FAIL (the browser should render some flash content, not this).

GLI ECO BLOGGER

"Stati Generali della Green Economy": posto sbagliato, momento sbagliato?

di Gianluca Bertazzoli
del 26 novembre 2014

Sono passate più di due settimane dalla fine di Ecomondo, che ha ospitato per la terza volta come “f…

L'auto, imprescindibile diritto umano

di Giuseppe Piras
del 13 novembre 2014

L’episodio che ha visto a Torino i Vigili assediati da cittadini in rivolta perché i…

Discorsone sulle Cartoniadi di Torino (con proposte forti in fondo)

di Paolo Hutter
del 07 novembre 2014

Partiamo in salita con queste prime Cartoniadi torinesi. La carta e il cartone raccolti da Cartes…

Bici & metro: i rischi di una sperimentazione timida

di Giulio Gonella
del 04 novembre 2014

  Non è difficile prevedere la misera fine che potrebbe fare la sperimentazione d…

A tu per tu con Terra Madre, una testimonianza dal Salone del Gusto

di Matteo Volpengo
del 27 ottobre 2014

Cibo, volti, sguardi. Poter viaggiare, nell’arco di poche decine di metri, dalle Filipp…

Desmontegada in val di Fiemme e l’arte di organizzare la raccolta dei rifiuti

di Antonio Castagna
del 09 ottobre 2014

Per i rifiuti ho una vera passione che spesso mi porta a farmi delle domande: quando li individ…

A furia di combattere lo spreco di cibo...storia di una brioche

di Sobria Martinez
del 25 settembre 2014

Chi ha lasciato una brioche al cioccolato  integra  giovedi mattina 25 settembre alla s…

Il mio viaggio sulla Brebemi deserta

di Michele Merola
del 11 settembre 2014

Tornando dalle vacanze dal Nord-est ho voluto percorrere la Brebemi: è stato solo qualche …

Plastica, la riciclabilità si valuta con RecyClass

di Silvia Ricci
del 09 settembre 2014

Evitare che le materie plastiche non siano altro che rifiuti conviene, ed è ormai necessar…

Terra dei Paduli

di Gabriele Del Carlo
del 05 settembre 2014

Campagne dove un tempo sorgevano lussureggianti foreste di querce e lecci, oggi ospitano ulivi se…

Leggi tutti i post

Conai. Da cosa rinasce cosa

 

Sostenibilità > Olimpiadi

Olimpiadi a confronto, Mennea: «Non sono mai state un buon affare»


 

«Oggi - spiega il campione - sono pochi i Paesi che possono permettersi di organizzare i Giochi», che portano con sé effetti di solito negativi: budget che lievitano, calo del turismo, costi enormi di gestione

 

di
mercoledì 22 febbraio 2012 21:41

 

Olimpiadi a confronto, Mennea: «Non sono mai state un buon affare»
clicca sull'immagine per ingrandire

Può una città come Roma basare il proprio sviluppo su un'edizione dei Giochi olimpici, della durata di una ventina giorni? È partito da questa domanda il dibattito organizzato a Roma da Laboratorio di Urbanistica, dal titolo “Grandi eventi e crisi”, a cui ha partecipato anche Pietro Mennea, il grande velocista che negli ultimi tempi si è pronunciato, diversamente da molti altri sportivi, contro le Olimpiadi a Roma.

«Ho fatto 5 Olimpiadi, quindi non potrò mai essere contrario ai Giochi, che però devono portare avanti i veri valori olimpici e non il business», chiarisce subito il campione, autore anche di un libro sull'argomento, “I costi delle Olimpiadi”. Ma al di là di quest'affermazione di principio, spiega Mennea, il problema dei grandi eventi è tutto economico: «I Paesi che sono in difficoltà economica non possono permettersi di organizzare i Giochi. Questo significa che oggi sono pochissimi i Paesi che potrebbero ospitare le Olimpiadi». Che non hanno mai portato bene all'economia di chi ha vinto la candidatura. «Secondo Morgan Stanley, dal 1956 al 2008 i Paesi che hanno organizzato le Olimpiadi sono poi andati incontro alla recessione, di intensità variabile, e alla svalutazione della moneta, eccetto Los Angeles». E gli esempi si sprecano. Prendiamo per esempio il caso della Cina, ultimo stato ad aver ospitato i Giochi: «Dall'agosto 2008 al gennaio 2009 si è passati dal + 9,5% al +6,5% di crescita del Pil. Si sono persi tre punti in pochi mesi. I cinesi aspettavano un milione di turisti, ma ne sono arrivati solo qualche migliaio».

E il turismo è proprio uno dei punti dolenti dei Giochi, che di solito, per una strana alchimia, fanno crollare il numero di visitatori e vacanzieri: «A Barcellona, per esempio, nei tre anni successivi alle Olimpiadi del 1992 il turismo è diminuito e ad Atene, nel 2004, 3 milioni di biglietti sono rimasti invenduti».
C'è poi la questione dei costi esorbitanti: «I budget di partenza non sono mai stati mantenuti, sono sempre aumentati, in certi casi addirittura di quattro volte». E sono andati in eredità alle generazioni più giovani: «Grenoble ha ospitato i Giochi invernali nel 1968, ma ha finito di pagare la tassa olimpica solo trent'anni dopo». A cui si aggiungono i costi di gestione delle mega-strutture sportive: «In Grecia, si spendono dagli 85 ai 100 milioni all'anno».

Dati che non prospettano niente di buono. E anche analizzando più da vicino l'esperienza greca, si scopre che per Roma, il no alla candidatura è stato probabilmente una fortuna: «I Giochi olimpici sono stati l'inizio di uno stato di emergenza per la Grecia. Hanno agito come un catalizzatore per lo sviluppo di infrastrutture, ma senza un dibattito democratico e partecipato», racconta Dimitra Siatitsa di INURA (International network for urban research and action). E la parte più difficile, in questi casi, «è riuscire a smontare il potere ideologico dell'evento, che promette uno sviluppo infinito e continuo», mentre per lo stato greco le Olimpiadi si sono rivelate controproducenti: «La maggior parte delle risorse sono venute dalle tasche pubbliche, contro il 16% dei privati».

Il messaggio, quindi, è chiaro: raramente le Olimpiadi sono state un buon affare. Forse solo per Los Angeles (1984), dove, racconta Mennea, «l'evento è stato organizzato tutto con i soldi privati, e persino il percorso della fiaccola olimpica era stato venduto agli sponsor». Così non sarebbe stato in Italia, visto che il progetto di Roma 2020 prevedeva, secondo il rapporto Fortis, un esborso di 8,2 miliardi di euro da parte dello stato. E non si trattava dell'unico punto critico. «La candidatura di Roma è stata presentata senza preoccuparsi di avere l'ok del governo, che doveva assicurare la copertura finanziaria», sottolinea Marcel Vulpis, direttore di Sporteconomy.it. A Roma, insomma, le condizioni per non presentare la candidatura c'erano tutte. C'erano invece tutti i requisiti per respingerla.


 

 

Amsa spalatori

 

ZappaMI

 

Formichine salvacibo

 

Perché ancora troppa carta nell'indifferenziato?

Nei cassonetti dei rifiuti indifferenziati delle città italiane si trovano ancora ingenti quantità di carta e cartone che dovrebbero essere invece differenziate e riciclate. Come mai?Indica quello che secondo te può essere il motivo principale





» commenti (13)

Conai Forum CompraVerde

 

Comieco Corepla Ricrea CiAl

 

Meno rifiuti 2014

 

RSS Valido!
Segui Ecodallecitta su Twitter