FAIL (the browser should render some flash content, not this).

GLI ECO BLOGGER

L'auto, imprescindibile diritto umano

di Giuseppe Piras
del 13 novembre 2014

L’episodio che ha visto a Torino i Vigili assediati da cittadini in rivolta perché i…

Discorsone sulle Cartoniadi di Torino (con proposte forti in fondo)

di Paolo Hutter
del 07 novembre 2014

Partiamo in salita con queste prime Cartoniadi torinesi. La carta e il cartone raccolti da Cartes…

Bici & metro: i rischi di una sperimentazione timida

di Giulio Gonella
del 04 novembre 2014

  Non è difficile prevedere la misera fine che potrebbe fare la sperimentazione d…

A tu per tu con Terra Madre, una testimonianza dal Salone del Gusto

di Matteo Volpengo
del 27 ottobre 2014

Cibo, volti, sguardi. Poter viaggiare, nell’arco di poche decine di metri, dalle Filipp…

Desmontegada in val di Fiemme e l’arte di organizzare la raccolta dei rifiuti

di Antonio Castagna
del 09 ottobre 2014

Per i rifiuti ho una vera passione che spesso mi porta a farmi delle domande: quando li individ…

A furia di combattere lo spreco di cibo...storia di una brioche

di Sobria Martinez
del 25 settembre 2014

Chi ha lasciato una brioche al cioccolato  integra  giovedi mattina 25 settembre alla s…

Il mio viaggio sulla Brebemi deserta

di Michele Merola
del 11 settembre 2014

Tornando dalle vacanze dal Nord-est ho voluto percorrere la Brebemi: è stato solo qualche …

Plastica, la riciclabilità si valuta con RecyClass

di Silvia Ricci
del 09 settembre 2014

Evitare che le materie plastiche non siano altro che rifiuti conviene, ed è ormai necessar…

Terra dei Paduli

di Gabriele Del Carlo
del 05 settembre 2014

Campagne dove un tempo sorgevano lussureggianti foreste di querce e lecci, oggi ospitano ulivi se…

Leggi tutti i post

Energia e Clima > Kyoto e CO2

Brindisi, centrale Enel a carbone: un progetto di “cattura e sequestro” della CO2


 

Presentato a Brindisi il 17 febbraio 2011, presso la centrale termoelettrica “Federico II” di Cerano, il progetto di cattura e stoccaggio dell’anidride carbonica. Il “sequestro” della CO2 prevede la fluidificazione e l’iniezione della anidride carbonica in profondità, nei vecchi giacimenti di idrocarburi esauriti

 

di Giuseppe Miccoli
venerdì 18 febbraio 2011 18:22

 

Brindisi, centrale Enel a carbone: un progetto di “cattura e sequestro” della CO2
clicca sull'immagine per ingrandire

Catturare e stoccare l’anidride carbonica delle grandi centrali termoelettriche al fine di ridurre le emissioni climalteranti di CO2. Questo il progetto che l'Enel avvierà tra qualche giorno nella centrale “Federico II” di Brindisi. Se n'è discusso giovedì 17 febbraio 2011, nell'ambito del “IV Meeting del Network Europeo” dedicato ai progetti sulla CSS, “Cattura e Sequestro della CO2” (Carbon Capture and Storage) finanziati dalla Commissione europea attraverso l’European economic recovery programme.

L’incontro, di caratura internazionale, ha coinvolto circa 60 esperti con specializzazioni diverse. Hanno partecipato, inoltre, i rappresentanti dalla Commissione europea e del Department of energy degli Stati Uniti, oltre ad alcuni protagonisti americani del Ccs institute che, insieme ai colleghi europei, sono all’avanguardia per lo sviluppo della tecnologia di cattura e stoccaggio della CO2. Lo scopo era quello di condividere le pratiche attinenti la Ccs, applicabili ai differenti contesti territoriali. I partecipanti hanno potuto osservare sul campo l’impianto, prima della sua inaugurazione, e visitare la centrale termoelettrica, con i suoi sistemi di ambientalizzazione.

