FAIL (the browser should render some flash content, not this).

GLI ECO BLOGGER

Desmontegada in val di Fiemme e l’arte di organizzare la raccolta dei rifiuti

di Antonio Castagna
del 09 ottobre 2014

Per i rifiuti ho una vera passione che spesso mi porta a farmi delle domande: quando li individ…

Pedonalizzazioni low cost

di Giulio Gonella
del 04 ottobre 2014

Continuo a non capire perché tutte le volte che si parla di pedonalizzazione a Torino si c…

A furia di combattere lo spreco di cibo...storia di una brioche

di Sobria Martinez
del 25 settembre 2014

Chi ha lasciato una brioche al cioccolato  integra  giovedi mattina 25 settembre alla s…

Come riduco l'uso dei rasoietti usa e getta

di Paolo Hutter
del 19 settembre 2014

Salve.  Nell'avvicinarsi della Settimana Europea della Riduzione  dei Rifiuti, …

Il mio viaggio sulla Brebemi deserta

di Michele Merola
del 11 settembre 2014

Tornando dalle vacanze dal Nord-est ho voluto percorrere la Brebemi: è stato solo qualche …

Plastica, la riciclabilità si valuta con RecyClass

di Silvia Ricci
del 09 settembre 2014

Evitare che le materie plastiche non siano altro che rifiuti conviene, ed è ormai necessar…

Terra dei Paduli

di Gabriele Del Carlo
del 05 settembre 2014

Campagne dove un tempo sorgevano lussureggianti foreste di querce e lecci, oggi ospitano ulivi se…

Una notizia buona e una cattiva

di Giuseppe Piras
del 30 luglio 2014

I giornali riportano una notizia buona e una cattiva. La notizia cattiva è che il Mini…

Leggi tutti i post

Sentinelle per MENO RIFIUTI

 

Letti per voi > Mobilità
> Sostenibilità

Lungo Po Antonelli, una ciclabile ecosostenibile


 

La vittoria dei residenti dopo una battaglia di mesi: d´ora in poi, vicino ai fiumi e alle aree verdi, le piste non saranno in asfalto. Necessaria una riunione della maggioranza per risolvere il dilemma - da La Repubblica del 13.03.2012

 

martedì 13 marzo 2012 20:07

 

Sara Strippoli

Asfalto o stabilizzato? Il dilemma ha tenuto impegnati per mesi i residenti di Lungo Po Antonelli, che per la futura pista ciclabile che dal ponte Sassi dovrà raggiungere il ponte di corso Regina, tre chilometri e mezzo in totale, si sono mobilitati per difendere il lato estetico della loro striscia verde lungo il fiume. La differenza non è cifra che possa dissanguare le casse di Palazzo Civico, alle prese con ben più sostanziosi problemi, appena centomila euro di spesa in più a sfavore dello stabilizzato, terra pressata che ha però il vantaggio di apparire assai meno impattante dell´asfalto. Dopo una petizione dei residenti che si opponevano al brutto accostamento dell´asfalto con il prato, il dibattito è ripreso ieri in una riunione di maggioranza con i consiglieri delle due commissioni consiliari di Palazzo Civico, ambiente e viabilità. Grazie alle pressioni della consigliera del Pd Marta Levi, Palazzo Civico pare non avere più dubbi, la pista ciclabile sarà realizzata in "stabilizzato": «Costa poco di più ed è assai più ecosostenibile, non possiamo fare una pista ciclabile lungo il fiume come la faremmo in corso Vercelli», spiega Levi. Unica condizione, la verifica richiesta all´assessore alla viabilità Claudio Lubatti perché si controlli che il ministero, nel caso di un cambio del progetto in itinere, non abbia qualcosa in contrario. Il dilemma di questi giorni non può essere un´eccezione e ogni volta non si può aprire una discussione, è stata la proposta di Marco Grimaldi, presidente della commissione ambiente. La storia di Lungo Po Antonelli dovrebbe tradursi in una regola: «Nel "biciplan" questo criterio deve essere fissato: asfalto per la pista ciclabile in strada, stabilizzato lungo i fiumi e vicino alle aree verdi».
In tema di trasformazioni lungo il fiume, ieri il Consiglio comunale ha approvato la delibera che prevede la realizzazione dell´impianto idroelettrico al Parco Michelotti, 5 gigawatt di energia elettrica all´anno. Gli utili della centrale dovranno coprire le spese relative alla realizzazione della centrale e delle opere previste per la navigazione. Oltre sette milioni di euro finanziati con capitale privato e la società che si aggiudicherà il progetto avrà la gestione per 30 anni. Con la delibera è stata approvata una mozione che chiede alla giunta un nuovo progetto urbano per le sponde del Po, un´occasione per «una straordinaria promozione turistica», un percorso navigabile di dodici chilometri da Moncalieri fino ai parchi Colletta e Meisino.


 

 


Notizie correlate


» Lungo Po Antonelli: addio all'asfalto, la ciclabile verrà realizzata con materiali ecocompatibili


 

Sentinelle dei Rifiuti

 

ZappaMI

 

Meno rifiuti 2014

 

Perché ancora troppa carta nell'indifferenziato?

Nei cassonetti dei rifiuti indifferenziati delle città italiane si trovano ancora ingenti quantità di carta e cartone che dovrebbero essere invece differenziate e riciclate. Come mai?Indica quello che secondo te può essere il motivo principale





» commenti (6)

Conai

 

Ricrea Corepla Comieco CiAl

 

Eco dalle Città Visibili

 

RSS Valido!
Segui Ecodallecitta su Twitter