FAIL (the browser should render some flash content, not this).

GLI ECO BLOGGER

Le Cartoniadi come occasione sociale

di Paolo Hutter
del 22 ottobre 2014

A  novembre   le 9 circoscrizioni di Milano e i 23 quartieri storici di Torino sono in …

Desmontegada in val di Fiemme e l’arte di organizzare la raccolta dei rifiuti

di Antonio Castagna
del 09 ottobre 2014

Per i rifiuti ho una vera passione che spesso mi porta a farmi delle domande: quando li individ…

Pedonalizzazioni low cost

di Giulio Gonella
del 04 ottobre 2014

Continuo a non capire perché tutte le volte che si parla di pedonalizzazione a Torino si c…

A furia di combattere lo spreco di cibo...storia di una brioche

di Sobria Martinez
del 25 settembre 2014

Chi ha lasciato una brioche al cioccolato  integra  giovedi mattina 25 settembre alla s…

Il mio viaggio sulla Brebemi deserta

di Michele Merola
del 11 settembre 2014

Tornando dalle vacanze dal Nord-est ho voluto percorrere la Brebemi: è stato solo qualche …

Plastica, la riciclabilità si valuta con RecyClass

di Silvia Ricci
del 09 settembre 2014

Evitare che le materie plastiche non siano altro che rifiuti conviene, ed è ormai necessar…

Terra dei Paduli

di Gabriele Del Carlo
del 05 settembre 2014

Campagne dove un tempo sorgevano lussureggianti foreste di querce e lecci, oggi ospitano ulivi se…

Una notizia buona e una cattiva

di Giuseppe Piras
del 30 luglio 2014

I giornali riportano una notizia buona e una cattiva. La notizia cattiva è che il Mini…

Leggi tutti i post

Conai. Da cosa rinasce cosa

 

Sostenibilità > Varie

Terzo anniversario del Patto dei Sindaci, sono 3000 le città aderenti


 

Festeggiato a Bruxelles il terzo compleanno dell'iniziativa europea “Covenant of mayors”, che impegna le città aderenti ad attuare politiche di riduzione delle emissioni e dei consumi energetici. L'impegno è stato già sottoscritto da 3000 comuni, dei quali 1.400 in Italia

 

mercoledì 30 novembre 2011 14:35

 

Terzo anniversario del Patto dei Sindaci, sono 3000 le città aderenti
clicca sull'immagine per ingrandire

Il Patto dei Sindaci (Covenant of Mayors) compie tre anni e ha festeggiato a Bruxelles con la firma simbolica da parte dei comuni che hanno scelto di aderire all'iniziativa comunitaria per il contrasto del cambiamento climatico. In totale, sono ormai 3000 le amministrazioni che si sono impegnate a perseguire obiettivi di efficienza energetica e di riduzione delle emissioni più ambiziosi di quelli che l'Europa ha stabilito per il 2020.

Lanciato in occasione della Settimana europea per l'energia sostenibile di tre anni fa, il Patto dei Sindaci prevede che i comuni aderenti elaborino un Paes (Piano d'azione per l'energia sostenibile), uno strumento in grado di tracciare il quadro delle politiche energetiche comunali e di indicare le misure da adottare per migliorarle, tagliando i consumi e le emissioni.

Per quanto riguarda l'Italia, l'inziativa ha ottenuto un riscontro da record: sono ben 1.400 i Comuni dello Stivale che hanno sottoscritto il Patto dei Sindaci, oltre 200 dei quali hanno già presentato il proprio Paes. La lista completa delle città aderenti e dei Piani d'azione approvati è disponibile sia sul sito europeo del Patto dei Sindaci che sulla pagina web italiana. Alla firma simbolica dell'impegno a Bruxelles ha presenziato anche il presidente del Parlamento europeo, Jerzy Buzek, convinto dell'importanza dell'iniziativa.

«Tre quarti dei nostri cittadini vivono e lavorano nelle città, consumando il 75% dell'energia usata nella Ue - ha commentato - Oltre la metà delle emissioni di gas serra in Europa provengono dalle aree urbane, quindi la lotta contro i cambiamenti climatici non è solo un problema globale». Le soluzioni contro il riscaldamento globale, in definitiva, passano anche e soprattutto dalle città.


 

 


Notizie correlate


» Burgin (A21): «Durban riconosca il ruolo degli enti locali nelle politiche per il clima»


» L'Unione delle Province al ministro Clini: ripartire dal Patto dei Sindaci


 

Bioplastica Mater-Bi

 

ZappaMI

 

Meno rifiuti 2014

 

Perché ancora troppa carta nell'indifferenziato?

Nei cassonetti dei rifiuti indifferenziati delle città italiane si trovano ancora ingenti quantità di carta e cartone che dovrebbero essere invece differenziate e riciclate. Come mai?Indica quello che secondo te può essere il motivo principale





» commenti (6)

Conai

 

Comieco CiAl Ricrea Corepla

 

RSS Valido!
Segui Ecodallecitta su Twitter