GLI ECO BLOGGER

Expo o non Expo.. che sia un ECO 2015 ( e guardandolo dal drone...).

di Paolo Hutter
del 16 gennaio 2015

  Questa è stata la frase di augurio per l'anno nuovo di Eco dalle Citt&…

Tari: Dio stramaledica la pizza al taglio!

di Gianluca Bertazzoli
del 29 dicembre 2015

Qualche giorno fa mi è cascato l’occhio sulle scartoffie che accompagnano il bollett…

E' un lavoro sporco, ma qualcuno lo vuole fare. - Considerazioni post-cartoniadi

di Matteo Volpengo
del 30 novembre 2014

Sono finite le Cartoniadi. Finito il volantinaggio porta a porta, negozio a negozio. Finita la ra…

L'auto, imprescindibile diritto umano

di Giuseppe Piras
del 13 novembre 2014

L’episodio che ha visto a Torino i Vigili assediati da cittadini in rivolta perché i…

Bici & metro: i rischi di una sperimentazione timida

di Giulio Gonella
del 04 novembre 2014

  Non è difficile prevedere la misera fine che potrebbe fare la sperimentazione d…

Desmontegada in val di Fiemme e l’arte di organizzare la raccolta dei rifiuti

di Antonio Castagna
del 09 ottobre 2014

Per i rifiuti ho una vera passione che spesso mi porta a farmi delle domande: quando li individ…

Leggi tutti i post

Conai. Da cosa rinasce cosa

 

Rifiuti > Riduzione

Sacchetti di plastica, AssoEcoPlast: cambiare il DL Ambiente


 

"Cambiare il DL Ambiente". E' questa la richiesta di AssoEcoPlast che denuncia il rischio per "un'intera filiera industriale italiana con migliaia di posti di lavoro e un miliardo di fatturato"

 

mercoledì 22 febbraio 2012 09:54

 

"Cambiare il DL Ambiente". E' questa la richiesta di AssoEcoPlast che denuncia il rischio per "un'intera filiera industriale italiana con migliaia di posti di lavoro e un miliardo di fatturato".

"Il Decreto Legge 25 gennaio 2012, cd. 'Decreto Ambiente', - spiega l'associazione in una nota - introduce una forte distorsione del mercato della plastica per imballaggi a vantaggio di pochissimi operatori e a discapito di centinaia di aziende che non avrebbero piu' la possibilita' di competere a pari condizioni. La formulazione usata nel Decreto - che impone la compostabilita' per tutti i sacchi da asporto - non presenta alcuna motivazione di tipo ambientale, tecnologico ed economico. In tal modo viene completamente tolta la possibilita' di commercializzare sacchi in plastica biodegradabile e riciclabile al 100%, pienamente compatibili con l'ambiente. Il contrario di quanto sta avvenendo nei paesi più virtuosi in termini di normative ambientali".

Per AssoEcoPlast, "una stima conservativa del numero di posti di lavoro a rischio su tutto il territorio nazionale e' di circa 8/10.000, senza considerare l'indotto (servizi, distribuzione, trasporti, ecc.), che verrebbero persi definitivamente. In pratica un'intera filiera industriale. In termini di fatturato invece, l'impatto sarebbe di quasi un miliardo di euro, con serie conseguenze negative anche sulle entrate fiscali".

AssoEcoPlast, associazione che riunisce oltre un centinaio di PMI del settore, si appella quindi a Governo e Parlamento affinché "il testo del Decreto venga modificato, rinviando una decisione tecnica che presenta notevoli complessita' ad un apposito tavolo da istituire presso il Ministero dell'Ambiente e il Ministero dello Sviluppo Economico".


 

 

ZappaMI

 

Formichine salvacibo

 

Olimpiadi del 2024 in una città italiana?







» commenti (4)

Conai

 

CiAl Ricrea Comieco

 

Meno rifiuti 2014

 

RSS Valido!