FAIL (the browser should render some flash content, not this).

GLI ECO BLOGGER

Le Cartoniadi come occasione sociale

di Paolo Hutter
del 22 ottobre 2014

A  novembre   le 9 circoscrizioni di Milano e i 23 quartieri storici di Torino sono in …

Desmontegada in val di Fiemme e l’arte di organizzare la raccolta dei rifiuti

di Antonio Castagna
del 09 ottobre 2014

Per i rifiuti ho una vera passione che spesso mi porta a farmi delle domande: quando li individ…

Pedonalizzazioni low cost

di Giulio Gonella
del 04 ottobre 2014

Continuo a non capire perché tutte le volte che si parla di pedonalizzazione a Torino si c…

A furia di combattere lo spreco di cibo...storia di una brioche

di Sobria Martinez
del 25 settembre 2014

Chi ha lasciato una brioche al cioccolato  integra  giovedi mattina 25 settembre alla s…

Il mio viaggio sulla Brebemi deserta

di Michele Merola
del 11 settembre 2014

Tornando dalle vacanze dal Nord-est ho voluto percorrere la Brebemi: è stato solo qualche …

Plastica, la riciclabilità si valuta con RecyClass

di Silvia Ricci
del 09 settembre 2014

Evitare che le materie plastiche non siano altro che rifiuti conviene, ed è ormai necessar…

Terra dei Paduli

di Gabriele Del Carlo
del 05 settembre 2014

Campagne dove un tempo sorgevano lussureggianti foreste di querce e lecci, oggi ospitano ulivi se…

Una notizia buona e una cattiva

di Giuseppe Piras
del 30 luglio 2014

I giornali riportano una notizia buona e una cattiva. La notizia cattiva è che il Mini…

Leggi tutti i post

Energia e Clima > Rinnovabili
> Edilizia ecoefficiente

Pannelli solari su pensiline, pergolati e tettoie: una Circolare Regionale chiarisce tutte le autorizzazioni


 

Una Circolare della Regione Puglia spiega, caso per caso, le autorizzazioni (Comunicazioni, DIA e VIA) che servono all’installazione di impianti fotovoltaici sugli edifici. Inoltre chiarimenti per: le tettoie, le pensiline, i pergolati, i frangisole, le barriere acustiche, le serre fotovoltaiche e tutte le strutture temporanee

 

di Giuseppe Miccoli
mercoledě 30 marzo 2011 18:53

 

Pannelli solari su pensiline, pergolati e tettoie: una Circolare Regionale chiarisce tutte le autorizzazioni
clicca sull'immagine per ingrandire

Nuove precisazioni giungono per chi fosse interessato a installare un pannello fotovoltaico sul tetto della propria abitazione. Infatti con Delibera della Giunta Regionale (DGR 10 marzo 2011, n. 416) è stata approvata la Circolare n.2/2011 “Indicazioni in merito alle procedure autorizzative e abilitative di impianti fotovoltaici collocati su edifici e manufatti in genere”.

Da un punto di vista giuridico questa circolare si inquadra e si correla a livello nazionale, con il Decreto Ministeriale 10 settembre 2010 “Linee Guida per l’autorizzazione degli impianti alimentati da fonti rinnovabili” (G.U. 18 settembre 2010 n. 219), e a livello regionale, con il successivo recepimento (Regolamento Regionale 30 Dicembre 2010, n. 24, “Linee Guida per l’autorizzazione degli impianti alimentati da fonti rinnovabili”, recante la individuazione di aree e siti non idonei alla installazione di specifiche tipologie di impianti alimentati da fonti rinnovabili nel territorio della regione Puglia”).

L’Assessore Regionale alla Qualità del Territorio Angela Barbanente sulla base dell’istruttoria espletata dal Servizio Assetto del Territorio, ha ritenuto dettare alcune precisazioni viste le numerose tipologie e dimensioni degli impianti FER (Impianti da fonti da Energie Rinnovabili) e il loro crescente positivo utilizzo su edifici e loro pertinenze. Inoltre è stata riscontrata una difficoltà di interpretazione e di applicazione delle norme non solo da parte dei progettisti ma anche all’interno della stessa Regione e di altri Enti ci sono problemi e ritardi dovuti all’interpretazione di alcune norme.

Questi i punti trattati nella circolare:
definizioni;
edifici esistenti;
edifici di nuova costruzione;
serre fotovoltaiche;
integrazione con il Regolamento Regionale 24/2010.

Da evidenziare la nuova definizione di “Impianto fotovoltaico realizzato su un edificio” che ha escluso da quest’ultimo, le pensiline (si pensi alla copertura dei parcheggi o delle ciclo stazioni per il bike sharing), i pergolati (per terrazze, cortili e giardini), le serre fotovoltaiche stagionali (per le campagne), le tettoie (adiacenti alle abitazioni), i frangisole (a produrre ombra), e le barriere acustiche e tutte le strutture temporanee comunque denominate. Per tutte queste strutture, sono previste le norme più semplicate: bastano semplici comunicazioni per attività ad edilizia libera purchè la potenza installata non superi i 200 kW e gli edifici non rivestano carattere storico, artistico o di particolare pregio ambientale. Occorrerà invece la DIA, la Dichiarazione di Inizio Attività, per tutti quegli impianti con inclinazione diversa da quella della copertura [si pensi agli impianti con pannelli non adiacenti al tetto] e che ricadono nelle maglie legislative del Codice dei Beni Culturali e del Paesaggio.
In entrambi i casi, spiega la circolare, sia per le attività ad edilizia libera, sia per le DIA, gli interessati dovranno acquisire le autorizzazioni architettoniche e paesaggistiche.

Riguardo alla VIA, alla Valutazione di Impatto Ambientale, rimane ferma la sua richiesta per impianti che vanno oltre la soglia di 1 Mega Watt. Però si riduce a 500 kW, nel caso l’edificio ricada parzialmente in un caso particolare descritto dal Regolamento regionale [ad esempio ricade in una zona naturale protetta]. Al contrario aumenta fino a 3 MW, per favorire l’insediamento di pannelli fotovoltaici in zone industriali dismesse.


 

 


Regione Puglia - Circolare n. 2/2011 [0,20 MB]

Circolare n. 2/2011 “Indicazioni in merito alle procedure
autorizzative e abilitative di impianti fotovoltaici
collocati su edifici e manufatti in genere”


 

 


Notizie correlate


» Comuni Rinnovabili 2011: la Puglia primeggia nell’eolico, male nel solare termico


 

ZappaMI

 

Meno rifiuti 2014

 

Perché ancora troppa carta nell'indifferenziato?

Nei cassonetti dei rifiuti indifferenziati delle città italiane si trovano ancora ingenti quantità di carta e cartone che dovrebbero essere invece differenziate e riciclate. Come mai?Indica quello che secondo te può essere il motivo principale





» commenti (6)

Conai

 

Comieco Corepla CiAl Ricrea

 

RSS Valido!
Segui Ecodallecitta su Twitter