FAIL (the browser should render some flash content, not this).

GLI ECO BLOGGER

Invasioni digitali anche nel Lodigiano, 24 aprile – 4 maggio 2014

di Michele Merola
del 22 aprile 2014

In questo blog si sostiene convintamente che la cultura e il turismo dovrebbero essere la risorsa…

Strisce blu: tra automobilisti, Comuni e mobilità nuova

di Giulio Gonella
del 01 aprile 2014

In questi ultimi giorni di annunci, polemiche e smentite, non è scontato ribadire il ruolo…

Treno perso, poi recuperato, telefono caduto, poi salvato. Rocambolismi

di Paolo Hutter
del 29 marzo 2014

Rocambolesco, conoscete il termine?  Dunque stamane  dovevo prendere  l' 8 e 5…

Pedalare è la risposta

di Giuseppe Piras
del 17 marzo 2014

Ci sono domande che ti spiazzano e anche se la risposta è lampante non è così…

Regno Unito: la Grande Distribuzione taglia le emissioni di Co2 del 25%

di Silvia Ricci
del 14 febbraio 2014

Meno 25% di emissioni di Co2 entro il 2020 come valore assoluto è il nuovo obiettivo per i…

Telelavoro uguale migliore qualità del vivere urbano

di Paolo Piacentini
del 06 febbraio 2014

L'iniziativa del Comune di Milano sul telelavoro o "lavoro agile" come è sta…

Neve e pedali: "Che faccio, lascio?"

di Bru Diarist
del 31 gennaio 2014

La neve che sta imbiancando alcune città del nord Italia in questi giorni della merla del …

C’è un mondo al di là delle Alpi

di Gabriele Del Carlo
del 28 gennaio 2014

Benvenuti a tutti in questa nuova pagina. Su questo blog non tratteremo molto di cosa si fa e…

"Cartesio? Neanche ricordo l’ultima volta che sono passati!”

di Lorenzo Fracastoro
del 17 gennaio 2014

Oggi, mentre sfrecciavo in bici davanti alla copisteria di Via Guastalla angolo Via Artisti,…

Leggi tutti i post

Conai. Da cosa rinasce cosa

 

Smog > Varie

Monitoraggio delle emissioni Co2, parte il progetto Icos


 

Nasce un osservatorio europeo per il monitoraggio unitario e sistematico delle emissioni. Ogni anno sarà redatto il bilancio del carbonio e i dati saranno accessibili a tutti. La fase pilota, che parte in questi giorni, è coordinata da un istituto di ricerca italiano, il Centro euro-mediterraneo per i cambiamento climatici

 

di
lunedì 24 ottobre 2011 16:34

 

Monitoraggio delle emissioni Co2, parte il progetto Icos
clicca sull'immagine per ingrandire

Un network europeo per misurare le emissioni di Co2 in modo unitario e sistematico, che permetta di fare ogni anno un bilancio del carbonio. E’ il progetto Icos (Integrated Carbon Observation System), un osservatorio sulle emissioni atmosferiche, marine e terrestri. La fase pilota, che viene avviata in questi giorni, è coordinata da un’istituzione di ricerca italiana, il Centro Euro-Mediterraneo per i Cambiamenti Climatici (CMCC). «Fino ad oggi le misurazioni dei gas serra in Europa sono state troppo eterogenee, non sistematiche e, in ultima analisi, poco sostenibili. Icos vuole superare queste criticità e costruire le fondamenta di una rete europea di misurazione dei gas serra, che integri tutti i dati provenienti dalle misurazione atmosferiche, marine e terrestri per fornire un bilancio del carbonio e delle tendenze in atto», spiega il Centro.

Il progetto coinvolge a vario titolo le istituzioni di una ventina di Paesi, tra cui Belgio, Repubblica Ceca, Danimarca, Finlandia, Francia, Germania, Irlanda, Israele, Italia, Norvegia, Olanda, Polonia, Portogallo, Regno Unito, Spagna, Svezia e Svizzera. L’Italia, tramite l’Università della Tuscia ed il CMCC, con il supporto del Ministero dell'Ambiente, ha un ruolo chiave coordinando l’intera componente relativa agli ecosistemi terrestri.

