FAIL (the browser should render some flash content, not this).

GLI ECO BLOGGER

Strisce blu: tra automobilisti, Comuni e mobilità nuova

di Giulio Gonella
del 01 aprile 2014

In questi ultimi giorni di annunci, polemiche e smentite, non è scontato ribadire il ruolo…

Treno perso, poi recuperato, telefono caduto, poi salvato. Rocambolismi

di Paolo Hutter
del 29 marzo 2014

Rocambolesco, conoscete il termine?  Dunque stamane  dovevo prendere  l' 8 e 5…

Pedalare è la risposta

di Giuseppe Piras
del 17 marzo 2014

Ci sono domande che ti spiazzano e anche se la risposta è lampante non è così…

Regno Unito: la Grande Distribuzione taglia le emissioni di Co2 del 25%

di Silvia Ricci
del 14 febbraio 2014

Meno 25% di emissioni di Co2 entro il 2020 come valore assoluto è il nuovo obiettivo per i…

Telelavoro uguale migliore qualità del vivere urbano

di Paolo Piacentini
del 06 febbraio 2014

L'iniziativa del Comune di Milano sul telelavoro o "lavoro agile" come è sta…

Neve e pedali: "Che faccio, lascio?"

di Bru Diarist
del 31 gennaio 2014

La neve che sta imbiancando alcune città del nord Italia in questi giorni della merla del …

C’è un mondo al di là delle Alpi

di Gabriele Del Carlo
del 28 gennaio 2014

Benvenuti a tutti in questa nuova pagina. Su questo blog non tratteremo molto di cosa si fa e…

"Cartesio? Neanche ricordo l’ultima volta che sono passati!”

di Lorenzo Fracastoro
del 17 gennaio 2014

Oggi, mentre sfrecciavo in bici davanti alla copisteria di Via Guastalla angolo Via Artisti,…

Leggi tutti i post

Conai. Da cosa rinasce cosa

 

Letti per voi > Energia e clima

Rinnovabili e burden sharing. Fari puntati sulle Regioni


 

A breve sarà pubblicato in Gazzetta il decreto sul Burden Sharing che definisce gli obiettivi per le Regioni sulle rinnovabili elettriche e termiche al 2020. Un passo importante e vincolante per le Regioni che richiederà la revisione dei Piani energetico-ambientali. Prima però servono i decreti attuativi sugli incentivi alle rinnovabili, in ritardo da 5 mesi - da QualEnergia del 29.02.2012

 

mercoledì 29 febbraio 2012 12:42

 

di Gianni Silvestrini

E’ in via di pubblicazione in Gazzetta il decreto Burden Sharing che definisce gli obiettivi per le Regioni sulle rinnovabili elettriche e termiche al 2020 e che, indirettamente, stimola gli interventi di efficienza energetica necessari per rispettare le percentuali verdi. Si tratta di uno strumento molto importante che consentirà alle Regioni di scegliere le tecnologie su cui puntare e gli strumenti da mettere a disposizione, in sinergia con le incentivazioni nazionali, per far crescere il contributo delle rinnovabili.

Il primo passaggio consisterà nella revisione, entro la fine di giugno, dei Piani energetico-ambientali in modo da definire un percorso che garantisca il rispetto degli obiettivi che, lo ricordiamo, sono legalmente vincolanti. Una scadenza in verità molto ambiziosa. Ci riuscirà la Provincia Autonoma di Trento che, anticipando i tempi, sta già redigendo il nuovo Piano. Sarebbe comunque importante che la revisione avvenisse entro la fine dell’anno.

Anche ai fini di queste elaborazioni, urge la firma dei nuovi decreti governativi sugli incentivi alle rinnovabili (sono già 5 i mesi di ritardo!).

Vista la rapidissima crescita delle rinnovabili elettriche (con un incremento di oltre il 50% tra il 2008 e il 2012) e l’eccezionale exploit del fotovoltaico, che raggiungerà valori almeno tripli rispetto agli 8 GW previsti dal PAN (Piano di Azione Nazionale per le rinnovabili) senza godere di incentivi nella seconda parte del decennio, l’attenzione delle Regioni si dovrà concentrare sulle rinnovabili termiche. Pensiamo, ad esempio, che nel nostro paese viene utilizzato solo un quarto dell’accrescimento annuo boschivo, mentre in Germania e Austria l’impiego arriva al 65%. Una risorsa preziosa da utilizzare.

Infine, un’osservazione. Mentre i valori di riferimento per la produzione elettrica verde sono accurati, lo stesso non si può dire per la parte termica. I numeri appaiano in alcuni casi, specie per le biomasse, molto distanti dalla realtà. Per questo motivo è in corso un progressivo affinamento dei dati. La banca dati Simeri (Sistema Italiano Monitoraggio Energie Rinnovabili) renderà progressivamente più affidabili queste stime e consentirà di arrivare, in alcuni casi, anche ad una revisione dei valori del Burden Sharing.

L’importante comunque è mettersi al lavoro. Fari puntati sulle Regioni!


 

 

Bioplastica Mater-Bi

 

H2O

 

Minori incassi dalla sosta. Perchè?

Da Torino a Messina, passando per Milano e Bologna. Negli ultimi anni i bilanci comunali hanno visto entrare sempre meno incassi dalle strisce blu, con cali progressivi fino a 8-9 punti percentuali sull’anno precedente




» commenti (0)

Conai

 

Corepla CiAl Ricrea CoReVe Rilegno Comieco

 

RSS Valido!
Segui Ecodallecitta su Twitter