FAIL (the browser should render some flash content, not this).

GLI ECO BLOGGER

A furia di combattere lo spreco di cibo...storia di una brioche

di Sobria Martinez
del 25 settembre 2014

Chi ha lasciato una brioche al cioccolato  integra  giovedi mattina 25 settembre alla s…

Come riduco l'uso dei rasoietti usa e getta

di Paolo Hutter
del 19 settembre 2014

Salve.  Nell'avvicinarsi della Settimana Europea della Riduzione  dei Rifiuti, …

Il mio viaggio sulla Brebemi deserta

di Michele Merola
del 11 settembre 2014

Tornando dalle vacanze dal Nord-est ho voluto percorrere la Brebemi: è stato solo qualche …

Plastica, la riciclabilità si valuta con RecyClass

di Silvia Ricci
del 09 settembre 2014

Evitare che le materie plastiche non siano altro che rifiuti conviene, ed è ormai necessar…

Terra dei Paduli

di Gabriele Del Carlo
del 05 settembre 2014

Campagne dove un tempo sorgevano lussureggianti foreste di querce e lecci, oggi ospitano ulivi se…

Una notizia buona e una cattiva

di Giuseppe Piras
del 30 luglio 2014

I giornali riportano una notizia buona e una cattiva. La notizia cattiva è che il Mini…

La raccolta differenziata non è (solo) un affare per specialisti

di Antonio Castagna
del 22 luglio 2014

Venerdì 18 luglio ho presentato il mio libro "Tutto è monnezza" a Barrier…

Le recensioni di Cinemambiente: Nella terra dei fuochi

di Eco Spettatore
del 07 giugno 2014

di Angela Conversano “Terra dei fuochi” è l'espressione che risalta ne…

Le recensioni di Cinemambiente: Endless Roads

di Eco Spettatore
del 07 giugno 2014

di Angela Conversano Endless Roads è la storia della tenacia di una donna che vive a Zhe…

Recensioni di Cinemambiente: Divide in Concorde. ( Divieto alle bottiglie in plastica per l'acqua)

di Eco Spettatore
del 03 giugno 2014

di  Paolo Hutter     Se guardi "Divide in Concorde" hai l'imp…

Leggi tutti i post

Conai. Da cosa rinasce cosa

 

Energia e Clima > Kyoto e CO2

Coordinamento A21 Locali Italiane: "Enti locali soli nella lotta al cambiamento climatico"


 

Le amministrazioni locali, in Italia e non solo, sono in prima linea ad affrontare l’efficientamento energetico, il dissesto idrogeologico, la riduzione delle emissioni e dei rifiuti. Eppure, si sentono sempre più abbandonate

 

venerdì 16 dicembre 2011 13:16

 

Coordinamento A21 Locali Italiane: "Enti locali soli nella lotta al cambiamento climatico"
clicca sull'immagine per ingrandire

Grande successo dell'iniziativa online su enti locali e clima promosso dal Coordinamento A21 Locali Italiane. Si sono collegati in più di 250 alla conferenza trasmessa in streaming sul sito www.climatechampions.eu che per due giorni ha riunito amministratori, assessori e sindaci di tutta la Ue e anche degli Usa, per discutere di come integrare il cambiamento climatico nelle politiche a livello locale.

“I Comuni, le Province e le Regioni sono di fatto in prima linea nella gestione dell’efficientamento energetico, dei dissesti idrogeologici, della riduzione delle emissioni e dei rifiuti – spiega Emanuele Burgin, Presidente del Coordinamento Agende 21 Locali Italiane - e dopo Durban ci sentiamo ancora più lasciati soli ad affrontare problemi che diventano sempre più complessi. E’ una condizione che riguarda l’Italia, che è condivisa in tutta l’area geografica europea e che in realtà da tempo colpisce molte altre zone del pianeta. Ciò che emerge è la difficoltà degli enti locali ad affrontare il manifestarsi del cambiamento climatico sia da un punto di vista tecnico che economico”.

Per questa ragione nell’ambito della conferenza sono stati presentati diversi casi di studio che stanno gestendo a vario modo questa nuova condizione tra i quali anche quelli delle città di La Spezia, Firenze e Padova e dalla Provincia di Siena.
“La conferenza – spiega Burgin – è stata organizzata nell’ambito di Champ, un progetto europeo del quale il Coordinamento Agende 21 Locali Italiane è partner, che mira a sviluppare in Italia un vero e proprio programma di formazione e affiancamento sulla gestione integrata per la sostenibilità e la lotta al cambiamento climatico, rivolto alle autorità locali, fondato sul confronto e lo scambio di buone pratiche.”

L’obiettivo finale del ciclo di conferenze che proseguirà anche nel 2012 sarà quello di creare una rete delle buone pratiche sostenibili che si integrerà con il Network europeo di enti locali istituito per sviluppare un modello di formazione per affrontare l’adattamento ai cambiamenti climatici.


 

 


Notizie correlate


» Burgin (A21): «Durban riconosca il ruolo degli enti locali nelle politiche per il clima»


» Durban, D'Alessio (A21): «Un grosso passo avanti, ma sul ruolo degli enti locali siamo tornati indietro»


 

Bioplastica Mater-Bi

 

Meno rifiuti 2014

 


Conai

 

Corepla Ricrea Comieco CiAl

 

RSS Valido!
Segui Ecodallecitta su Twitter