FAIL (the browser should render some flash content, not this).

GLI ECO BLOGGER

Le Cartoniadi come occasione sociale

di Paolo Hutter
del 22 ottobre 2014

A  novembre   le 9 circoscrizioni di Milano e i 23 quartieri storici di Torino sono in …

Desmontegada in val di Fiemme e l’arte di organizzare la raccolta dei rifiuti

di Antonio Castagna
del 09 ottobre 2014

Per i rifiuti ho una vera passione che spesso mi porta a farmi delle domande: quando li individ…

Pedonalizzazioni low cost

di Giulio Gonella
del 04 ottobre 2014

Continuo a non capire perché tutte le volte che si parla di pedonalizzazione a Torino si c…

A furia di combattere lo spreco di cibo...storia di una brioche

di Sobria Martinez
del 25 settembre 2014

Chi ha lasciato una brioche al cioccolato  integra  giovedi mattina 25 settembre alla s…

Il mio viaggio sulla Brebemi deserta

di Michele Merola
del 11 settembre 2014

Tornando dalle vacanze dal Nord-est ho voluto percorrere la Brebemi: è stato solo qualche …

Plastica, la riciclabilità si valuta con RecyClass

di Silvia Ricci
del 09 settembre 2014

Evitare che le materie plastiche non siano altro che rifiuti conviene, ed è ormai necessar…

Terra dei Paduli

di Gabriele Del Carlo
del 05 settembre 2014

Campagne dove un tempo sorgevano lussureggianti foreste di querce e lecci, oggi ospitano ulivi se…

Una notizia buona e una cattiva

di Giuseppe Piras
del 30 luglio 2014

I giornali riportano una notizia buona e una cattiva. La notizia cattiva è che il Mini…

Leggi tutti i post

Conai. Da cosa rinasce cosa

 

Energia e Clima > Risparmio energetico

Etichette energetiche, l'Ue richiama l'Italia


 

Il nostro Paese ha ancora due mesi di tempo per inviare a Bruxelles la comunicazione di avvenuto recepimento della direttiva europea in materia di etichettatura energetica degli elettrodomestici. Altrimenti, insieme a Cipro e Romani, rischia il deferimento alla Corte di giustizia Ue

 

di Silvana Santo
lunedì 27 febbraio 2012 17:33

 

Etichette energetiche, l'Ue richiama l'Italia
clicca sull'immagine per ingrandire

Brutte notizie, per l'Italia, in materia di applicazione della nuova Direttiva Ue in materia di etichettatura energetica degli elettrodomestici. La Commissione Europea ha inviato al nostro Paese (come a Cipro e Romania) un richiamo formale per non aver ancora «pienamente trasposto » la normativa europea sull'etichettatura degli elettrodomestici in materia di efficienza energetica. Il richiamo segue una precedente lettera di costituzione in mora a cui l'Italia non ha ancora inviato una risposta. Stavolta, l'Ue ha dato un ultimatum ai Paesi inadempienti: se entro due mesi non giungeranno risposte adeguate, l'Italia e suoi compagni di disavventura potranno essere deferiti dinanzi alla Corte di giustizia europea.

«La direttiva sull’etichettatura energetica ha un ruolo importante nel promuovere l’efficienza energetica e nel sensibilizzare i consumatori – si legge nel parere motivato trasmesso dalla Commissione - Fornendo ai consumatori informazioni comparative sul consumo energetico dei prodotti che acquistano, l’etichetta energetica li aiuta ad assumere decisioni che consentono loro di risparmiare energia e denaro e incoraggia i produttori a sviluppare prodotti caratterizzati da un buon grado di efficienza energetica. Inoltre, la definizione di soglie comuni a tutta l’Unione europea in materia di efficienza energetica (B, A, A+ ecc.) dà agli Stati membri un sistema di riferimento chiaro sulle caratteristiche dei prodotti ».

L'inadempienza dei tre stati membri, in particolare, riguarda la direttiva europea 2010/30/UE, che ha recentemente rivisto il sistema di etichettatura energetica per frigoriferi e congelatori, lavatrici, lavastoviglie e condizionatori d'aria, oltre a introdurre le “energy label” anche per i televisori. La nuova direttiva, inoltre, ha introdotto tre nuove classi energetiche per i prodotti più efficienti (A+, A++ e A+++) alle sette già esistenti (dalla A alla G).

L'inadempienza, nel dettaglio, riguarda sostanzialmente un problema di carattere burocratico: nonostante il primo avvertimento da parte di Bruxelles, Italia, Romania e Cipro non hanno ancora provveduto a comunicare «di avere pienamente recepito la direttiva nel proprio ordinamento nazionale».


 

 


Notizie correlate


» Rifiuti in Campania, ufficiale la nuova procedura di infrazione per l'Italia


» Efficienza energetica, l'Italia rischia (altre) multe salate dall'Unione europea


» Al via le nuove etichette energetiche, ora obbligatorie anche per i televisori


» Etichette energetiche, novità per lavatrici e lavastoviglie


» "102 discariche non a norma": Ue apre procedura d'infrazione contro l'Italia


 

Bioplastica Mater-Bi

 

ZappaMI

 

Meno rifiuti 2014

 

Perché ancora troppa carta nell'indifferenziato?

Nei cassonetti dei rifiuti indifferenziati delle città italiane si trovano ancora ingenti quantità di carta e cartone che dovrebbero essere invece differenziate e riciclate. Come mai?Indica quello che secondo te può essere il motivo principale





» commenti (6)

Conai

 

Comieco Ricrea CiAl Corepla

 

RSS Valido!
Segui Ecodallecitta su Twitter