GLI ECO BLOGGER

Critica dell’acquisto sostenibile: il giusto fornitore di energia elettrica

di matteo Jarre
del 26 febbraio 2015

Si dice spesso che l’unico potere rimasto alle persone sia legato alle cose che consumano e…

Dipingere il buio, spunti sulla luce in città

di Matteo Volpengo
del 16 febbraio 2015

  "Aveva trovato quel che stava cercando nella tasca interna del mantello. Sembrava…

Non si accede alla zona binari senza biglietto?

di Paolo Hutter
del 05 febbraio 2015

Arrivando col treno alla Stazione Centrale di Milano alle 10 e 45 di giovedì 5 febbraio ho…

Tari: Dio stramaledica la pizza al taglio!

di Gianluca Bertazzoli
del 29 dicembre 2015

Qualche giorno fa mi è cascato l’occhio sulle scartoffie che accompagnano il bollett…

L'auto, imprescindibile diritto umano

di Giuseppe Piras
del 13 novembre 2014

L’episodio che ha visto a Torino i Vigili assediati da cittadini in rivolta perché i…

Bici & metro: i rischi di una sperimentazione timida

di Giulio Gonella
del 04 novembre 2014

  Non è difficile prevedere la misera fine che potrebbe fare la sperimentazione d…

Leggi tutti i post

Conai. Da cosa rinasce cosa

 

Energia e Clima > Risparmio energetico

Etichette energetiche, l'Ue richiama l'Italia


 

Il nostro Paese ha ancora due mesi di tempo per inviare a Bruxelles la comunicazione di avvenuto recepimento della direttiva europea in materia di etichettatura energetica degli elettrodomestici. Altrimenti, insieme a Cipro e Romani, rischia il deferimento alla Corte di giustizia Ue

 

di Silvana Santo
lunedì 27 febbraio 2012 17:33

 

Etichette energetiche, l'Ue richiama l'Italia
clicca sull'immagine per ingrandire

Brutte notizie, per l'Italia, in materia di applicazione della nuova Direttiva Ue in materia di etichettatura energetica degli elettrodomestici. La Commissione Europea ha inviato al nostro Paese (come a Cipro e Romania) un richiamo formale per non aver ancora «pienamente trasposto » la normativa europea sull'etichettatura degli elettrodomestici in materia di efficienza energetica. Il richiamo segue una precedente lettera di costituzione in mora a cui l'Italia non ha ancora inviato una risposta. Stavolta, l'Ue ha dato un ultimatum ai Paesi inadempienti: se entro due mesi non giungeranno risposte adeguate, l'Italia e suoi compagni di disavventura potranno essere deferiti dinanzi alla Corte di giustizia europea.

«La direttiva sull’etichettatura energetica ha un ruolo importante nel promuovere l’efficienza energetica e nel sensibilizzare i consumatori – si legge nel parere motivato trasmesso dalla Commissione - Fornendo ai consumatori informazioni comparative sul consumo energetico dei prodotti che acquistano, l’etichetta energetica li aiuta ad assumere decisioni che consentono loro di risparmiare energia e denaro e incoraggia i produttori a sviluppare prodotti caratterizzati da un buon grado di efficienza energetica. Inoltre, la definizione di soglie comuni a tutta l’Unione europea in materia di efficienza energetica (B, A, A+ ecc.) dà agli Stati membri un sistema di riferimento chiaro sulle caratteristiche dei prodotti ».

L'inadempienza dei tre stati membri, in particolare, riguarda la direttiva europea 2010/30/UE, che ha recentemente rivisto il sistema di etichettatura energetica per frigoriferi e congelatori, lavatrici, lavastoviglie e condizionatori d'aria, oltre a introdurre le “energy label” anche per i televisori. La nuova direttiva, inoltre, ha introdotto tre nuove classi energetiche per i prodotti più efficienti (A+, A++ e A+++) alle sette già esistenti (dalla A alla G).

L'inadempienza, nel dettaglio, riguarda sostanzialmente un problema di carattere burocratico: nonostante il primo avvertimento da parte di Bruxelles, Italia, Romania e Cipro non hanno ancora provveduto a comunicare «di avere pienamente recepito la direttiva nel proprio ordinamento nazionale».


 

 


Notizie correlate


» Rifiuti in Campania, ufficiale la nuova procedura di infrazione per l'Italia


» Efficienza energetica, l'Italia rischia (altre) multe salate dall'Unione europea


» Al via le nuove etichette energetiche, ora obbligatorie anche per i televisori


» Etichette energetiche, novità per lavatrici e lavastoviglie


» "102 discariche non a norma": Ue apre procedura d'infrazione contro l'Italia


 

ZappaMI

 

Formichine salvacibo

 

Cartoni della pizza usati. Dove li buttate?

Si calcola che ogni giorno in Italia si consumino un milione e trecentomila pizze d'asporto..una grande massa






» commenti (0)

Conai

 

Comieco Ricrea CiAl

 

Meno rifiuti 2014

 

RSS Valido!