FAIL (the browser should render some flash content, not this).

GLI ECO BLOGGER

Strisce blu: tra automobilisti, Comuni e mobilità nuova

di Giulio Gonella
del 01 aprile 2014

In questi ultimi giorni di annunci, polemiche e smentite, non è scontato ribadire il ruolo…

Treno perso, poi recuperato, telefono caduto, poi salvato. Rocambolismi

di Paolo Hutter
del 29 marzo 2014

Rocambolesco, conoscete il termine?  Dunque stamane  dovevo prendere  l' 8 e 5…

Pedalare è la risposta

di Giuseppe Piras
del 17 marzo 2014

Ci sono domande che ti spiazzano e anche se la risposta è lampante non è così…

Regno Unito: la Grande Distribuzione taglia le emissioni di Co2 del 25%

di Silvia Ricci
del 14 febbraio 2014

Meno 25% di emissioni di Co2 entro il 2020 come valore assoluto è il nuovo obiettivo per i…

Telelavoro uguale migliore qualità del vivere urbano

di Paolo Piacentini
del 06 febbraio 2014

L'iniziativa del Comune di Milano sul telelavoro o "lavoro agile" come è sta…

Neve e pedali: "Che faccio, lascio?"

di Bru Diarist
del 31 gennaio 2014

La neve che sta imbiancando alcune città del nord Italia in questi giorni della merla del …

C’è un mondo al di là delle Alpi

di Gabriele Del Carlo
del 28 gennaio 2014

Benvenuti a tutti in questa nuova pagina. Su questo blog non tratteremo molto di cosa si fa e…

"Cartesio? Neanche ricordo l’ultima volta che sono passati!”

di Lorenzo Fracastoro
del 17 gennaio 2014

Oggi, mentre sfrecciavo in bici davanti alla copisteria di Via Guastalla angolo Via Artisti,…

Leggi tutti i post

Conai. Da cosa rinasce cosa

 

Energia e Clima > Edilizia ecoefficiente

Efficienza energetica, detrazione del 55% confermata per un anno, poi si passa al 36%


 

La bozza del testo della manovra entrata ieri in Consiglio dei ministri prevedeva l'accorpamento del bonus efficienza nelle detrazioni fiscali per le ristrutturazioni edilizie, con aliquota al 36%. Poi il chiarimento: nel 2012 rimane il bonus del 55%, ma poi l'agevolazione calerà di quasi 20 punti percentuali

 

martedì 06 dicembre 2011 14:26

 

Efficienza energetica, detrazione del 55% confermata per un anno, poi si passa al 36%
clicca sull'immagine per ingrandire

Il rincorrersi di anticipazioni e smentite, durato oltre 24 ore, è finito: la conferma delle detrazioni fiscali per l'efficienza energetica è stata inserita nella “manovra salva Italia”, ma solo per un anno. Dal 2013, invece, gli sgravi fiscali per gli interventi di efficientamento degli immobili saranno equiparati alle spese per le ristrutturazioni edilizie, detraibili solo per il 36%. Accantonata dunque l'ipotesi della doppia aliquota (52-41%) a seconda del tipo di intervento realizzato, che alla vigilia sembrava una delle formule più probabili per il rinnovo dell'agevolazione.

L'articolo 4 della manovra, intitolato “Detrazioni per interventi di ristrutturazione, di efficientamento energetico e per spese conseguenti a calamità naturali”, stabilisce infatti che «dall’imposta lorda si detrae un importo pari al 36% delle spese documentate, fino ad un
ammontare complessivo delle stesse non superiore a 48.000 euro
per unità immobiliare». In compenso, il provvedimento rende “strutturale” il bonus efficienza, inserendo le nuove norme direttamente nel Tuir, il Testo unico delle imposte sui redditi (Dpr 917/1986) e salvandole così dal meccanismo delle scadenze e proroghe annuali. Quanto ai tempi per il recupero del bonus, viene confermata la situazione attuale, che prevede una dilazione in «10 quote annuali costanti e di pari importo nell’anno di sostenimento delle spese e in quelli successivi».

Tutto questo (contrariamente a quanto indicato dalle bozze di decreto circolate fino a qualche ora fa, ndr) a partire dal 2013, perché l'anno prossimo sarà mantenuto l'attuale bonus del 55%.

La decisione di abbassare l'aliquota a 36% ha già suscitato qualche reazione polemica. A cominciare da quella di Angelo Bonelli, presidente nazionale dei Verdi, secondo cui la misura è inadeguata sia nel merito che nel metodo. «La manovra del governo Monti non coglie l'opportunità che l'ecologia offre per uscire dalla crisi, non c'è altra spiegazione al fatto che siano saltate le detrazioni sulle eco-ristrutturazioni che dal 55% passano al 36%' - ha dichiarato - Ma non basta, perché le detrazioni per efficienza e risparmio energetico finiscono in un calderone che prevede detrazioni per sistemi antifurto e box auto». Secondo Bonelli, insomma, la decisione del governo Monti ha depotenziato «l'unica vera misura anticiclica degli ultimi anni: i bonus sulle eco-ristrutturazioni».

Più caute, per ora, le associazioni di categoria, che in molte occasioni avevano chiesto al governo (quello insediato da poche settimane, ma anche l'esecutivo del dimissionario Berlusconi, ndr) di confermare la misura, ma senza toccare l'aliquota detraibile. Forse gli addetti ai lavori sperano ancora in un colpo di scena, dal momento che il decreto dovrà comunque essere sottoposto al vaglio del Parlamento.


 

 


 

Bioplastica Mater-Bi

 

H2O

 

Minori incassi dalla sosta. Perchè?

Da Torino a Messina, passando per Milano e Bologna. Negli ultimi anni i bilanci comunali hanno visto entrare sempre meno incassi dalle strisce blu, con cali progressivi fino a 8-9 punti percentuali sull’anno precedente




» commenti (0)

Conai

 

Rilegno CoReVe Corepla CiAl Comieco Ricrea

 

RSS Valido!
Segui Ecodallecitta su Twitter