GLI ECO BLOGGER

Expo o non Expo.. che sia un ECO 2015 ( e guardandolo dal drone...).

di Paolo Hutter
del 16 gennaio 2015

  Questa è stata la frase di augurio per l'anno nuovo di Eco dalle Citt&…

Tari: Dio stramaledica la pizza al taglio!

di Gianluca Bertazzoli
del 29 dicembre 2015

Qualche giorno fa mi è cascato l’occhio sulle scartoffie che accompagnano il bollett…

E' un lavoro sporco, ma qualcuno lo vuole fare. - Considerazioni post-cartoniadi

di Matteo Volpengo
del 30 novembre 2014

Sono finite le Cartoniadi. Finito il volantinaggio porta a porta, negozio a negozio. Finita la ra…

L'auto, imprescindibile diritto umano

di Giuseppe Piras
del 13 novembre 2014

L’episodio che ha visto a Torino i Vigili assediati da cittadini in rivolta perché i…

Bici & metro: i rischi di una sperimentazione timida

di Giulio Gonella
del 04 novembre 2014

  Non è difficile prevedere la misera fine che potrebbe fare la sperimentazione d…

Desmontegada in val di Fiemme e l’arte di organizzare la raccolta dei rifiuti

di Antonio Castagna
del 09 ottobre 2014

Per i rifiuti ho una vera passione che spesso mi porta a farmi delle domande: quando li individ…

Leggi tutti i post

Sostenibilità > Varie

Giovani e lavoro. Amsa e Comune con i ragazzi del Beccaria


 

Sette ragazzi dell’istituto penitenziario milanese impiegati nella pulizia dei cimiteri milanesi. E’ il progetto “Giovani e Lavoro” sostenuto da Amsa, Comune di Milano e Cooperativa Kairòs

 

di
giovedì 06 ottobre 2011 19:31

 

Giovani e lavoro. Amsa e Comune con i ragazzi del Beccaria
clicca sull'immagine per ingrandire

“I ragazzi coinvolti nel progetto sono 7, tutti poco più che maggiorenni e usciti dall’istituto penitenziario Beccaria. Sono impiegati dal giugno 2011 nella pulizia dei cimiteri milanesi. E i benefici di questo progetto su di loro si stanno già vedendo”. A raccontarlo a Eco dalle Città è Don Luigi Burgio, cappellano del carcere minorile milanese, sintetizzando il progetto “Giovani e Lavoro” promosso da Amsa, Comune di Milano e Cooperativa Kayròs.

I ragazzi sono impiegati da oltre tre mesi nei servizi di pulizia gestiti da Azienda milanese. E lo saranno per un anno, quando il progetto si concluderà e sarà necessario, come ha spiegato Don Burgio, “dare concretezza e seguito all’esperienza”. Con il loro lavoro stanno contribuendo alla pulizia dei reparti ossari e colombari dei cimiteri di Baggio, Bruzzano, Chiaravalle, Greco e Lambrate. A coordinarli è un responsabile dell’Amsa. I ragazzi hanno anche ripulito dalle foglie alcuni edifici scolastici tra la fine di agosto e settembre.

Il progetto mostra che “ambiente e sociale” possono andare d’accordo. Amsa è da anni impegnata su questo fronte, cercando di offrire opportunità virtuose a giovani e non con alle spalle esperienze di disagio e illegalità. Come è il caso di un altro progetto dell’azienda di servizi ambientali che è coinvolta in un progetto anche al carcere di Bollate, prevedendo il lavoro, in fascia diurna, di detenuti dell’istituto penitenziario. Il professore Andrea Ladina, esperto di metodologie educative e riabilitative, ha spiegato l’importanza di queste esperienze che puntano sulla parte educativa. I dati dimostrano che i recidivi diminuiscono quando si applicano pene alternative o inserimenti lavorativi.

Nel suo intervento, la Presidente dell’Amsa Sonia Cantoni si è impegnata a ricercare altre opportunità lavorative nei servizi gestiti dall’Azienda milanese per offrire esperienze lavorative a chi vuole combattere il disagio e non sentirsi escluso dalla collettività.


 

 

AMSA reclutamento 2015

 

cariplo ok ZappaMI

 

Formichine salvacibo

 

Olimpiadi del 2024 in una città italiana?







» commenti (4)

Conai

 

Ricrea Comieco CiAl

 

Meno rifiuti 2014

 

RSS Valido!