GLI ECO BLOGGER

Expo o non Expo.. che sia un ECO 2015 ( e guardandolo dal drone...).

di Paolo Hutter
del 16 gennaio 2015

  Questa è stata la frase di augurio per l'anno nuovo di Eco dalle Citt&…

Tari: Dio stramaledica la pizza al taglio!

di Gianluca Bertazzoli
del 29 dicembre 2015

Qualche giorno fa mi è cascato l’occhio sulle scartoffie che accompagnano il bollett…

E' un lavoro sporco, ma qualcuno lo vuole fare. - Considerazioni post-cartoniadi

di Matteo Volpengo
del 30 novembre 2014

Sono finite le Cartoniadi. Finito il volantinaggio porta a porta, negozio a negozio. Finita la ra…

L'auto, imprescindibile diritto umano

di Giuseppe Piras
del 13 novembre 2014

L’episodio che ha visto a Torino i Vigili assediati da cittadini in rivolta perché i…

Bici & metro: i rischi di una sperimentazione timida

di Giulio Gonella
del 04 novembre 2014

  Non è difficile prevedere la misera fine che potrebbe fare la sperimentazione d…

Desmontegada in val di Fiemme e l’arte di organizzare la raccolta dei rifiuti

di Antonio Castagna
del 09 ottobre 2014

Per i rifiuti ho una vera passione che spesso mi porta a farmi delle domande: quando li individ…

Leggi tutti i post

Conai. Da cosa rinasce cosa

 

Letti per voi > Energia e clima

Rinnovabili e burden sharing. Fari puntati sulle Regioni


 

A breve sarà pubblicato in Gazzetta il decreto sul Burden Sharing che definisce gli obiettivi per le Regioni sulle rinnovabili elettriche e termiche al 2020. Un passo importante e vincolante per le Regioni che richiederà la revisione dei Piani energetico-ambientali. Prima però servono i decreti attuativi sugli incentivi alle rinnovabili, in ritardo da 5 mesi - da QualEnergia del 29.02.2012

 

mercoledì 29 febbraio 2012 12:42

 

di Gianni Silvestrini

E’ in via di pubblicazione in Gazzetta il decreto Burden Sharing che definisce gli obiettivi per le Regioni sulle rinnovabili elettriche e termiche al 2020 e che, indirettamente, stimola gli interventi di efficienza energetica necessari per rispettare le percentuali verdi. Si tratta di uno strumento molto importante che consentirà alle Regioni di scegliere le tecnologie su cui puntare e gli strumenti da mettere a disposizione, in sinergia con le incentivazioni nazionali, per far crescere il contributo delle rinnovabili.

Il primo passaggio consisterà nella revisione, entro la fine di giugno, dei Piani energetico-ambientali in modo da definire un percorso che garantisca il rispetto degli obiettivi che, lo ricordiamo, sono legalmente vincolanti. Una scadenza in verità molto ambiziosa. Ci riuscirà la Provincia Autonoma di Trento che, anticipando i tempi, sta già redigendo il nuovo Piano. Sarebbe comunque importante che la revisione avvenisse entro la fine dell’anno.

Anche ai fini di queste elaborazioni, urge la firma dei nuovi decreti governativi sugli incentivi alle rinnovabili (sono già 5 i mesi di ritardo!).

Vista la rapidissima crescita delle rinnovabili elettriche (con un incremento di oltre il 50% tra il 2008 e il 2012) e l’eccezionale exploit del fotovoltaico, che raggiungerà valori almeno tripli rispetto agli 8 GW previsti dal PAN (Piano di Azione Nazionale per le rinnovabili) senza godere di incentivi nella seconda parte del decennio, l’attenzione delle Regioni si dovrà concentrare sulle rinnovabili termiche. Pensiamo, ad esempio, che nel nostro paese viene utilizzato solo un quarto dell’accrescimento annuo boschivo, mentre in Germania e Austria l’impiego arriva al 65%. Una risorsa preziosa da utilizzare.

Infine, un’osservazione. Mentre i valori di riferimento per la produzione elettrica verde sono accurati, lo stesso non si può dire per la parte termica. I numeri appaiano in alcuni casi, specie per le biomasse, molto distanti dalla realtà. Per questo motivo è in corso un progressivo affinamento dei dati. La banca dati Simeri (Sistema Italiano Monitoraggio Energie Rinnovabili) renderà progressivamente più affidabili queste stime e consentirà di arrivare, in alcuni casi, anche ad una revisione dei valori del Burden Sharing.

L’importante comunque è mettersi al lavoro. Fari puntati sulle Regioni!


 

 

ZappaMI

 

Formichine salvacibo

 

Olimpiadi del 2024 in una città italiana?







» commenti (4)

Conai

 

Comieco CiAl Ricrea

 

Meno rifiuti 2014

 

RSS Valido!