FAIL (the browser should render some flash content, not this).

GLI ECO BLOGGER

Strisce blu: tra automobilisti, Comuni e mobilità nuova

di Giulio Gonella
del 01 aprile 2014

In questi ultimi giorni di annunci, polemiche e smentite, non è scontato ribadire il ruolo…

Treno perso, poi recuperato, telefono caduto, poi salvato. Rocambolismi

di Paolo Hutter
del 29 marzo 2014

Rocambolesco, conoscete il termine?  Dunque stamane  dovevo prendere  l' 8 e 5…

Pedalare è la risposta

di Giuseppe Piras
del 17 marzo 2014

Ci sono domande che ti spiazzano e anche se la risposta è lampante non è così…

Regno Unito: la Grande Distribuzione taglia le emissioni di Co2 del 25%

di Silvia Ricci
del 14 febbraio 2014

Meno 25% di emissioni di Co2 entro il 2020 come valore assoluto è il nuovo obiettivo per i…

Telelavoro uguale migliore qualità del vivere urbano

di Paolo Piacentini
del 06 febbraio 2014

L'iniziativa del Comune di Milano sul telelavoro o "lavoro agile" come è sta…

Neve e pedali: "Che faccio, lascio?"

di Bru Diarist
del 31 gennaio 2014

La neve che sta imbiancando alcune città del nord Italia in questi giorni della merla del …

C’è un mondo al di là delle Alpi

di Gabriele Del Carlo
del 28 gennaio 2014

Benvenuti a tutti in questa nuova pagina. Su questo blog non tratteremo molto di cosa si fa e…

"Cartesio? Neanche ricordo l’ultima volta che sono passati!”

di Lorenzo Fracastoro
del 17 gennaio 2014

Oggi, mentre sfrecciavo in bici davanti alla copisteria di Via Guastalla angolo Via Artisti,…

Leggi tutti i post

Sentinelle per MENO RIFIUTI

 

Letti per voi > Mobilità
> Sostenibilità

Lungo Po Antonelli, una ciclabile ecosostenibile


 

La vittoria dei residenti dopo una battaglia di mesi: d´ora in poi, vicino ai fiumi e alle aree verdi, le piste non saranno in asfalto. Necessaria una riunione della maggioranza per risolvere il dilemma - da La Repubblica del 13.03.2012

 

martedì 13 marzo 2012 20:07

 

Sara Strippoli

Asfalto o stabilizzato? Il dilemma ha tenuto impegnati per mesi i residenti di Lungo Po Antonelli, che per la futura pista ciclabile che dal ponte Sassi dovrà raggiungere il ponte di corso Regina, tre chilometri e mezzo in totale, si sono mobilitati per difendere il lato estetico della loro striscia verde lungo il fiume. La differenza non è cifra che possa dissanguare le casse di Palazzo Civico, alle prese con ben più sostanziosi problemi, appena centomila euro di spesa in più a sfavore dello stabilizzato, terra pressata che ha però il vantaggio di apparire assai meno impattante dell´asfalto. Dopo una petizione dei residenti che si opponevano al brutto accostamento dell´asfalto con il prato, il dibattito è ripreso ieri in una riunione di maggioranza con i consiglieri delle due commissioni consiliari di Palazzo Civico, ambiente e viabilità. Grazie alle pressioni della consigliera del Pd Marta Levi, Palazzo Civico pare non avere più dubbi, la pista ciclabile sarà realizzata in "stabilizzato": «Costa poco di più ed è assai più ecosostenibile, non possiamo fare una pista ciclabile lungo il fiume come la faremmo in corso Vercelli», spiega Levi. Unica condizione, la verifica richiesta all´assessore alla viabilità Claudio Lubatti perché si controlli che il ministero, nel caso di un cambio del progetto in itinere, non abbia qualcosa in contrario. Il dilemma di questi giorni non può essere un´eccezione e ogni volta non si può aprire una discussione, è stata la proposta di Marco Grimaldi, presidente della commissione ambiente. La storia di Lungo Po Antonelli dovrebbe tradursi in una regola: «Nel "biciplan" questo criterio deve essere fissato: asfalto per la pista ciclabile in strada, stabilizzato lungo i fiumi e vicino alle aree verdi».
In tema di trasformazioni lungo il fiume, ieri il Consiglio comunale ha approvato la delibera che prevede la realizzazione dell´impianto idroelettrico al Parco Michelotti, 5 gigawatt di energia elettrica all´anno. Gli utili della centrale dovranno coprire le spese relative alla realizzazione della centrale e delle opere previste per la navigazione. Oltre sette milioni di euro finanziati con capitale privato e la società che si aggiudicherà il progetto avrà la gestione per 30 anni. Con la delibera è stata approvata una mozione che chiede alla giunta un nuovo progetto urbano per le sponde del Po, un´occasione per «una straordinaria promozione turistica», un percorso navigabile di dodici chilometri da Moncalieri fino ai parchi Colletta e Meisino.


 

 


Notizie correlate


» Lungo Po Antonelli: addio all'asfalto, la ciclabile verrà realizzata con materiali ecocompatibili


 

Sentinelle dei Rifiuti

 

Minori incassi dalla sosta. Perchè?

Da Torino a Messina, passando per Milano e Bologna. Negli ultimi anni i bilanci comunali hanno visto entrare sempre meno incassi dalle strisce blu, con cali progressivi fino a 8-9 punti percentuali sull’anno precedente




» commenti (0)

Conai

 

CiAl Ricrea Rilegno Corepla CoReVe Comieco

 

Eco dalle Città Visibili

 

RSS Valido!
Segui Ecodallecitta su Twitter