GLI ECO BLOGGER

Tari: Dio stramaledica la pizza al taglio!

di Gianluca Bertazzoli
del 11 dicembre 2014

Qualche giorno fa mi è cascato l’occhio sulle scartoffie che accompagnano il bollett…

E' un lavoro sporco, ma qualcuno lo vuole fare. - Considerazioni post-cartoniadi

di Matteo Volpengo
del 30 novembre 2014

Sono finite le Cartoniadi. Finito il volantinaggio porta a porta, negozio a negozio. Finita la ra…

L'auto, imprescindibile diritto umano

di Giuseppe Piras
del 13 novembre 2014

L’episodio che ha visto a Torino i Vigili assediati da cittadini in rivolta perché i…

Discorsone sulle Cartoniadi di Torino (con proposte forti in fondo)

di Paolo Hutter
del 07 novembre 2014

Partiamo in salita con queste prime Cartoniadi torinesi. La carta e il cartone raccolti da Cartes…

Bici & metro: i rischi di una sperimentazione timida

di Giulio Gonella
del 04 novembre 2014

  Non è difficile prevedere la misera fine che potrebbe fare la sperimentazione d…

Desmontegada in val di Fiemme e l’arte di organizzare la raccolta dei rifiuti

di Antonio Castagna
del 09 ottobre 2014

Per i rifiuti ho una vera passione che spesso mi porta a farmi delle domande: quando li individ…

A furia di combattere lo spreco di cibo...storia di una brioche

di Sobria Martinez
del 25 settembre 2014

Chi ha lasciato una brioche al cioccolato  integra  giovedi mattina 25 settembre alla s…

Il mio viaggio sulla Brebemi deserta

di Michele Merola
del 11 settembre 2014

Tornando dalle vacanze dal Nord-est ho voluto percorrere la Brebemi: è stato solo qualche …

Plastica, la riciclabilità si valuta con RecyClass

di Silvia Ricci
del 09 settembre 2014

Evitare che le materie plastiche non siano altro che rifiuti conviene, ed è ormai necessar…

Terra dei Paduli

di Gabriele Del Carlo
del 05 settembre 2014

Campagne dove un tempo sorgevano lussureggianti foreste di querce e lecci, oggi ospitano ulivi se…

Leggi tutti i post

Sentinelle per MENO RIFIUTI

 

Letti per voi > Smog

Troppo smog, ora il Comune vuole fermare un'auto su tre


 

La centralina del Lingotto ha già sforato per 36 volte i limiti delle pm10, l'amministrazione costretta a fronteggiare l'emergenza. L'idea è di vietare la circolazione ai veicoli diesel Euro 3 - da La Repubblica del 20.02.2012

 

luned́ 20 febbraio 2012 10:22

 

STOP agli Euro 3 diesel se i livelli di smog non miglioreranno. Alla vigilia di una settimana di targhe alterne a Novara, presa nelle morsa delle polveri sottili, l'assessore all'Ambiente di Torino, Enzo Lavolta, lancia la questione sul tavolo. Anche perché la qualità dell'aria, dopo le nevicate di inizio mese, è tornata ad un livello pessimo. Con sabato, alla stazione di rilevamento dell'Arpa del Lingotto, si è arrivati al trentaseiesimo giorno di sforamento del limite giornaliero di 50 microgrammi per metro cubo. Si è superato il numero massimo previsto per legge in un anno: 35 giorni. E venerdì e sabato si sono raggiunti livelli record: rispettivamente 150 e 198, mai toccati dall'inizio dell'anno. E visto che l'impianto del Lingotto è quello che riporta la media della città è molto probabile che in altre centraline si siano toccate punte più alte.

Il clima e forse le piogge potrebbero dare una mano, ma la stagione del pm10 non si è ancora conclusa e il Comune sarà costretto a prendere degli interventi per limitare i problemi. Cosa che chiedono anche le associazioni ambientaliste, ad iniziare da Legambiente: "Accanto agli interventi strutturali è necessario prendere misure per rispondere all'emergenza - dice Federico Vozza - per limitare i danni. Non abbiamo nemmeno più un programma di domeniche a piedi in centro". E la Sala Rossa, ormai tre settimane fa, ha approvato un documento, proposto dai presidenti di commissione Marco
Grimaldi (Sel) e Mimmo Carretta (Pd) che prevede, tra le azioni, limitazioni al traffico quando si raggiungono un numero di superamenti dei limiti eccessivi. Dall'8 febbraio sono undici i giorni di sforamento consecutivi.

