FAIL (the browser should render some flash content, not this).

GLI ECO BLOGGER

Desmontegada in val di Fiemme e l’arte di organizzare la raccolta dei rifiuti

di Antonio Castagna
del 09 ottobre 2014

Per i rifiuti ho una vera passione che spesso mi porta a farmi delle domande: quando li individ…

Pedonalizzazioni low cost

di Giulio Gonella
del 04 ottobre 2014

Continuo a non capire perché tutte le volte che si parla di pedonalizzazione a Torino si c…

A furia di combattere lo spreco di cibo...storia di una brioche

di Sobria Martinez
del 25 settembre 2014

Chi ha lasciato una brioche al cioccolato  integra  giovedi mattina 25 settembre alla s…

Come riduco l'uso dei rasoietti usa e getta

di Paolo Hutter
del 19 settembre 2014

Salve.  Nell'avvicinarsi della Settimana Europea della Riduzione  dei Rifiuti, …

Il mio viaggio sulla Brebemi deserta

di Michele Merola
del 11 settembre 2014

Tornando dalle vacanze dal Nord-est ho voluto percorrere la Brebemi: è stato solo qualche …

Plastica, la riciclabilità si valuta con RecyClass

di Silvia Ricci
del 09 settembre 2014

Evitare che le materie plastiche non siano altro che rifiuti conviene, ed è ormai necessar…

Terra dei Paduli

di Gabriele Del Carlo
del 05 settembre 2014

Campagne dove un tempo sorgevano lussureggianti foreste di querce e lecci, oggi ospitano ulivi se…

Una notizia buona e una cattiva

di Giuseppe Piras
del 30 luglio 2014

I giornali riportano una notizia buona e una cattiva. La notizia cattiva è che il Mini…

Leggi tutti i post

Sostenibilità > Varie

Giovani e lavoro. Amsa e Comune con i ragazzi del Beccaria


 

Sette ragazzi dell’istituto penitenziario milanese impiegati nella pulizia dei cimiteri milanesi. E’ il progetto “Giovani e Lavoro” sostenuto da Amsa, Comune di Milano e Cooperativa Kairòs

 

di
giovedì 06 ottobre 2011 19:31

 

Giovani e lavoro. Amsa e Comune con i ragazzi del Beccaria
clicca sull'immagine per ingrandire

“I ragazzi coinvolti nel progetto sono 7, tutti poco più che maggiorenni e usciti dall’istituto penitenziario Beccaria. Sono impiegati dal giugno 2011 nella pulizia dei cimiteri milanesi. E i benefici di questo progetto su di loro si stanno già vedendo”. A raccontarlo a Eco dalle Città è Don Luigi Burgio, cappellano del carcere minorile milanese, sintetizzando il progetto “Giovani e Lavoro” promosso da Amsa, Comune di Milano e Cooperativa Kayròs.

I ragazzi sono impiegati da oltre tre mesi nei servizi di pulizia gestiti da Azienda milanese. E lo saranno per un anno, quando il progetto si concluderà e sarà necessario, come ha spiegato Don Burgio, “dare concretezza e seguito all’esperienza”. Con il loro lavoro stanno contribuendo alla pulizia dei reparti ossari e colombari dei cimiteri di Baggio, Bruzzano, Chiaravalle, Greco e Lambrate. A coordinarli è un responsabile dell’Amsa. I ragazzi hanno anche ripulito dalle foglie alcuni edifici scolastici tra la fine di agosto e settembre.

Il progetto mostra che “ambiente e sociale” possono andare d’accordo. Amsa è da anni impegnata su questo fronte, cercando di offrire opportunità virtuose a giovani e non con alle spalle esperienze di disagio e illegalità. Come è il caso di un altro progetto dell’azienda di servizi ambientali che è coinvolta in un progetto anche al carcere di Bollate, prevedendo il lavoro, in fascia diurna, di detenuti dell’istituto penitenziario. Il professore Andrea Ladina, esperto di metodologie educative e riabilitative, ha spiegato l’importanza di queste esperienze che puntano sulla parte educativa. I dati dimostrano che i recidivi diminuiscono quando si applicano pene alternative o inserimenti lavorativi.

Nel suo intervento, la Presidente dell’Amsa Sonia Cantoni si è impegnata a ricercare altre opportunità lavorative nei servizi gestiti dall’Azienda milanese per offrire esperienze lavorative a chi vuole combattere il disagio e non sentirsi escluso dalla collettività.


 

 

Amsa

 

ZappaMI cariplo ok

 

Meno rifiuti 2014

 

Perché ancora troppa carta nell'indifferenziato?

Nei cassonetti dei rifiuti indifferenziati delle città italiane si trovano ancora ingenti quantità di carta e cartone che dovrebbero essere invece differenziate e riciclate. Come mai?Indica quello che secondo te può essere il motivo principale





» commenti (6)

Conai

 

CiAl Comieco Corepla Ricrea

 

RSS Valido!
Segui Ecodallecitta su Twitter