GLI ECO BLOGGER

Expo o non Expo.. che sia un ECO 2015 ( e guardandolo dal drone...).

di Paolo Hutter
del 16 gennaio 2015

  Questa è stata la frase di augurio per l'anno nuovo di Eco dalle Citt&…

Tari: Dio stramaledica la pizza al taglio!

di Gianluca Bertazzoli
del 29 dicembre 2015

Qualche giorno fa mi è cascato l’occhio sulle scartoffie che accompagnano il bollett…

E' un lavoro sporco, ma qualcuno lo vuole fare. - Considerazioni post-cartoniadi

di Matteo Volpengo
del 30 novembre 2014

Sono finite le Cartoniadi. Finito il volantinaggio porta a porta, negozio a negozio. Finita la ra…

L'auto, imprescindibile diritto umano

di Giuseppe Piras
del 13 novembre 2014

L’episodio che ha visto a Torino i Vigili assediati da cittadini in rivolta perché i…

Bici & metro: i rischi di una sperimentazione timida

di Giulio Gonella
del 04 novembre 2014

  Non è difficile prevedere la misera fine che potrebbe fare la sperimentazione d…

Desmontegada in val di Fiemme e l’arte di organizzare la raccolta dei rifiuti

di Antonio Castagna
del 09 ottobre 2014

Per i rifiuti ho una vera passione che spesso mi porta a farmi delle domande: quando li individ…

Leggi tutti i post

Energia e Clima > Rinnovabili

Gse: in Italia nel 2009 boom della produzione di elettricità da fonti rinnovabili (+19%)


 

Pubblicato dal Gestore dei servizi energetici il report “Impianti a fonti rinnovabili - Anno 2009”. Lo studio rivela che l'anno scorso la produzione di energia da fonti rinnovabili ha avuto una crescita del 19% rispetto al 2008, soprattutto grazie all'impennata dell'idroelettrico. Per la prima volta, il rapporto contiene anche i dati delle singole regioni

 

giovedì 28 ottobre 2010 13:13

 

Gse: in Italia nel 2009 boom della produzione di elettricità da fonti rinnovabili (+19%)
clicca sull'immagine per ingrandire

Cresce la produzione italiana di energia da fonti rinnovabili, che nel 2009 ha fatto registrare un vero e proprio boom, segnando un +19% rispetto all'anno precedente. Lo rivela il Gse (Gestore dei servizi energetici) nel rapporto “Impianti a fonti rinnovabili - Anno 2009”, precisando che la produzione complessiva ha raggiunto quota 69.300 gigawattora, a fronte di una potenza installata totale di oltre 26.500 megawatt. La parte del leone, nel balzo in avanti dell'energia verse, spetta al settore idroelettrico, che anche grazie alle abbondanti piogge dell'anno passato, ha assicurato da solo oltre 49mila gwh di produzione, facendo segnare un +18% rispetto ai valori del 2008. Bene anche le fonti rinnovabili di “nuova generazione”, a partire dall'eolico, a cui si deve il contributo maggiore nell'aumento della potenza installata (+1.360 megawatt rispetto all'anno precedente). Significativa, anche se ancora modesta in termini assoluti la crescita del fotovoltaico, che ha raddoppiato il numero di impianti (da 31 mila a 71 mila), facendo aumentare la potenza installata di 1,14 mw.

L'impennata delle rinnovabili ha consentito di raggiungere, nel 2009, anche un risultato significativo in termini assoluti. Grazie al calo totale dei consumi di elettricità, dovuto prevalentemente alla crisi economica ma anche agli incentivi per il risparmio energetico e quantificabile nel 6%, la quota di energia ricavata a partire da fonti rinnovabili ha raggiunto il 19% della quantità lorda utilizzata in Italia.

Per la prima volta, inoltre, il report del Gse contiene anche dati relativi alle singole regioni italiane, e in particolare alla quota di consumi elettrici soddisfatta, sempre nel 2009, con la produzione da fonti energetiche rinnovabili. Il nuovo parametro (definito “ quota rinnovabile regionale”) è stato inserito nell'ottica dell'imminente introduzione del cosiddetto burden sharing regionale, ovvero la suddivisione tra le varie regioni degli oneri per il raggiungimento del target assegnato all’Italia dall’Unione Europea. Ampio spazio nel report è infine dedicato alla quantificazione e alla classificazione delle diverse tipologie di incentivi riconosciuti dal Gse per promuovere la produzione di energia elettrica da fonti rinnovabili.


 

 


 

Olimpiadi del 2024 in una città italiana?







» commenti (4)

RSS Valido!