GLI ECO BLOGGER

Tari: Dio stramaledica la pizza al taglio!

di Gianluca Bertazzoli
del 11 dicembre 2014

Qualche giorno fa mi è cascato l’occhio sulle scartoffie che accompagnano il bollett…

E' un lavoro sporco, ma qualcuno lo vuole fare. - Considerazioni post-cartoniadi

di Matteo Volpengo
del 30 novembre 2014

Sono finite le Cartoniadi. Finito il volantinaggio porta a porta, negozio a negozio. Finita la ra…

L'auto, imprescindibile diritto umano

di Giuseppe Piras
del 13 novembre 2014

L’episodio che ha visto a Torino i Vigili assediati da cittadini in rivolta perché i…

Discorsone sulle Cartoniadi di Torino (con proposte forti in fondo)

di Paolo Hutter
del 07 novembre 2014

Partiamo in salita con queste prime Cartoniadi torinesi. La carta e il cartone raccolti da Cartes…

Bici & metro: i rischi di una sperimentazione timida

di Giulio Gonella
del 04 novembre 2014

  Non è difficile prevedere la misera fine che potrebbe fare la sperimentazione d…

Desmontegada in val di Fiemme e l’arte di organizzare la raccolta dei rifiuti

di Antonio Castagna
del 09 ottobre 2014

Per i rifiuti ho una vera passione che spesso mi porta a farmi delle domande: quando li individ…

A furia di combattere lo spreco di cibo...storia di una brioche

di Sobria Martinez
del 25 settembre 2014

Chi ha lasciato una brioche al cioccolato  integra  giovedi mattina 25 settembre alla s…

Il mio viaggio sulla Brebemi deserta

di Michele Merola
del 11 settembre 2014

Tornando dalle vacanze dal Nord-est ho voluto percorrere la Brebemi: è stato solo qualche …

Plastica, la riciclabilità si valuta con RecyClass

di Silvia Ricci
del 09 settembre 2014

Evitare che le materie plastiche non siano altro che rifiuti conviene, ed è ormai necessar…

Terra dei Paduli

di Gabriele Del Carlo
del 05 settembre 2014

Campagne dove un tempo sorgevano lussureggianti foreste di querce e lecci, oggi ospitano ulivi se…

Leggi tutti i post

Conai. Da cosa rinasce cosa

 

Energia e Clima > Risparmio energetico
> Edilizia ecoefficiente

Dall'Enea i dati 2009 sulle detrazioni del 55%: grazie all'efficienza energetica, risparmiate oltre 320mila tonnellate di CO2


 

Pubblicato il Rapporto 2009 sulle detrazioni fiscali del 55% per la riqualificazione energetica degli edifici, contenente l'analisi degli interventi effettuati dagli italiani grazie alle agevolazioni fiscali. Sono state circa 237mila le richieste di incentivi pervenute all'Enea, riguardanti quasi esclusivamente edifici residenziali. La sostituzione degli infissi si conferma l'intervento più gettonato. Visto il successo, l'Agenzia chiede al governo di confermare il bonus anche per i prossimi anni

 

di Silvana Santo
venerdě 25 marzo 2011 12:54

 

Dall'Enea i dati 2009 sulle detrazioni del 55%: grazie all'efficienza energetica, risparmiate oltre 320mila tonnellate di CO2
clicca sull'immagine per ingrandire

L'Unità tecnica efficienza energetica dell'Enea (Agenzia nazionale per le nuove tecnologie, l'energia e lo sviluppo economico sostenibile) ha pubblicato gli ultimi dati disponibili, risalenti al 2009, sulle detrazioni fiscali del 55%. Il rapporto, intitolato “Le detrazioni fiscali del 55% per la riqualificazione energetica del patrimonio edilizio esistente nel 2009” (vedi allegato), contiene l’analisi dei circa 237mila interventi di risparmio energetico effettuati grazie al meccanismo incentivante della detrazione Irpef. Tra i dati disponibili nel dossier, l’identikit dei soggetti che hanno richiesto le agevolazioni, il tipo di immobili in cui sono stati effettuati gli interventi, la distribuzione nazionale e, ovviamente, le tipologie di interventi più realizzati.