Targhe alterne come a Novara, dove l'amministrazione ha risposto anche ad un appello di Asl, Arpa e Provincia di Novara? Da escludere. Per Torino si tratta di un'epoca chiusa. Blocchi? Non generalizzati, ma mirati su alcuni tipi di vetture, quelle che secondo gli studi hanno un impatto maggiore sulla qualità dell'aria. Appunto gli Euro 3 diesel, che, in totale, sono il 34 per cento del parco circolante in città, secondo i dati Aci. In particolare il 9 per cento delle auto e il 25 per cento dei mezzi commerciali.

I veicoli benzina Euro 0, diesel Euro 0, Euro 1 e Euro 2 immatricolati da più di dieci anni a Torino non possono circolare già dal lunedì al venerdì dalle 9 alle 17. Lo stop agli Euro 3 diesel sarebbe una misura in più, presa per far fronte all'emergenza, ma l'assessore Lavolta è chiaro: non può essere Torino da sola a bloccare, è necessario che sia coinvolto anche tutto l'hinterland e che la Provincia svolga il suo ruolo di coordinamento. Altrimenti sarebbe inutile.



Lavolta: "Il divieto per essere utile deve riguardare anche la cintura"


Assessore Lavolta, a Novara è emergenza smog e il Comune ha deciso targhe alterne per una settimana. E a Torino?

«Noi siamo per gli interventi strutturali. Abbiamo partecipato ai tavoli nazionali e si è deciso di arrivare a dei blocchi, quando ci sono manifestazioni in centro e in altre aree della città, in zone limitate per sensibilizzare le persone. E poi si è aperto il tavolo sulla Ztl. Sono convinto, ad esempio, che quando partirà il progetto del trasporto pulito delle merci in città si avranno effetti importanti e stabili sullo smog».

Nel frattempo Torino si è già mangiata il bonus annuale. Alla stazione di rilevamento del Lingotto si sono superati i 35 giorni di sforamento delle polveri. Situazione che non produrrà decisioni?

«Come media delle centrali, siamo ancora sotto ai 35, ma di poco, forse 33-34 giorni. Il problema comunque esiste. A Milano, dove hanno istituto l'area C, si sono registrati tre giorni in più di superamento dei livelli».

Tanto peggio, tanto meglio?

«No, però il problema non è di facile soluzione. A Milano hanno adottato un road pricing di 8 chilometri quadrati. A Torino c'è una Ztl di 2 chilometri quadrati per tre ore al giorno. Comunque abbiamo elaborato una proposta per le situazioni di emergenza».

Quale sarebbe?

«Dei blocchi mirati solo per alcuni tipi di veicoli. Secondo gli studi gli Euro 3 diesel sono veicoli che hanno un impatto sia sul biossido di azoto e sul pm10. E secondo i dati dell'Aci del 2010 rappresentano circa il 34 per cento del parco circolante, soprattutto quello commerciale, che ha tra l'altro deroghe particolari, in alcuni casi, anche per l'accesso nella Ztl».

Stop agli Euro 3 diesel?

«In caso di emergenza, ma solo se il blocco riguarderà tutta l'area metropolitana. Altrimenti è inutile. Questa è la nostra proposta, ma è la Provincia che deve verificare se da parte degli altri Comuni c'è disponibilità. L'assessore Ronco convochi il tavolo. Non sono disponibile a fermare i mezzi a Torino, mentre continuano a circolare a Collegno, Grugliasco e Moncalieri».


 

 

Sentinelle dei Rifiuti

 

ZappaMI

 

Nuove luci pubbliche, come le preferite?

Stanno cambiando le luci nelle città, si accendono
i nuovi Led..





COREPLA:

Conai

 

Ricrea Corepla CiAl Comieco

 

Meno rifiuti 2014 Eco dalle Città Visibili

 

RSS Valido!