FAIL (the browser should render some flash content, not this).

GLI ECO BLOGGER

Desmontegada in val di Fiemme e l’arte di organizzare la raccolta dei rifiuti

di Antonio Castagna
del 09 ottobre 2014

Per i rifiuti ho una vera passione che spesso mi porta a farmi delle domande: quando li individ…

Pedonalizzazioni low cost

di Giulio Gonella
del 04 ottobre 2014

Continuo a non capire perché tutte le volte che si parla di pedonalizzazione a Torino si c…

A furia di combattere lo spreco di cibo...storia di una brioche

di Sobria Martinez
del 25 settembre 2014

Chi ha lasciato una brioche al cioccolato  integra  giovedi mattina 25 settembre alla s…

Come riduco l'uso dei rasoietti usa e getta

di Paolo Hutter
del 19 settembre 2014

Salve.  Nell'avvicinarsi della Settimana Europea della Riduzione  dei Rifiuti, …

Il mio viaggio sulla Brebemi deserta

di Michele Merola
del 11 settembre 2014

Tornando dalle vacanze dal Nord-est ho voluto percorrere la Brebemi: è stato solo qualche …

Plastica, la riciclabilità si valuta con RecyClass

di Silvia Ricci
del 09 settembre 2014

Evitare che le materie plastiche non siano altro che rifiuti conviene, ed è ormai necessar…

Terra dei Paduli

di Gabriele Del Carlo
del 05 settembre 2014

Campagne dove un tempo sorgevano lussureggianti foreste di querce e lecci, oggi ospitano ulivi se…

Una notizia buona e una cattiva

di Giuseppe Piras
del 30 luglio 2014

I giornali riportano una notizia buona e una cattiva. La notizia cattiva è che il Mini…

Leggi tutti i post

Secondarie > Rifiuti

"Sistema in tilt, soffriamo anche a Salerno"


 

Parla il deputato Bonavitacola, braccio destro di De Luca e autore del testo che il Pd offre al premier perché lo trasformi in decreto. "Diciamo la verità: la cessazione dello stato di emergenza è stato solo uno slogan" – da La Repubblica Napoli del 23.06.2011

 

giovedì 23 giugno 2011 13:07

 

«BISOGNA intervenire. L´incapacità del sistema è tale che anche il sindaco di Salerno, pur avendo la differenziata altissima, sopra il 70 per cento, deve perdere metà mattinata ogni giorno per capire dove va il resto». Parla Fulvio Bonavitacola, da tempo braccio destro di Enzo De Luca, oggi deputato e autore del testo che ieri è stato presentato dallo stesso Pierluigi Bersani: una ipotesi di decreto che il Pd offre a Berlusconi perché lo emani così, bell´e pronto.
Il premier lo ha già detto: tocca di nuovo a lui intervenire.
«Mettiamola così. Qui occorre riconoscere che la cessazione dello stato di emergenza, sancita oltre un anno fa, è stato solo uno slogan. L´emergenza non è mai finita, bisogna rinnovarla fino alla fine dell´anno. E non ci sono alternative all´invio dei rifiuti fuori regione».
Col rischio che si inalberi la Lega e non solo.
«Per questo proponiamo una sessione ad hoc della conferenza Stato-Regioni. In quella sede si decidano una volta per tutte i quantitativi certi e il dove vanno inviati, con un piano al quale le Regioni dovranno uniformarsi. E con un protocollo standard, valido per tutti, che contenga la norme tecniche sulle modalità di trasporto e di controllo. Infine c´è il tema delle discariche».
Molto delicato. A gennaio si decise che spettavano alla Provincia.
«Ma col controllo di commissari. Per Napoli hanno mandato un prefetto da Varese. Vediamo di arrivare a una normativa più stringente. Basta con i commissari. Prevediamo che la cosa sia sotto il potere della Regione. Che il presidente individui i siti regionali entro 15 giorni dall´entrata in funzione. Se non lo fa, la cosa passa direttamente al Ministero dell´Ambiente».
Sembra che ce l´abbia soprattutto con la Regione.
«Il punto è che, ad esempio, a Salerno anche con un sito di trasferenza si va sotto se poi non c´è dove portarli questi rifiuti. E i Comuni aspettano ancora 150 milioni dei Fas. Ne proponiamo lo sblocco ad horas, per studi di fattibilità, impianti di compostaggio e differenziata».
(r.f.)


 

 

ZappaMI

 

Meno rifiuti 2014

 

Perché ancora troppa carta nell'indifferenziato?

Nei cassonetti dei rifiuti indifferenziati delle città italiane si trovano ancora ingenti quantità di carta e cartone che dovrebbero essere invece differenziate e riciclate. Come mai?Indica quello che secondo te può essere il motivo principale





» commenti (6)

Conai

 

CiAl Ricrea Corepla Comieco

 

RSS Valido!
Segui Ecodallecitta su Twitter