GLI ECO BLOGGER

Expo o non Expo.. che sia un ECO 2015 ( e guardandolo dal drone...).

di Paolo Hutter
del 16 gennaio 2015

  Questa è stata la frase di augurio per l'anno nuovo di Eco dalle Citt&…

Tari: Dio stramaledica la pizza al taglio!

di Gianluca Bertazzoli
del 29 dicembre 2015

Qualche giorno fa mi è cascato l’occhio sulle scartoffie che accompagnano il bollett…

E' un lavoro sporco, ma qualcuno lo vuole fare. - Considerazioni post-cartoniadi

di Matteo Volpengo
del 30 novembre 2014

Sono finite le Cartoniadi. Finito il volantinaggio porta a porta, negozio a negozio. Finita la ra…

L'auto, imprescindibile diritto umano

di Giuseppe Piras
del 13 novembre 2014

L’episodio che ha visto a Torino i Vigili assediati da cittadini in rivolta perché i…

Bici & metro: i rischi di una sperimentazione timida

di Giulio Gonella
del 04 novembre 2014

  Non è difficile prevedere la misera fine che potrebbe fare la sperimentazione d…

Desmontegada in val di Fiemme e l’arte di organizzare la raccolta dei rifiuti

di Antonio Castagna
del 09 ottobre 2014

Per i rifiuti ho una vera passione che spesso mi porta a farmi delle domande: quando li individ…

Leggi tutti i post

Conai. Da cosa rinasce cosa

 

Energia e Clima > Edilizia ecoefficiente

Finco: stabilizzare la detrazione del 55%


 

Un'altra associazione del comparto edilizio chiede a gran voce che venga prorogata a lungo termine l'agevolazione fiscale prevista per chi ristruttura un immobile a fini energetici. Secondo Finco, inoltre, potrebbe essere utile anche l'ecoprestito suggerito dall'Enea

 

lunedì 17 ottobre 2011 15:47

 

Finco: stabilizzare la detrazione del 55%
clicca sull'immagine per ingrandire

Prorogare e “stabilizzare” la detrazione del 55% per gli interventi di ristrutturazione energetica degli edifici. Questa volta la richiesta arriva da Finco (Federazione industrie, prodotti, impianti e servizi per le costruzioni), che in occasione di un incontro tecnico con la presidenza del Consiglio ha sottolineato la necessità di una stabilizzazione del bonus Irpef fino al 2020, o almeno di una consistente proroga temporale. Secondo l'associazione, tre anni rappresentano il periodo di “ammortamento” minimo per il provvedimento, che Finco giudica cruciale per il rilancio del settore edilizio. Per questo l'associazione esprime la sua forte preoccupazione per l'assenza della proroga nel decreto sullo sviluppo.

Come ulteriore misura di incentivazione degli interventi di riqualificazione energetica degli immobili, inoltre, la federazione suggerisce di introdurre un “ecoprestito”, analogamente a quanto già proposto in precedenza dall'Enea, che aveva appunto raccomandato la concessione di prestiti agevolati a coloro che decidano di ristrutturare a fini energetici la propria casa. La priorità, in ogni caso, rimane senz'altro la proroga della detrazione fiscale del 55%. «Il mondo industriale - commenta Finco - mal comprenderebbe il venir meno di questa importante misura di sviluppo».


 

 

ZappaMI

 

Formichine salvacibo

 

Olimpiadi del 2024 in una città italiana?







» commenti (4)

Conai

 

CiAl Ricrea Comieco

 

Meno rifiuti 2014

 

RSS Valido!