GLI ECO BLOGGER

Expo o non Expo.. che sia un ECO 2015 ( e guardandolo dal drone...).

di Paolo Hutter
del 16 gennaio 2015

  Questa è stata la frase di augurio per l'anno nuovo di Eco dalle Citt&…

Tari: Dio stramaledica la pizza al taglio!

di Gianluca Bertazzoli
del 29 dicembre 2015

Qualche giorno fa mi è cascato l’occhio sulle scartoffie che accompagnano il bollett…

E' un lavoro sporco, ma qualcuno lo vuole fare. - Considerazioni post-cartoniadi

di Matteo Volpengo
del 30 novembre 2014

Sono finite le Cartoniadi. Finito il volantinaggio porta a porta, negozio a negozio. Finita la ra…

L'auto, imprescindibile diritto umano

di Giuseppe Piras
del 13 novembre 2014

L’episodio che ha visto a Torino i Vigili assediati da cittadini in rivolta perché i…

Bici & metro: i rischi di una sperimentazione timida

di Giulio Gonella
del 04 novembre 2014

  Non è difficile prevedere la misera fine che potrebbe fare la sperimentazione d…

Desmontegada in val di Fiemme e l’arte di organizzare la raccolta dei rifiuti

di Antonio Castagna
del 09 ottobre 2014

Per i rifiuti ho una vera passione che spesso mi porta a farmi delle domande: quando li individ…

Leggi tutti i post

Conai. Da cosa rinasce cosa

 

Energia e Clima > Edilizia ecoefficiente

Efficienza, Anci: l'Italia rischia di perdere 3 miliardi di fondi europei


 

L'allarme arriva dal delegato Anci alle Politiche abitative, Claudio Fantoni: entro la fine dell'anno potrebbero rimanere inutilizzati quasi 3 miliardi di euro, che a quel punto tornerebbero a Bruxelles. L'associazione suggerisce di utilizzarne almeno una parte per migliorare l'efficienza energetica nell'edilizia residenziale pubblica

 

mercoledì 28 settembre 2011 15:36

 

Efficienza, Anci: l'Italia rischia di perdere 3 miliardi di fondi europei
clicca sull'immagine per ingrandire

L'Italia rischia di perdere 3 miliardi di fondi europei, che potrebbero rimanere inutilizzati, e quindi fare ritorno a Bruxelles, a causa «dell'inerzia delle Regioni in materia di efficienza energetica dell'edilizia pubblica». La denuncia arriva dall'Anci (Associazione nazionale dei comuni italiani), per bocca del delegato dell'associazione alle Politiche abitative, nonché assessore alla Casa del Comune di Firenze, Claudio Fantoni. «Abbiamo impegni nelle regioni del Sud e in quelle del Nord non sufficienti a garantire di spendere le risorse destinate dall’Unione Europea al nostro Paese – dichiara - Il rischio che si corre alla fine di quest’anno e di perdere intorno ai due miliardi e 900mila euro». Ai quali, tra l'altro, si aggiungerebbero altri 2,7 miliardi di co-finanziamento statale che si potrebbe generare solo utilizzando i fondi della Comunità europea.

In totale, dunque, sarebbero ben 5,7 i miliardi di euro che rischiano di sfumare entro l'anno, in un settore, per giunta, in cui l'Italia ha un grande bisogno di interventi. «Visti gli impegni di riduzione delle emissioni di anidride carbonica e quelli della nuova direttiva Ue sull'efficienza energetica – chiarisce Fantoni a questo proposito - meglio che l'edilizia pubblica corra ai ripari e usi i fondi Ue disponibili per tagliare i consumi di energia». Il problema, a quanto pare, è la mancanza di iniziative da parte delle amministrazioni Regionali, ancora più grave alla luce della bozza di nuova direttiva Ue sull'efficienza energetica, presentata a giugno dalla Commissione, che prevede per ogni Stato membro l'obbligo di ristrutturare almeno il 3% dell'edilizia pubblica all'anno.

«Il paradosso – aggiunge il delegato Anci - è che con il patrimonio di edilizia residenziale pubblica che richiede manutenzione, a prescindere dall'efficienza energetica, noi rischiamo di non sfruttare questa occasione». Una prima soluzione, secondo l'associazione dei comuni, sarebbe quella di utilizzare parte dei finanziamenti europei in progetti di efficientamento dell'edilizia residenziale pubblica. «Come tavolo tecnico Anci – precisa Fantoni – il primo invito a livello locale è sfruttare fino al 4% di fondi strutturali attualmente possibile per l'efficienza energetica residenziale pubblica». Interventi di questo tipo permetterebbero, oltre alla riduzione delle emissioni, un taglio delle bollette energetiche e un rilancio del settore edilizio paralizzato dalla crisi economica. Sempre per favorire la ripresa del comparto e aumentare l'efficienza energetica, tra l'altro, l'Anci propone di estendere le detrazioni fiscali del 55% anche al settore pubblico, allo scopo di «muovere un bel pezzo di economia a fronte di questa manovra depressiva». L'importante, in ogni caso, è evitare che i fondi Ue vadano persi. «È una scelta sbagliata non impiegare le risorse e perderle – conclude Fantoni - un’azione da irresponsabili, soprattutto in un periodo di crisi economica e di carenza di risorse dovute all’attuale manovra finanziaria».


 

 

ZappaMI

 

Formichine salvacibo

 

Olimpiadi del 2024 in una città italiana?







» commenti (4)

Conai

 

Ricrea CiAl Comieco

 

Meno rifiuti 2014

 

RSS Valido!