GLI ECO BLOGGER

Tari: Dio stramaledica la pizza al taglio!

di Gianluca Bertazzoli
del 11 dicembre 2014

Qualche giorno fa mi è cascato l’occhio sulle scartoffie che accompagnano il bollett…

E' un lavoro sporco, ma qualcuno lo vuole fare. - Considerazioni post-cartoniadi

di Matteo Volpengo
del 30 novembre 2014

Sono finite le Cartoniadi. Finito il volantinaggio porta a porta, negozio a negozio. Finita la ra…

L'auto, imprescindibile diritto umano

di Giuseppe Piras
del 13 novembre 2014

L’episodio che ha visto a Torino i Vigili assediati da cittadini in rivolta perché i…

Discorsone sulle Cartoniadi di Torino (con proposte forti in fondo)

di Paolo Hutter
del 07 novembre 2014

Partiamo in salita con queste prime Cartoniadi torinesi. La carta e il cartone raccolti da Cartes…

Bici & metro: i rischi di una sperimentazione timida

di Giulio Gonella
del 04 novembre 2014

  Non è difficile prevedere la misera fine che potrebbe fare la sperimentazione d…

Desmontegada in val di Fiemme e l’arte di organizzare la raccolta dei rifiuti

di Antonio Castagna
del 09 ottobre 2014

Per i rifiuti ho una vera passione che spesso mi porta a farmi delle domande: quando li individ…

A furia di combattere lo spreco di cibo...storia di una brioche

di Sobria Martinez
del 25 settembre 2014

Chi ha lasciato una brioche al cioccolato  integra  giovedi mattina 25 settembre alla s…

Il mio viaggio sulla Brebemi deserta

di Michele Merola
del 11 settembre 2014

Tornando dalle vacanze dal Nord-est ho voluto percorrere la Brebemi: è stato solo qualche …

Plastica, la riciclabilità si valuta con RecyClass

di Silvia Ricci
del 09 settembre 2014

Evitare che le materie plastiche non siano altro che rifiuti conviene, ed è ormai necessar…

Terra dei Paduli

di Gabriele Del Carlo
del 05 settembre 2014

Campagne dove un tempo sorgevano lussureggianti foreste di querce e lecci, oggi ospitano ulivi se…

Leggi tutti i post

Energia e Clima > Edilizia ecoefficiente

Certificazione energetica via web, è boom al centro-nord: +40% rispetto al semestre scorso


 

Il sito CertificazioneEnergeticaOnline pubblica i dati relativi all'ultimo semestre: negli ultimi sei mesi le richieste di certificazione degli immobili sono cresciute del 40% rispetto al semestre precedente. In testa la Lombardia, seguita dalle altre regioni che hanno già chiarito il quadro normativo e costituito gli albi dei certificatori

 

mercoledì 15 dicembre 2010 17:39

 

Certificazione energetica via web, è boom al centro-nord: +40% rispetto al semestre scorso
clicca sull'immagine per ingrandire

La certificazione energetica degli edifici via web ha fatto registrare un vero e proprio boom nell'ultimo semestre, soprattutto nelle regioni del centro-nord. Lo rivelano i dati diffusi dal sito CertificazioneEnergeticaOnline.com, tra i principali soggetti in Italia a fornire servizi di consulenza per le certificazioni energetiche via internet. «E’ stato possibile delineare – si legge nella nota – la situazione del mercato online della certificazione energetica negli ultimi 6 mesi. Il primo dato interessante da evidenziare riguarda un tasso di crescita delle richieste di certificazioni del 40% rispetto al semestre precedente». La parte del leone spetta alla Lombardia, da cui proviene il 43% delle richieste di certificazione. Seguono: Piemonte (13% delle richieste), Emilia Romagna (11%), Lazio (9,5%), Veneto (6,7%), Liguria (4,3%) e Toscana (3,2%).

Non è un caso, secondo gli amministratori del portale, che il maggior numero di domande sia stato inoltrato dalle regioni in cui il quadro normativo di riferimento è ben definito e dove esistono appositi albi per i certificatori energetici. «Nelle altre regioni – aggiungono – la disciplina non risulta ancora del tutto chiara e definita, e questo incide notevolmente sulle richieste di certificazione». Tornando all'analisi dei dati, l’84% delle richieste si riferisce ad appartamenti, mentre le richieste di certificazione energetica per le villette rappresenta solo l’8% del totale. Inoltre, il 74,5% egli edifici per cui è stata richiesta la certificazione è dotato di riscaldamento autonomo, mentre il 23% possiede un riscaldamento centralizzato e solo il 2,3% si avvale di teleriscaldamento.

Lo studio include anche i risultati di un sondaggio effettuato su un campione di 2.300 utenti del sito, a cui sono state poste domande relative alle difficoltà e ai problemi che i cittadini incontrano nel certificare la propria abitazione. La maggiore criticità è risultata essere la difficoltà di trovare un certificatore a cui rivolgersi e di cui potersi fidare (59% degli intervistati), ma preoccupa anche la mancanza di informazioni adeguate e la conseguente difficoltà a comprendere se la certificazione sia davvero necessaria (26%). Solo il 15% degli intervistati ha dichiarato di non aver riscontrato alcun problema. Schiacciante, infine, il dato sulle motivazioni che spingono i cittadini ad avviare l'iter: l'89% degli intervistati ha richiesto la certificazione solo perché obbligato dalla legge, l’8% perché vuole rilevare l’efficienza energetica della propria abitazione, il 3% per aumentare il valore del proprio immobile.


 

 

Nuove luci pubbliche, come le preferite?

Stanno cambiando le luci nelle città, si accendono
i nuovi Led..





COREPLA:

RSS Valido!