GLI ECO BLOGGER

Tari: Dio stramaledica la pizza al taglio!

di Gianluca Bertazzoli
del 11 dicembre 2014

Qualche giorno fa mi è cascato l’occhio sulle scartoffie che accompagnano il bollett…

E' un lavoro sporco, ma qualcuno lo vuole fare. - Considerazioni post-cartoniadi

di Matteo Volpengo
del 30 novembre 2014

Sono finite le Cartoniadi. Finito il volantinaggio porta a porta, negozio a negozio. Finita la ra…

L'auto, imprescindibile diritto umano

di Giuseppe Piras
del 13 novembre 2014

L’episodio che ha visto a Torino i Vigili assediati da cittadini in rivolta perché i…

Discorsone sulle Cartoniadi di Torino (con proposte forti in fondo)

di Paolo Hutter
del 07 novembre 2014

Partiamo in salita con queste prime Cartoniadi torinesi. La carta e il cartone raccolti da Cartes…

Bici & metro: i rischi di una sperimentazione timida

di Giulio Gonella
del 04 novembre 2014

  Non è difficile prevedere la misera fine che potrebbe fare la sperimentazione d…

Desmontegada in val di Fiemme e l’arte di organizzare la raccolta dei rifiuti

di Antonio Castagna
del 09 ottobre 2014

Per i rifiuti ho una vera passione che spesso mi porta a farmi delle domande: quando li individ…

A furia di combattere lo spreco di cibo...storia di una brioche

di Sobria Martinez
del 25 settembre 2014

Chi ha lasciato una brioche al cioccolato  integra  giovedi mattina 25 settembre alla s…

Il mio viaggio sulla Brebemi deserta

di Michele Merola
del 11 settembre 2014

Tornando dalle vacanze dal Nord-est ho voluto percorrere la Brebemi: è stato solo qualche …

Plastica, la riciclabilità si valuta con RecyClass

di Silvia Ricci
del 09 settembre 2014

Evitare che le materie plastiche non siano altro che rifiuti conviene, ed è ormai necessar…

Terra dei Paduli

di Gabriele Del Carlo
del 05 settembre 2014

Campagne dove un tempo sorgevano lussureggianti foreste di querce e lecci, oggi ospitano ulivi se…

Leggi tutti i post

Rifiuti > Varie

Perché le regioni "rosse" producono più rifiuti urbani pro capite?


 

Analizzando i dati contenuti nell'edizione 2009 del Rapporto Rifiuti Urbano dell'ISPRA, risulta che Emilia Romagna e Toscana sono le regioni con la produzione di rifiuti urbani pro capite più alta in Italia. E già nel 2004 era così. Intervista di Eco dalle Città a Rosanna Laraia, Responsabile Servizio Rifiuti ISPRA

 

di Giuseppe Iasparra
mercoledì 26 maggio 2010 16:07

 

Perché le regioni "rosse" producono più rifiuti urbani pro capite?
clicca sull'immagine per ingrandire

Esaminando i dati contenuti nell'edizione 2009 del Rapporto Rifiuti Urbani dell'ISPRA (Istituto Superiore per la Protezione e la Ricerca Ambientale) si nota come le regioni cosiddette “rosse” (dal punto di vista politico) siano quelle con la produzione di rifiuti urbani pro capite più alta in Italia. Questi i dati, dal 2004 al 2008, contenuti nel rapporto ISPRA:

Toscana (693 kg/abitante anno nel 2004, 697 nel 2005, 704 nel 2006, 694 nel 2007, 686 nel 2008), Emilia Romagna (657 kg/abitante anno nel 2004, 666 nel 2005, 677 nel 2006, 673 nel 2007, 680 nel 2008), Umbria (555 kg/abitante anno nel 2004, 641 nel 2005, 647 nel 2006, 639 nel 2007, 613 nel 2008). La media nazionale nel 2008 è stata di 541 kg/abitante anno.

Eco dalle Città ha intervistato Rosanna Laraia, Responsabile Servizio Rifiuti ISPRA:

Come mai queste regioni hanno una produzione pro capite di rifiuti urbani maggiore rispetto ad altre regioni?
E' così da sempre, vediamo però un certo rallentamento dal 2006. Queste regioni sono caratterizzate nel loro tessuto dal fatto di avere molte attività artigianali nel contesto urbano. I Comuni hanno la tendenza ad assimilare ai rifiuti urbani, i rifiuti speciali che provengono da attività artigianali o di piccole industrie generando così un tasso di produzione di rifiuti pro capite più alto. Si tratta di una quota di rifiuti speciali che sono stati assimilati agli urbani. E' nella facoltà dei Comuni: i Comuni con regolamento comunale, previsto dalla normativa, possono assimilare quei rifiuti che in termini qualitativi e quantitativi sono simili agli urbani. Prendiamo il dato della città di Prato: è tra i pro capite più alti perché in realtà vede la presenza di attività artigianali legate alla lavorazione dei tessuti.

Qual'è il metodo di calcolo utilizzato?
Calcoliamo il pro capite in base alla popolazione residente, non alla popolazione equivalente come si fa per esempio per i reflui. Laddove c'è grande turismo e concentrazione di turisti in alcuni periodi dell'anno c'è un tasso pro capite molto elevato come avviene nei comuni della costiera romagnola. Questo è il caso anche di città storiche come Roma, Firenze o Venezia. Se scendiamo al livello dei singoli comuni vediamo che anche il pendolarismo tra grandi città e comuni della cintura incide sulla produzione di rifiuti della grande città. Anche la presenza della grande distribuzione incide sul dato pro capite: in alcune regioni ci sono piccoli comuni che hanno degli indici pro capite molto elevati per la presenza sul territorio di grandi centri commerciali. Questi Comuni sono portati ad assimilare, così attraverso la tassa o tariffa rifiuti arrivano più fondi all'amministrazione comunale per la gestione dei rifiuti.

Dal 2006 la produzione pro capite di rifiuti inizia a diminuire anche perché è intervenuto il decreto legislativo 152/2006, il testo unico ambientale, dove sono stati messi dei paletti all'assimilazione dei rifiuti speciali agli urbani. Questa norma, anche se non è stata univocamente interpretata, ha contribuito alla riduzione della produzione di rifiuti pro capite. In Toscana, inoltre, si stanno facendo degli sforzi per deassimilare i rifiuti speciali della lavorazione del cuoio e dei tessuti.


 

 


Notizie correlate


» Presentato il Rapporto Rifiuti Urbani 2009 dell'Ispra


 

Nuove luci pubbliche, come le preferite?

Stanno cambiando le luci nelle città, si accendono
i nuovi Led..





COREPLA:

RSS Valido!