GLI ECO BLOGGER

Expo o non Expo.. che sia un ECO 2015 ( e guardandolo dal drone...).

di Paolo Hutter
del 16 gennaio 2015

  Questa è stata la frase di augurio per l'anno nuovo di Eco dalle Citt&…

Tari: Dio stramaledica la pizza al taglio!

di Gianluca Bertazzoli
del 29 dicembre 2015

Qualche giorno fa mi è cascato l’occhio sulle scartoffie che accompagnano il bollett…

E' un lavoro sporco, ma qualcuno lo vuole fare. - Considerazioni post-cartoniadi

di Matteo Volpengo
del 30 novembre 2014

Sono finite le Cartoniadi. Finito il volantinaggio porta a porta, negozio a negozio. Finita la ra…

L'auto, imprescindibile diritto umano

di Giuseppe Piras
del 13 novembre 2014

L’episodio che ha visto a Torino i Vigili assediati da cittadini in rivolta perché i…

Bici & metro: i rischi di una sperimentazione timida

di Giulio Gonella
del 04 novembre 2014

  Non è difficile prevedere la misera fine che potrebbe fare la sperimentazione d…

Desmontegada in val di Fiemme e l’arte di organizzare la raccolta dei rifiuti

di Antonio Castagna
del 09 ottobre 2014

Per i rifiuti ho una vera passione che spesso mi porta a farmi delle domande: quando li individ…

Leggi tutti i post

Mobilità > A scuola a piedi

Saluzzo: il pedibus in cerca di nuove leve


 

Nella cittadina cuneese sono coinvolte nel progetto Pedibus le scuole primarie Costa, Musso e Pivano ma alcuni percorsi non sono stati attivati per la carenza di alunni iscritti, poiché la regola del pedibus prevede un minimo di 10 iscritti per l’attivazione di ogni percorso

 

venerdě 16 marzo 2012 11:43

 

Saluzzo: il pedibus in cerca di nuove leve
clicca sull'immagine per ingrandire

Per le scuole primarie saluzzesi è ripartito il Pedibus: l’autobus umano, formato da un gruppo di bambini, i “passeggeri” e da due o più adulti, gli “autisti”, con tanto di itinerario, capolinea e fermate, scandito da orari precisi e prestabiliti. Il “Pedibus” è il modo più sano, sicuro, divertente ed ecologico per andare e tornare da scuola. Sono coinvolti tre plessi della scuola primaria di Saluzzo: Costa, Musso e Pivano, mentre il plesso dalla Chiesa non viene attivato per la scarsa adesione da parte dei ragazzi.

Il pedibus si svolge da alcuni anni, dal lunedì al venerdì, con turni di due settimane in autunno e due in primavera per ogni plesso. Nella fase primaverile, compresa tra il 5 marzo ed il 4 aprile, la maggior affluenza di partecipazione da parte degli alunni si registra al plesso Musso con tre percorsi attivati per un totale di 43 alunni iscritti e 6 familiari assistenti.

Dal 19 marzo verrà attivato un percorso di Pedibus alla scuola Costa, con 18 alunni iscritti e 5 famigliari assistenti. Contemporaneamente, il Pedibus coinvolgerà il plesso Pivano, con un percorso che coinvolgerà 25 alunni iscritti e 1 famigliare assistente.

Oltre agli alunni e ai genitori, partecipano al “Pedibus” anche tredici volontari accompagnatori, alcuni di essi già collaboratori del Comune di Saluzzo nell’ambito del progetto “Libera Età” over 55, che garantiscono la sicurezza dei bambini lungo il tragitto. Alcuni percorsi non sono stati attivati per la carenza di alunni iscritti, poiché la regola del pedibus prevede infatti un minimo di 10 iscritti per l’attivazione di ogni percorso.

Martedì 27 marzo, alle ore 18, presso la sala mensa della Scuola Costa, i genitori sono invitati a un incontro, aperto comunque a tutti, che mira all’organizzazione di un pedibus autogestito nel periodo successivo alle vacanze pasquali, nell’ottica di promuovere e diffondere sempre più questa sana ed economica risorsa.


 

 


Notizie correlate


» Alla ricerca del pedibus nelle grandi città


 

ZappaMI

 

Olimpiadi del 2024 in una cittŕ italiana?







» commenti (4)

Conai

 

CiAl Ricrea Comieco

 

Meno rifiuti 2014

 

RSS Valido!