La fase pilota (ICOS Demonstration Experiment), focalizzata sulle misurazioni atmosferiche e terrestri, servirà come test per la futura messa a punto dell’intero sistema e dovrà anche valutare le interazioni fra il centro di coordinamento e le stazioni di monitoraggio. Per la prima volta in modo coordinato e standardizzato e con una precisione senza precedenti, otto stazioni in Danimarca, Finlandia (due), Francia, Irlanda, Olanda, Polonia e Spagna, stanno misurando le concentrazioni in atmosfera dei gas serra e stanno compiendo il check-up degli assorbimenti terrestri di carbonio.

Una volta a regime, il progetto Icos potrà contare su una rete di più di 100 stazioni di monitoraggio coordinate da tre centri tematici (atmosferico, terrestre, marino); su un laboratorio
centrale di analisi, e su una sede centrale che sarà responsabile dell’ intera infrastruttura. Tutti i dati raccolti permetteranno, per la prima volta in Europa, di conoscere quasi in tempo reale le emissioni di gas serra e quante di queste emissioni siano assorbite dagli ecosistemi terrestri, così da
formulare un bilancio europeo del carbonio. Questa massa di informazioni, che saranno di ausilio alle decisioni politiche, sarà raccolta in un rapporto annuale sul bilancio europeo di carbonio. «I fenomeni collegati al ciclo del carbonio sono molto complessi, bisogna monitorarli per tempi molto lunghi. La rete Icos ingloberà via via le diverse stazioni di rilevamento e funzionerà per almeno vent’anni», ha sottolineato Philippe Ciais del centro di ricerca francese Lsce.

La rete di monitoraggio potrà valutare anche l’impatto di eventi climatici inaspettati come, ad esempio, la siccità, e stimare la reazione degli ecosistemi terrestri ai cambiamenti del clima. «Oggi – ha spiegato il professor Riccardo Valentini dell’Università della Tuscia – non c’è un sistema indipendente per monitorare le emissioni. E Icos si candida proprio a diventare un’agenzia indipendente in questo campo».

Oltre a Icos, l’Italia con il Cmcc coordina anche il sistema di osservazioni globali del carbonio nell’ambito del Geo (Group on Earth Observations), e il progetto europeo Geocarbon, che comincerà proprio questa settimana con l’intento di definire un sistema operativo di monitoraggio mondiale ed in tempo reale
degli assorbimenti ed emissioni del carbonio.

L’Italia è uno dei Paesi europei più virtuosi per quanto riguarda la capacità di assorbimento di Co2: le nostre foreste, infatti, ne assorbono 90 milioni di tonnellate, mentre il settore agricolo ne produce 36 milioni. Abbiamo quindi un saldo positivo. Il patrimonio di foreste vegetazione dell’Europa (dalla costa Atlantica agli Urali) è in grado di catturare ogni anno circa 1100 milioni di tonnellate di CO2 e quindi agire come filtro nel ripulire l’atmosfera da questo importante gas serra responsabile del riscaldamento globale. Tuttavia le emissioni dell’agricoltura di metano e protossido di azoto, dovute alle coltivazioni intensive ed agli allevamenti, producono una emissione che è pari circa al 70% degli assorbimenti naturali, vanificando quindi in larga parte l’effetto positivo degli ecosistemi. Analizzando la distribuzione su scala geografica le sorgenti e gli assorbimenti di gas serra si vede che la parte Est dell’Europa, in particolare la Russia, costituisce una riserva di “verde” e di cattura di Co2 soprattutto grazie alle foreste.


 

 

Bioplastica Mater-Bi

 

H2O

 

Minori incassi dalla sosta. Perchè?

Da Torino a Messina, passando per Milano e Bologna. Negli ultimi anni i bilanci comunali hanno visto entrare sempre meno incassi dalle strisce blu, con cali progressivi fino a 8-9 punti percentuali sull’anno precedente




» commenti (0)

Conai

 

Ricrea CiAl Rilegno Comieco Corepla CoReVe

 

RSS Valido!
Segui Ecodallecitta su Twitter