FAIL (the browser should render some flash content, not this).

GLI ECO BLOGGER

Desmontegada in val di Fiemme e l’arte di organizzare la raccolta dei rifiuti

di Antonio Castagna
del 09 ottobre 2014

Per i rifiuti ho una vera passione che spesso mi porta a farmi delle domande: quando li individ…

Pedonalizzazioni low cost

di Giulio Gonella
del 04 ottobre 2014

Continuo a non capire perché tutte le volte che si parla di pedonalizzazione a Torino si c…

A furia di combattere lo spreco di cibo...storia di una brioche

di Sobria Martinez
del 25 settembre 2014

Chi ha lasciato una brioche al cioccolato  integra  giovedi mattina 25 settembre alla s…

Come riduco l'uso dei rasoietti usa e getta

di Paolo Hutter
del 19 settembre 2014

Salve.  Nell'avvicinarsi della Settimana Europea della Riduzione  dei Rifiuti, …

Il mio viaggio sulla Brebemi deserta

di Michele Merola
del 11 settembre 2014

Tornando dalle vacanze dal Nord-est ho voluto percorrere la Brebemi: è stato solo qualche …

Plastica, la riciclabilità si valuta con RecyClass

di Silvia Ricci
del 09 settembre 2014

Evitare che le materie plastiche non siano altro che rifiuti conviene, ed è ormai necessar…

Terra dei Paduli

di Gabriele Del Carlo
del 05 settembre 2014

Campagne dove un tempo sorgevano lussureggianti foreste di querce e lecci, oggi ospitano ulivi se…

Una notizia buona e una cattiva

di Giuseppe Piras
del 30 luglio 2014

I giornali riportano una notizia buona e una cattiva. La notizia cattiva è che il Mini…

Leggi tutti i post

Conai. Da cosa rinasce cosa

 

Letti per voi > Energia e clima
> Illuminazione

Il Liechtenstein spegne la luce


 

Il primo stato al mondo al buio per scelta: a gennaio e febbraio nel Principato prende il via la sperimentazione di questa iniziativa per la tutela degli uccelli, l'efficienza energetica e la pubblica sicurezza - da Cipra.org del 25.01.2012

 

giovedì 26 gennaio 2012 15:56

 

Nei primi due mesi dell'anno tutti i comuni del Liechtenstein spegneranno circa un terzo dell'illuminazione stradale. In tre degli undici comuni del Principato, dalle ore 0.30 alle 5.30 del mattino, le luci rimarranno accese solo in alcune delle strade principali. Il comune di Planken spegnerà addirittura tutte le luci. L'interruzione dell'illuminazione è stata introdotta un paio di anni fa in alcuni comuni. Se l'esperimento avrà esito positivo, in futuro i lampioni stradali verranno spenti in tutto il Principato.

L'illuminazione notturna costituisce circa un terzo della spesa pubblica per l'energia elettrica. Da un'indagine risulta che il 67% dei tedeschi è favorevole all'oscuramento dell'illuminazione pubblica per risparmiare energia. In Liechtenstein l'iniziativa viene tuttavia adottata anche per motivi di tutela dell'ambiente: la valle del Reno alpino è una delle principali rotte seguite dagli uccelli migratori. Gli stormi volano soprattutto di notte e sono disturbati dalle fonti luminose. La riduzione dell'illuminazione non è pericolosa per gli abitanti.

La polizia del Liechtenstein conferma quanto emerso dall'adozione dell'iniziativa nella città tedesca di Rheine: la criminalità non aumenta. A Rheine lo spegnimento dell'illuminazione stradale è iniziato nel 2005. Prossimamente anche in Sudtirolo di notte si potranno vedere più stelle: nel dicembre 2011 l'amministrazione provinciale ha deciso che i comuni entro un anno dovranno presentare un piano per ridurre l'inquinamento luminoso tra l'una e le sei del mattino.


 

 


Notizie correlate


» Demagogia e interessi economici: per questo le città italiane sono troppo illuminate


» Fabio Falchi (CieloBuio): «Contro l'inquinamento luminoso non basta orientare i lampioni verso il basso»


 

Bioplastica Mater-Bi

 

ZappaMI

 

Meno rifiuti 2014

 

Perché ancora troppa carta nell'indifferenziato?

Nei cassonetti dei rifiuti indifferenziati delle città italiane si trovano ancora ingenti quantità di carta e cartone che dovrebbero essere invece differenziate e riciclate. Come mai?Indica quello che secondo te può essere il motivo principale





» commenti (6)

Conai

 

Ricrea Comieco Corepla CiAl

 

RSS Valido!
Segui Ecodallecitta su Twitter