GLI ECO BLOGGER

Critica dell’acquisto sostenibile: il giusto fornitore di energia elettrica

di matteo Jarre
del 26 febbraio 2015

Si dice spesso che l’unico potere rimasto alle persone sia legato alle cose che consumano e…

Dipingere il buio, spunti sulla luce in città

di Matteo Volpengo
del 16 febbraio 2015

  "Aveva trovato quel che stava cercando nella tasca interna del mantello. Sembrava…

Non si accede alla zona binari senza biglietto?

di Paolo Hutter
del 05 febbraio 2015

Arrivando col treno alla Stazione Centrale di Milano alle 10 e 45 di giovedì 5 febbraio ho…

Tari: Dio stramaledica la pizza al taglio!

di Gianluca Bertazzoli
del 29 dicembre 2015

Qualche giorno fa mi è cascato l’occhio sulle scartoffie che accompagnano il bollett…

L'auto, imprescindibile diritto umano

di Giuseppe Piras
del 13 novembre 2014

L’episodio che ha visto a Torino i Vigili assediati da cittadini in rivolta perché i…

Bici & metro: i rischi di una sperimentazione timida

di Giulio Gonella
del 04 novembre 2014

  Non è difficile prevedere la misera fine che potrebbe fare la sperimentazione d…

Leggi tutti i post

Conai. Da cosa rinasce cosa

 

Energia e Clima > Kyoto e CO2

Coordinamento A21 Locali Italiane: "Enti locali soli nella lotta al cambiamento climatico"


 

Le amministrazioni locali, in Italia e non solo, sono in prima linea ad affrontare l’efficientamento energetico, il dissesto idrogeologico, la riduzione delle emissioni e dei rifiuti. Eppure, si sentono sempre più abbandonate

 

venerdì 16 dicembre 2011 13:16

 

Coordinamento A21 Locali Italiane: "Enti locali soli nella lotta al cambiamento climatico"
clicca sull'immagine per ingrandire

Grande successo dell'iniziativa online su enti locali e clima promosso dal Coordinamento A21 Locali Italiane. Si sono collegati in più di 250 alla conferenza trasmessa in streaming sul sito www.climatechampions.eu che per due giorni ha riunito amministratori, assessori e sindaci di tutta la Ue e anche degli Usa, per discutere di come integrare il cambiamento climatico nelle politiche a livello locale.

“I Comuni, le Province e le Regioni sono di fatto in prima linea nella gestione dell’efficientamento energetico, dei dissesti idrogeologici, della riduzione delle emissioni e dei rifiuti – spiega Emanuele Burgin, Presidente del Coordinamento Agende 21 Locali Italiane - e dopo Durban ci sentiamo ancora più lasciati soli ad affrontare problemi che diventano sempre più complessi. E’ una condizione che riguarda l’Italia, che è condivisa in tutta l’area geografica europea e che in realtà da tempo colpisce molte altre zone del pianeta. Ciò che emerge è la difficoltà degli enti locali ad affrontare il manifestarsi del cambiamento climatico sia da un punto di vista tecnico che economico”.

Per questa ragione nell’ambito della conferenza sono stati presentati diversi casi di studio che stanno gestendo a vario modo questa nuova condizione tra i quali anche quelli delle città di La Spezia, Firenze e Padova e dalla Provincia di Siena.
“La conferenza – spiega Burgin – è stata organizzata nell’ambito di Champ, un progetto europeo del quale il Coordinamento Agende 21 Locali Italiane è partner, che mira a sviluppare in Italia un vero e proprio programma di formazione e affiancamento sulla gestione integrata per la sostenibilità e la lotta al cambiamento climatico, rivolto alle autorità locali, fondato sul confronto e lo scambio di buone pratiche.”

L’obiettivo finale del ciclo di conferenze che proseguirà anche nel 2012 sarà quello di creare una rete delle buone pratiche sostenibili che si integrerà con il Network europeo di enti locali istituito per sviluppare un modello di formazione per affrontare l’adattamento ai cambiamenti climatici.


 

 


Notizie correlate


» Burgin (A21): «Durban riconosca il ruolo degli enti locali nelle politiche per il clima»


» Durban, D'Alessio (A21): «Un grosso passo avanti, ma sul ruolo degli enti locali siamo tornati indietro»


 

ZappaMI

 

Formichine salvacibo

 

Cartoni della pizza usati. Dove li buttate?

Si calcola che ogni giorno in Italia si consumino un milione e trecentomila pizze d'asporto..una grande massa






» commenti (0)

Conai

 

Ricrea CiAl Comieco

 

Meno rifiuti 2014

 

RSS Valido!