FAIL (the browser should render some flash content, not this).

GLI ECO BLOGGER

L'auto, imprescindibile diritto umano

di Giuseppe Piras
del 13 novembre 2014

L’episodio che ha visto a Torino i Vigili assediati da cittadini in rivolta perché i…

Discorsone sulle Cartoniadi di Torino (con proposte forti in fondo)

di Paolo Hutter
del 07 novembre 2014

Partiamo in salita con queste prime Cartoniadi torinesi. La carta e il cartone raccolti da Cartes…

Bici & metro: i rischi di una sperimentazione timida

di Giulio Gonella
del 04 novembre 2014

  Non è difficile prevedere la misera fine che potrebbe fare la sperimentazione d…

A tu per tu con Terra Madre, una testimonianza dal Salone del Gusto

di Matteo Volpengo
del 27 ottobre 2014

Cibo, volti, sguardi. Poter viaggiare, nell’arco di poche decine di metri, dalle Filipp…

Desmontegada in val di Fiemme e l’arte di organizzare la raccolta dei rifiuti

di Antonio Castagna
del 09 ottobre 2014

Per i rifiuti ho una vera passione che spesso mi porta a farmi delle domande: quando li individ…

A furia di combattere lo spreco di cibo...storia di una brioche

di Sobria Martinez
del 25 settembre 2014

Chi ha lasciato una brioche al cioccolato  integra  giovedi mattina 25 settembre alla s…

Il mio viaggio sulla Brebemi deserta

di Michele Merola
del 11 settembre 2014

Tornando dalle vacanze dal Nord-est ho voluto percorrere la Brebemi: è stato solo qualche …

Plastica, la riciclabilità si valuta con RecyClass

di Silvia Ricci
del 09 settembre 2014

Evitare che le materie plastiche non siano altro che rifiuti conviene, ed è ormai necessar…

Terra dei Paduli

di Gabriele Del Carlo
del 05 settembre 2014

Campagne dove un tempo sorgevano lussureggianti foreste di querce e lecci, oggi ospitano ulivi se…

Leggi tutti i post

Conai. Da cosa rinasce cosa

 

Letti per voi > Energia e clima

Rinnovabili e burden sharing. Fari puntati sulle Regioni


 

A breve sarà pubblicato in Gazzetta il decreto sul Burden Sharing che definisce gli obiettivi per le Regioni sulle rinnovabili elettriche e termiche al 2020. Un passo importante e vincolante per le Regioni che richiederà la revisione dei Piani energetico-ambientali. Prima però servono i decreti attuativi sugli incentivi alle rinnovabili, in ritardo da 5 mesi - da QualEnergia del 29.02.2012

 

mercoledì 29 febbraio 2012 12:42

 

di Gianni Silvestrini

E’ in via di pubblicazione in Gazzetta il decreto Burden Sharing che definisce gli obiettivi per le Regioni sulle rinnovabili elettriche e termiche al 2020 e che, indirettamente, stimola gli interventi di efficienza energetica necessari per rispettare le percentuali verdi. Si tratta di uno strumento molto importante che consentirà alle Regioni di scegliere le tecnologie su cui puntare e gli strumenti da mettere a disposizione, in sinergia con le incentivazioni nazionali, per far crescere il contributo delle rinnovabili.

Il primo passaggio consisterà nella revisione, entro la fine di giugno, dei Piani energetico-ambientali in modo da definire un percorso che garantisca il rispetto degli obiettivi che, lo ricordiamo, sono legalmente vincolanti. Una scadenza in verità molto ambiziosa. Ci riuscirà la Provincia Autonoma di Trento che, anticipando i tempi, sta già redigendo il nuovo Piano. Sarebbe comunque importante che la revisione avvenisse entro la fine dell’anno.

Anche ai fini di queste elaborazioni, urge la firma dei nuovi decreti governativi sugli incentivi alle rinnovabili (sono già 5 i mesi di ritardo!).

Vista la rapidissima crescita delle rinnovabili elettriche (con un incremento di oltre il 50% tra il 2008 e il 2012) e l’eccezionale exploit del fotovoltaico, che raggiungerà valori almeno tripli rispetto agli 8 GW previsti dal PAN (Piano di Azione Nazionale per le rinnovabili) senza godere di incentivi nella seconda parte del decennio, l’attenzione delle Regioni si dovrà concentrare sulle rinnovabili termiche. Pensiamo, ad esempio, che nel nostro paese viene utilizzato solo un quarto dell’accrescimento annuo boschivo, mentre in Germania e Austria l’impiego arriva al 65%. Una risorsa preziosa da utilizzare.

Infine, un’osservazione. Mentre i valori di riferimento per la produzione elettrica verde sono accurati, lo stesso non si può dire per la parte termica. I numeri appaiano in alcuni casi, specie per le biomasse, molto distanti dalla realtà. Per questo motivo è in corso un progressivo affinamento dei dati. La banca dati Simeri (Sistema Italiano Monitoraggio Energie Rinnovabili) renderà progressivamente più affidabili queste stime e consentirà di arrivare, in alcuni casi, anche ad una revisione dei valori del Burden Sharing.

L’importante comunque è mettersi al lavoro. Fari puntati sulle Regioni!


 

 

Amsa spalatori

 

ZappaMI

 

Formichine salvacibo

 

Multare chi non rispetta le regole della differenziata?

Oltre le Cartoniadi.. La raccolta differenziata è un obbligo regolamentato, che prevede sanzioni. Ma in pratica è giusto e opportuno che le aziende dei rifiuti e i comuni si attivino per multare?





» commenti (1)

Conai

 

Comieco CiAl Corepla Ricrea

 

Meno rifiuti 2014

 

RSS Valido!
Segui Ecodallecitta su Twitter