FAIL (the browser should render some flash content, not this).

GLI ECO BLOGGER

Strisce blu: tra automobilisti, Comuni e mobilità nuova

di Giulio Gonella
del 01 aprile 2014

In questi ultimi giorni di annunci, polemiche e smentite, non è scontato ribadire il ruolo…

Treno perso, poi recuperato, telefono caduto, poi salvato. Rocambolismi

di Paolo Hutter
del 29 marzo 2014

Rocambolesco, conoscete il termine?  Dunque stamane  dovevo prendere  l' 8 e 5…

Pedalare è la risposta

di Giuseppe Piras
del 17 marzo 2014

Ci sono domande che ti spiazzano e anche se la risposta è lampante non è così…

Regno Unito: la Grande Distribuzione taglia le emissioni di Co2 del 25%

di Silvia Ricci
del 14 febbraio 2014

Meno 25% di emissioni di Co2 entro il 2020 come valore assoluto è il nuovo obiettivo per i…

Telelavoro uguale migliore qualità del vivere urbano

di Paolo Piacentini
del 06 febbraio 2014

L'iniziativa del Comune di Milano sul telelavoro o "lavoro agile" come è sta…

Neve e pedali: "Che faccio, lascio?"

di Bru Diarist
del 31 gennaio 2014

La neve che sta imbiancando alcune città del nord Italia in questi giorni della merla del …

C’è un mondo al di là delle Alpi

di Gabriele Del Carlo
del 28 gennaio 2014

Benvenuti a tutti in questa nuova pagina. Su questo blog non tratteremo molto di cosa si fa e…

"Cartesio? Neanche ricordo l’ultima volta che sono passati!”

di Lorenzo Fracastoro
del 17 gennaio 2014

Oggi, mentre sfrecciavo in bici davanti alla copisteria di Via Guastalla angolo Via Artisti,…

Leggi tutti i post

Mobilità > A scuola a piedi

Saluzzo: il pedibus in cerca di nuove leve


 

Nella cittadina cuneese sono coinvolte nel progetto Pedibus le scuole primarie Costa, Musso e Pivano ma alcuni percorsi non sono stati attivati per la carenza di alunni iscritti, poiché la regola del pedibus prevede un minimo di 10 iscritti per l’attivazione di ogni percorso

 

venerdě 16 marzo 2012 11:43

 

Saluzzo: il pedibus in cerca di nuove leve
clicca sull'immagine per ingrandire

Per le scuole primarie saluzzesi è ripartito il Pedibus: l’autobus umano, formato da un gruppo di bambini, i “passeggeri” e da due o più adulti, gli “autisti”, con tanto di itinerario, capolinea e fermate, scandito da orari precisi e prestabiliti. Il “Pedibus” è il modo più sano, sicuro, divertente ed ecologico per andare e tornare da scuola. Sono coinvolti tre plessi della scuola primaria di Saluzzo: Costa, Musso e Pivano, mentre il plesso dalla Chiesa non viene attivato per la scarsa adesione da parte dei ragazzi.

Il pedibus si svolge da alcuni anni, dal lunedì al venerdì, con turni di due settimane in autunno e due in primavera per ogni plesso. Nella fase primaverile, compresa tra il 5 marzo ed il 4 aprile, la maggior affluenza di partecipazione da parte degli alunni si registra al plesso Musso con tre percorsi attivati per un totale di 43 alunni iscritti e 6 familiari assistenti.

Dal 19 marzo verrà attivato un percorso di Pedibus alla scuola Costa, con 18 alunni iscritti e 5 famigliari assistenti. Contemporaneamente, il Pedibus coinvolgerà il plesso Pivano, con un percorso che coinvolgerà 25 alunni iscritti e 1 famigliare assistente.

Oltre agli alunni e ai genitori, partecipano al “Pedibus” anche tredici volontari accompagnatori, alcuni di essi già collaboratori del Comune di Saluzzo nell’ambito del progetto “Libera Età” over 55, che garantiscono la sicurezza dei bambini lungo il tragitto. Alcuni percorsi non sono stati attivati per la carenza di alunni iscritti, poiché la regola del pedibus prevede infatti un minimo di 10 iscritti per l’attivazione di ogni percorso.

Martedì 27 marzo, alle ore 18, presso la sala mensa della Scuola Costa, i genitori sono invitati a un incontro, aperto comunque a tutti, che mira all’organizzazione di un pedibus autogestito nel periodo successivo alle vacanze pasquali, nell’ottica di promuovere e diffondere sempre più questa sana ed economica risorsa.


 

 


Notizie correlate


» Alla ricerca del pedibus nelle grandi città


 

Minori incassi dalla sosta. Perchč?

Da Torino a Messina, passando per Milano e Bologna. Negli ultimi anni i bilanci comunali hanno visto entrare sempre meno incassi dalle strisce blu, con cali progressivi fino a 8-9 punti percentuali sull’anno precedente




» commenti (0)

Conai

 

Corepla CiAl Rilegno Ricrea CoReVe Comieco

 

RSS Valido!
Segui Ecodallecitta su Twitter