La centrale di Brindisi vantava, fino al 2009 lo spiacevole primato di 13 milioni di tonnellate di CO2 emesse in un anno (il 36%, delle 11 centrali attive in Italia). Per avere un altro termine di paragone, l’Ilva di Taranto ne produce 5,2 milioni. Il progetto pilota dell'Enel, già applicato su scala industriale in Europa, prevede la cattura e il sequestro dell’anidride carbonica attraverso un processo di post combustione. L’unico, finora, che può essere abbinato a centrali già esistenti. La CO2, dopo alcuni passaggi, viene fluidificata e trasportata per poi essere iniettata in profondità nelle cosiddette “trappole geologiche”, i vecchi giacimenti di idrocarburi ormai esauriti, capaci di contenere tale gas per diverse centinaia di anni.

Per la centrale di Brindisi, i costi di trasporto e perforazione sarebbero relativamente contenuti, in quanto la CO2 potrebbe essere iniettata direttamente in mare, così come è mostrato in un video della British geological survey, riconosciuta come un centro europeo di eccellenza per lo studio Css di CO2.

Tutto facile, dunque? Non esattamente. In tema di “Cattura e sequestro della CO2”, Greenpeace ha prodotto il rapporto “Sequestro di CO2: una falsa speranza”. Secondo l’associazione ambientalista questo sistema avrebbe dei costi ambientali ed economici molto onerosi: iniettare CO2 nelle sacche geologiche richiederebbe molta energia, pari al 40% della potenza sviluppata da una centrale. Inoltre l'eventuale fuoriuscita di nuvole velenose di CO2, creerebbe il cosiddetto effetto Nyos, ossia la morte di tutti gli esseri viventi per asfissia.


[youtube v="7M2fhOGz0-o&fs=1" />


 

 


Notizie correlate


» Legambiente, dossier “carbone”: a Brindisi la centrale più inquinante d’Italia


» Brindisi, centrale Enel a carbone: un progetto di “cattura e sequestro” della CO2


 

 

Commenti:

EHXbiAjA5 - 28.02.2014 16:02

Hi JoeYou get a quick answer as I have just sat down at my<a href="http://awefpfoc.com"> couemtpr</a> I suppose many of your answers will be answered when you read my book but to save you doing that in the next few days I did the trip as a novice cyclist myself; I had only done one longer cycle before setting off along the Eurovelo 5 (from Berwick to Derby over 9 days as a shakedown' for the longer European trip in 2010) and although I was a regular cycling commuter, I wasn't exactly in the peak of fitness. I wouldn't worry about your current state of readiness; you are young (I assume having just finished your Masters), probably quite fit (capable of doing 30 miles) and determined by the sounds of it.It took me 30 cycling days to get from Reading to Brinidisi see for full details although I did take about 5 days off so getting to Rome in a month should be perfectly possible. I averaged about 110 kilometres a day here are the details: . If you are into stats, you might also find this interesting: Too late? No! September can be a great month even in the UK for weather. I remember being in northern Italy many years ago on the 1st November (I remember as it was All Saints Day) and the weather was beautiful Do it this year and then do something even more exciting next year!Hope that answers your questions; it wasn't too much of an inquisition, don't worry.Please let me know how you get on.Good luck & keep in touch!Andrew

 

 

Inserisci un commento:

ATTENZIONE: l'inserimento di commenti volgari o offensivi sarà perseguito a norma di legge



(visibile solo all'utente amministratore)


ZappaMI

 

Multare chi non rispetta le regole della differenziata?

Oltre le Cartoniadi.. La raccolta differenziata è un obbligo regolamentato, che prevede sanzioni. Ma in pratica è giusto e opportuno che le aziende dei rifiuti e i comuni si attivino per multare?





» commenti (1)

Conai

 

CiAl Corepla Ricrea Comieco

 

Meno rifiuti 2014

 

RSS Valido!
Segui Ecodallecitta su Twitter