  l' 8 e 5…

Pedalare è la risposta

di Giuseppe Piras
del 17 marzo 2014

Ci sono domande che ti spiazzano e anche se la risposta è lampante non è così…

Regno Unito: la Grande Distribuzione taglia le emissioni di Co2 del 25%

di Silvia Ricci
del 14 febbraio 2014

Meno 25% di emissioni di Co2 entro il 2020 come valore assoluto è il nuovo obiettivo per i…

Telelavoro uguale migliore qualità del vivere urbano

di Paolo Piacentini
del 06 febbraio 2014

L'iniziativa del Comune di Milano sul telelavoro o "lavoro agile" come è sta…

Neve e pedali: "Che faccio, lascio?"

di Bru Diarist
del 31 gennaio 2014

La neve che sta imbiancando alcune città del nord Italia in questi giorni della merla del …

C’è un mondo al di là delle Alpi

di Gabriele Del Carlo
del 28 gennaio 2014

Benvenuti a tutti in questa nuova pagina. Su questo blog non tratteremo molto di cosa si fa e…

"Cartesio? Neanche ricordo l’ultima volta che sono passati!”

di Lorenzo Fracastoro
del 17 gennaio 2014

Oggi, mentre sfrecciavo in bici davanti alla copisteria di Via Guastalla angolo Via Artisti,…

Leggi tutti i post

Sostenibilità > Olimpiadi

Ecocittadino da Vancouver: alle Olimpiadi invernali l'acqua di rubinetto "compete" con l'acqua sponsorizzata in bottiglia


 

Metro Vancouver, la società che gestisce il sistema delle acque della città canadese che ospita le Olimpiadi Invernali 2010, ha lanciato una campagna per incentivare residenti, visitatori e atleti a bere responsabilmente acqua del rubinetto, rispettando l'ambiente ed evitando così di produrre tonnellate di rifiuti. L'obiettivo: abbassare del 20% il consumo di acqua imbottigliata entro la fine dell'anno

 

martedì 23 febbraio 2010 17:15

 

Ecocittadino da Vancouver: alle Olimpiadi invernali l'acqua di rubinetto "compete" con l'acqua sponsorizzata in bottiglia
clicca sull'immagine per ingrandire

Federico Laface

Metro Vancouver, la società che gestisce il sistema delle acque della città canadese, ha lanciato una campagna per incentivare residenti, visitatori e atleti giunti per i Giochi a bere responsabilmente “tap water”, rispettando l`ambiente ed evitando così di produrre tonnellate di rifiuti. Nella centrale Robson Street, affollatissima in queste frenetiche settimane, e` stato allestito un serbatoio mobile che offre ai passanti acqua di rubinetto e chiede di firmare un Tap Water Pledge, un solenne impegno a godere dell'acqua di Vancouver, una delle migliori al mondo. Alcuni hotel hanno aderito all'iniziativa fornendo ai turisti bottiglie in acciaio riutilizzabili, tipo quelle d'uso nel trekking, riempibili gratuitamente e che, personalizzate, sono qui in Canada uno degli accessori più riconoscibili di chi evita sprechi ed e` sensibile ai temi della sostenibilità. Un modo intelligente di promuovere una risorsa primaria locale, addirittura organizzando visite guidate ai bacini di raccolta e filtraggio delle acque, tra cui quello del North Shore, appena aperto e in grado di ridurre l'addizione di cloro eliminando i batteri attraverso la luce ultravioletta. L'obiettivo e` quello di abbassare del 20% il consumo di acqua imbottigliata entro la fine dell'anno e di sostenere la Zero Waste Challenge (meno 70% di rifiuti solidi entro il 2015) cui Vancouver ha aderito nel 2006.

Reggere questa sfida in periodo olimpico risulta però particolarmente difficile, anche per una città' da considerarsi relativamente virtuosa e nella quale il 74% degli intervistati dichiarava già nel 2008 di bere acqua del rubinetto (Fonte: Metro 2008 Drinking Water Survey). Oltre alle cattive abitudini tipicamente nord americane da sradicare (packaging esasperato di qualunque genere alimentare e mania della bibita/caffè` da asporto che prevede un kit “minimo” di bicchierone di carta, coperchio di plastica e cannuccia), sono le invasive campagne pubblicitarie degli sponsor a 5 cerchi a remare contro. Difficile non individuare in Coca Cola, bevanda ufficiale di tutte le ultime Olimpiadi, un ostacolo al successo di qualunque intervento teso a eliminare le bottiglie usa e getta, in quanto produttore non solo di bibite, ma anche di numerosi marchi di acqua come Dasani, che oltretutto utilizza sorgenti canadesi. Interpellato sul problema, il rappresentante di Metro Vancouver, Tim Stevenson, ha precisato che intenzione della campagna è “semplicemente di avere più persone possibile che utilizzino l`acqua di rubinetto ”, mentre il portavoce di Coca Cola Ltd. Nicola Kettlitz afferma: “La nostra acqua in bottiglia non è in concorrenza con quella del rubinetto. Si tratta di avere acqua potabile a disposizione in un luogo comodo, e l’acqua del rubinetto non è sempre disponibile in un luogo comodo”.

Gli unici a potersi legittimamente dispiacere di questa iniziativa potrebbero invece essere le migliaia di homeless che vivono a Vancouver - soprattutto nel Down Town East Side - raccoglitori abituali di lattine e bottiglie plastica rimaste in strada per ottenere il refund qui disponibile per il reso del vuoto, ed ora necessitati a inventarsi altri sistemi per sbarcare il lunario.


 

 


2008 Drinking Water Survey [0,15 MB]

Ricerca sull'acqua da bere a Vancouver (inglese)


 

 

Minori incassi dalla sosta. Perchè?

Da Torino a Messina, passando per Milano e Bologna. Negli ultimi anni i bilanci comunali hanno visto entrare sempre meno incassi dalle strisce blu, con cali progressivi fino a 8-9 punti percentuali sull’anno precedente




» commenti (0)

RSS Valido!
Segui Ecodallecitta su Twitter