Per quanto riguarda in particolare i soggetti richiedenti i benefici fiscali, per la maggior parte si tratta di persone fisiche (94%) e solo marginalmente di persone giuridiche (6%). Il dato conferma alla perfezione il trend del 2008: 95% persone fisiche e 5% persone giuridiche. Nessuna sorpresa anche per quanto riguarda la destinazione d'uso degli immobili per i quali è stata richiesta l'agevolazione: come già avvenuto nel biennio 2007-2008, gli incentivi fiscali sono stati concessi soprattutto per interventi su edifici di tipo residenziale. I dati del 2009 parlano addirittura del 96% del totale (a fronte del 92% registrato 2008), contro il 2% di immobili ad uso commerciale e l'1% industriale.

Confermata, inoltre, la tendenza relativa al tipo di interventi effettuati. Come negli anni precedenti, la maggior parte delle pratiche ricevute dall'Enea riguarda la sostituzione degli infissi (quasi 115.000 interventi, pari al 49% del totale). Seguono la sostituzione di caldaie (circa 70.000 pratiche, ovvero il 30% del totale) e l'installazione di pannelli solari per la produzione di acqua calda sanitaria (oltre 36.000 interventi, pari al 15% del totale). Meno gettonate, probabilmente per i costi elevati, la coibentazione di strutture opache orizzontali (circa il 4% delle pratiche ricevute, per quasi 10.000 interventi) e verticali (5.000 interventi, pari al 2% del numero complessivo).

Significativo, inoltre, il dato riguardante il risparmio energetico ottenuto grazie all’applicazione dei benefici fiscali. Complessivamente, l'Enea stima che le detrazioni fiscali concesse nel 2009 abbiano consentito di risparmiare circa 1.510 GWh annui di energia (il valore del 2008 era stato leggermente superiore, 1.960 GWh/anno), evitando l'emissione in atmosfera di oltre 320mila tonnellate di CO2 (erano state 417mila l'anno precedente). Entrando più in dettaglio, si legge nel rapporto che il risparmio medio associato alle varie tipologie di intervento è molto variabile, e va dai 2,63 MWh nel caso della sostituzione degli infissi ai 16,12 MWh garantiti ad esempio da interventi tecnicamente più complessi sulle chiusure orizzontali dell’edificio.

Soddisfazione per i risultati ottenuti è stata espressa da Giampaolo Valentini, della direzione dell’Unità tecnica efficienza energetica dell’Enea, che gestisce l’attività sugli incentivi, insieme alla speranza che le detrazioni vengano confermate anche negli anni a venire. «Tenendo conto del grosso successo riscosso dalle detrazioni fiscali nei quattro anni di vigenza e dei risultati macroeconomici ottenuti – ha dichiarato – auspichiamo che il sistema delle detrazioni fiscali venga confermato anche oltre il 2011, sia per dare certezze a medio-lungo termine agli utenti finali e al sistema imprenditoriale italiano, sia al fine di concorrere a raggiungere i target in materia energetico-ambientale previsti dagli accordi sottoscritti dall’Italia in ambito internazionale».


 

 


Scarica il testo integrale del rapporto [14,69 MB]

“Le detrazioni fiscali del 55% per la riqualificazione energetica del patrimonio edilizio esistente nel 2009” - Enea


 

 

Amsa spalatori

 

ZappaMI

 

Formichine salvacibo

 

Nuove luci pubbliche, come le preferite?

Stanno cambiando le luci nelle città, si accendono
i nuovi Led..





COREPLA:

Conai

 

CiAl Corepla Ricrea Comieco

 

Meno rifiuti 2014

 

RSS Valido!