FAIL (the browser should render some flash content, not this).

GLI ECO BLOGGER

Strisce blu: tra automobilisti, Comuni e mobilità nuova

di Giulio Gonella
del 01 aprile 2014

In questi ultimi giorni di annunci, polemiche e smentite, non è scontato ribadire il ruolo…

Treno perso, poi recuperato, telefono caduto, poi salvato. Rocambolismi

di Paolo Hutter
del 29 marzo 2014

Rocambolesco, conoscete il termine?  Dunque stamane  dovevo prendere  l' 8 e 5…

Pedalare è la risposta

di Giuseppe Piras
del 17 marzo 2014

Ci sono domande che ti spiazzano e anche se la risposta è lampante non è così…

Regno Unito: la Grande Distribuzione taglia le emissioni di Co2 del 25%

di Silvia Ricci
del 14 febbraio 2014

Meno 25% di emissioni di Co2 entro il 2020 come valore assoluto è il nuovo obiettivo per i…

Telelavoro uguale migliore qualità del vivere urbano

di Paolo Piacentini
del 06 febbraio 2014

L'iniziativa del Comune di Milano sul telelavoro o "lavoro agile" come è sta…

Neve e pedali: "Che faccio, lascio?"

di Bru Diarist
del 31 gennaio 2014

La neve che sta imbiancando alcune città del nord Italia in questi giorni della merla del …

C’è un mondo al di là delle Alpi

di Gabriele Del Carlo
del 28 gennaio 2014

Benvenuti a tutti in questa nuova pagina. Su questo blog non tratteremo molto di cosa si fa e…

"Cartesio? Neanche ricordo l’ultima volta che sono passati!”

di Lorenzo Fracastoro
del 17 gennaio 2014

Oggi, mentre sfrecciavo in bici davanti alla copisteria di Via Guastalla angolo Via Artisti,…

Leggi tutti i post

Rifiuti > Inceneritori e Impianti

Comunicato stampa del "comitato Malagrotta"


 

 

lunedì 17 novembre 2008 18:03

 

I Carabinieri del NOE hanno messo sotto sequestro, a due giorni dall’inaugurazione ufficiale, il gassificatore di Malagrotta.

Questo provvedimento è la logica conseguenza delle irregolarità riscontrate dai sopralluoghi:

· dei Vigili del Fuoco, avvenuto l’8 agosto 2008, dove il personale VVF incaricato del sopralluogo ha preso atto che i lavori, sia edili che impiantistici, non risultavano, ancora completati anche se erano in corso attività di prova e messe a punto dell'impianto trattamento acque provenienti dal percolato

· e dei due effettuati dal NOE il 16 e il 23 di settembre che hanno portato ad un esposto alla Procura sottolineando tra l’altro: “…Sono emerse alcune anomalie procedurali anche di carattere sostanziale… Dalla relazione tecnica inviata dalla Soc. Giovi il 1° luglio 2008 risulta che il serbatoio di ossigeno (già carico e operante) avrà la capacità di 200 mc… Risulta invece dalle certificazioni e da un rapido calcolo che il serbatoio medesimo è capace di uno stoccaggio massimo di 228 tonnellate e pertanto rientra a pieno titolo negli adempimenti di cui al ddl 334/99 (Seveso II)…”.

Il giudizio complessivo espresso nell’esposto: “La situazione riscontrata suscita "perplessità sul piano operativo, procedurale e della sicurezza".” non lascia dubbi sulla gravità della situazione riscontrata.

I cittadini della Valle Galeria e i Comitati Territoriali non sono sorpresi dall’esito di questi controlli, perché da circa un quarto di secolo denunciano, inascoltati, una gestione della discarica di Malagrotta sempre ai limiti della legge e spesso anche oltre, come testimoniano le due condanne già definitive e l’ultima recentissima in primo grado del responsabile unico della discarica. Una gestione che ha creato disagi enormi, e temiamo anche patologie, alla cittadinanza, nell’assoluta mancanza di controlli da parte delle Istituzioni e delle varie amministrazioni succedutesi in questo lungo periodo.

E’ stato sufficiente infatti che fossero effettuati alcuni controlli e verifiche per portare al sequestro dell’impianto di gassificazione e di tutti gli atti autorizzativi, confermando tutti i timori dei cittadini per l’avvio di questo impianto.

E mentre l’Avvocato Cerroni non cessa di indignare la popolazione con le sue provocazioni: “farò conferire in discarira i rifiuti per altri duecento anni" e che "a Malagrotta si respira aria pulita". lascia perplessi e stupiti l’atteggiamento sorpreso di alcuni amministratori, tra i quali il Presidente della Regione, Piero Marrazzo, che banalizzano “l’incidente” quasi si trattasse di una semplice dimenticanza o inavvertenza amministrativa, sanabile con l’apposizione di qualche timbro sulle autorizzazioni, e non di avviare una seria indagine per verificare la sicurezza e la salute dei cittadini, adesso e in funzione delle conseguenze future, partendo da un riesame della tecnologia dell’impianto, dell’iter autorizzativo, dei controlli sulle emissioni, della composizione, nocività e destinazione delle scorie.

E infine riaffermiamo la necessità inderogabile che venga finalmente effettuato quello "STUDIO INTEGRATO DI SICUREZZA DELL' AREA VASTA" PER TUTTA LA ZONA DI MALAGROTTA - VALLE GALERIA che il Comune di Roma (X Dipartimento - Servizio VIA) aveva richiesto alla Regione Lazio fin dal dicembre 2003 in merito a questo impianto di combustione, che viene ad essere inserito in un'area classificata a rischio di incidente rilevante per la concentrazione degli impianti industriali che vi operano - area soggetta pertanto ai vincoli del DDL 338/99 (SEVESO II).

Chiediamo inoltre - per l'ennesima volta - che venga consultata la popolazione come espressamente stabilito dall' Articolo 23 dello stesso Decreto 338/99. in merito al monitoraggio preventivo della qualità dell'aria della zona ed in merito ai controlli specifici in tempo reale delle operazioni dell' impianto.


 

 

Minori incassi dalla sosta. Perchè?

Da Torino a Messina, passando per Milano e Bologna. Negli ultimi anni i bilanci comunali hanno visto entrare sempre meno incassi dalle strisce blu, con cali progressivi fino a 8-9 punti percentuali sull’anno precedente




» commenti (0)

RSS Valido!
Segui Ecodallecitta su Twitter