GLI ECO BLOGGER

Tari: Dio stramaledica la pizza al taglio!

di Gianluca Bertazzoli
del 11 dicembre 2014

Qualche giorno fa mi è cascato l’occhio sulle scartoffie che accompagnano il bollett…

E' un lavoro sporco, ma qualcuno lo vuole fare. - Considerazioni post-cartoniadi

di Matteo Volpengo
del 30 novembre 2014

Sono finite le Cartoniadi. Finito il volantinaggio porta a porta, negozio a negozio. Finita la ra…

L'auto, imprescindibile diritto umano

di Giuseppe Piras
del 13 novembre 2014

L’episodio che ha visto a Torino i Vigili assediati da cittadini in rivolta perché i…

Discorsone sulle Cartoniadi di Torino (con proposte forti in fondo)

di Paolo Hutter
del 07 novembre 2014

Partiamo in salita con queste prime Cartoniadi torinesi. La carta e il cartone raccolti da Cartes…

Bici & metro: i rischi di una sperimentazione timida

di Giulio Gonella
del 04 novembre 2014

  Non è difficile prevedere la misera fine che potrebbe fare la sperimentazione d…

Desmontegada in val di Fiemme e l’arte di organizzare la raccolta dei rifiuti

di Antonio Castagna
del 09 ottobre 2014

Per i rifiuti ho una vera passione che spesso mi porta a farmi delle domande: quando li individ…

A furia di combattere lo spreco di cibo...storia di una brioche

di Sobria Martinez
del 25 settembre 2014

Chi ha lasciato una brioche al cioccolato  integra  giovedi mattina 25 settembre alla s…

Il mio viaggio sulla Brebemi deserta

di Michele Merola
del 11 settembre 2014

Tornando dalle vacanze dal Nord-est ho voluto percorrere la Brebemi: è stato solo qualche …

Plastica, la riciclabilità si valuta con RecyClass

di Silvia Ricci
del 09 settembre 2014

Evitare che le materie plastiche non siano altro che rifiuti conviene, ed è ormai necessar…

Terra dei Paduli

di Gabriele Del Carlo
del 05 settembre 2014

Campagne dove un tempo sorgevano lussureggianti foreste di querce e lecci, oggi ospitano ulivi se…

Leggi tutti i post

Secondarie > Rifiuti

Comunicato stampa della Provincia di Milano


 

Rifiuti, Penati: “Sostegno ai sindaci di Rozzano, Opera e Pieve Emanuele contro l’ipotesi di un nuovo termovalorizzatore”

 

mercoledě 22 ottobre 2008 19:31

 

Filippo Penati, presidente della Provincia di Milano
“Sulla vicenda dei rifiuti e l’eventualità di realizzare un nuovo termovalorizzatore, non è compito della Provincia di Milano individuare l’area dove localizzare il nuovo impianto”.
Così il presidente della Provincia di Milano Filippo Penati interviene sulla questione dei rifiuti nell’area metropolitana milanese, smentendo le voci di una decisione di individuare nel Sud Milano, in un’area vicino ai Comuni di Opera, Pieve Emanuele e Rozzano, l’area dove costruire un nuovo termovalorizzatore.
“Come ho più volte ribadito – spiega Penati – il piano rifiuti della Provincia non prevede la localizzazione degli impianti, ma indica soltanto qual è il fabbisogno di smaltimento dei rifiuti per l’area metropolitana milanese, ponendo come obiettivo la garanzia della piena autosufficienza nello smaltimento dei rifiuti. Vogliamo che l’area metropolitana milanese sia in grado di smaltire con i suoi impianti i rifiuti che produce, anziché mandarli in giro, per smaltirli in altri impianti, spendendo altri soldi per il trasporto”.
“Sono pertanto irresponsabili - aggiunge il presidente della Provincia di Milano- le dichiarazioni di chi, nel Comune di Milano, parla di una precisa ubicazione di un nuovo termovalorizzatore in un’area del Sud Milano prossima ai territori di Opera, Rozzano e Pieve Emanuele: una localizzazione che come Provincia di Milano abbiamo sempre definito inadatta e inopportuna”.
“La Provincia di Milano – conclude Penati - sta al fianco dei tre sindaci, e proprio per sostenere la loro iniziativa stamattina ho organizzato un incontro con i primi cittadini di Opera, Rozzano e Pieve Emanuele, con cui ci vedermo nei prossimi giorni.


 

 

Nuove luci pubbliche, come le preferite?

Stanno cambiando le luci nelle città, si accendono
i nuovi Led..





COREPLA:

RSS Valido!