FAIL (the browser should render some flash content, not this).

GLI ECO BLOGGER

Invasioni digitali anche nel Lodigiano, 24 aprile – 4 maggio 2014

di Michele Merola
del 22 aprile 2014

In questo blog si sostiene convintamente che la cultura e il turismo dovrebbero essere la risorsa…

Strisce blu: tra automobilisti, Comuni e mobilità nuova

di Giulio Gonella
del 01 aprile 2014

In questi ultimi giorni di annunci, polemiche e smentite, non è scontato ribadire il ruolo…

Treno perso, poi recuperato, telefono caduto, poi salvato. Rocambolismi

di Paolo Hutter
del 29 marzo 2014

Rocambolesco, conoscete il termine?  Dunque stamane  dovevo prendere  l' 8 e 5…

Pedalare è la risposta

di Giuseppe Piras
del 17 marzo 2014

Ci sono domande che ti spiazzano e anche se la risposta è lampante non è così…

Regno Unito: la Grande Distribuzione taglia le emissioni di Co2 del 25%

di Silvia Ricci
del 14 febbraio 2014

Meno 25% di emissioni di Co2 entro il 2020 come valore assoluto è il nuovo obiettivo per i…

Telelavoro uguale migliore qualità del vivere urbano

di Paolo Piacentini
del 06 febbraio 2014

L'iniziativa del Comune di Milano sul telelavoro o "lavoro agile" come è sta…

Neve e pedali: "Che faccio, lascio?"

di Bru Diarist
del 31 gennaio 2014

La neve che sta imbiancando alcune città del nord Italia in questi giorni della merla del …

C’è un mondo al di là delle Alpi

di Gabriele Del Carlo
del 28 gennaio 2014

Benvenuti a tutti in questa nuova pagina. Su questo blog non tratteremo molto di cosa si fa e…

"Cartesio? Neanche ricordo l’ultima volta che sono passati!”

di Lorenzo Fracastoro
del 17 gennaio 2014

Oggi, mentre sfrecciavo in bici davanti alla copisteria di Via Guastalla angolo Via Artisti,…

Leggi tutti i post

Conai. Da cosa rinasce cosa

 

Acqua > Politiche, piani generali

22 marzo, Giornata mondiale dell’acqua. Il rapporto con la sicurezza alimentare al centro dell’edizione 2012


 

Sono trascorsi vent’anni dal primo World Water Day, nato a Rio in occasione della Conferenza internazionale. Quest’anno il tema è il cibo e le risorse idriche. Numerose le iniziative in tutt’Italia

 

di Pietro Mezzi
mercoledì 21 marzo 2012 16:14

 

22 marzo, Giornata mondiale dell’acqua. Il rapporto con la sicurezza alimentare al centro dell’edizione 2012
clicca sull'immagine per ingrandire

Il mondo ha sete perché abbiamo fame”. E’ questo lo slogan dell’edizione 2012 del World Water Day, la ricorrenza voluta dall’Onu giusto vent’anni fa, nel 1992, in occasione della Conferenza internazionale di Rio de Janeiro. L’edizione di quest’anno (www.unwater.org/worldwaterday/) vuole coniugare il risparmio delle risorse idriche e il bisogno crescente di cibo di sette miliardi di persone che vivono sulla terra. Un bisogno di produzione alimentare che aumenterà (nel 2050 la popolazione salirà a nove miliardi) e che necessita di un uso sempre più massiccio di acqua. Cibo e acqua che in molte aree del mondo vengono sprecati e in altre, al contrario, scarseggiano o addirittura, ancora oggi, ne viene negato l’accesso. Affrontare la crescita della popolazione e la possibilità di sfamarsi impone a tutti delle scelte, quali un’alimentazione più sana, consumare meno acqua per produzioni ad alta densità, ridurre lo spreco alimentare, produrre cibo di qualità con meno acqua.
La giornata internazionale delle Nazioni unite di domani vuole sensibilizzare la comunità mondiale ad un uso parsimonioso delle risorse idriche e di quelle alimentari e alla modifica dei cosiddetti stili di vita.
In Italia, come nel resto del mondo, le istituzioni locali e gli operatori pubblici del settore idrico sono impegnati nell’azione di sensibilizzazione suggerita dall’Onu.
A Milano, la Provincia di Milano(www.provincia.milano.it) e Amiacque - società pubblica di erogazione del servizio idrico (www.amiacque.it) - hanno organizzato uno stand informativo davanti a Palazzo Isimbardi, sede dell’amministrazione provinciale, per distribuire gadget ecologici e documenti informativi sull’uso responsabile dell’acqua.
Sempre a Milano, Cap Holding - società pubblica di gestione del servizio idrico integrato in oltre 200 Comuni (www.capholding.it) - organizza un’iniziativa per coinvolgere sul tema acqua bambini e ragazzi. Lo fa in collaborazione con i Comuni soci e l’associazione Gaas, che raggruppa gli artisti di strada che animeranno vie e piazze delle città, con spettacoli ed eventi ludici.
A Bologna, invece, il Gruppo Hera - multiutiliy, quotata in borsa, di servizi pubblici dell’Emilia Rogna che si occupa di ambiente, acqua ed energia - sarà in piazza Maggiore con banchetti informativi e giochi dedicati ai ragazzi. Verranno distribuiti 190 mila pieghevoli dal titolo “Tariffe chiare come l’acqua”. Si tratta di 10 cartoline con altrettanti messaggi che spiegano, tra l’altro, come si formano le tariffe dell’acqua. Oltre a Bologna l’iniziativa è programmata in altre otto piazze emiliano-romagnole (le cartoline di Hera sono consultabili all’indirizzo www.gruppohera.it/acqua). Infine, per evitare l’usa e getta, la società emiliana distribuirà ai propri 6.700 dipendenti altrettante borracce e bicchieri per rifornirsi dagli erogatori pubblici e dai rubinetti privati.
Federutility - la federazione che riunisce le aziende di gas, acqua ed energia (www.federutility.it) - nel festeggiare il World Water Day, annuncia di aver avviato dal 20 marzo scorso la campagna “Rubinetto trasparente”: vale a dire la pubblicazione sui siti web e sulle bollette delle aziende federate dei parametri chimico-fisici e delle caratteristiche organolettiche dell’acqua distribuita.
Anche le associazioni ambientaliste hanno programmato diverse iniziative: Legambiente Lombardia (www.legambiente.lombardia.it) organizza, attraverso i circoli locali, incontri e proiezioni di filmati a tema. All’Acquario civico di Milano verrà infatti proiettato e commentato il recente film-documentario sul fiume Lambro; mentre a Mortara e a San Giorgio Lomellina, in collaborazione con le scuole elementari, il circolo locale organizza brevi corsi per diventare “sommelier dell’acqua”.


 

 

Amsa Bioplastica Mater-Bi

 

cariplo ok

 

H2O

 

Minori incassi dalla sosta. Perchè?

Da Torino a Messina, passando per Milano e Bologna. Negli ultimi anni i bilanci comunali hanno visto entrare sempre meno incassi dalle strisce blu, con cali progressivi fino a 8-9 punti percentuali sull’anno precedente




» commenti (0)

Conai

 

CiAl Rilegno Corepla Comieco CoReVe Ricrea

 

RSS Valido!
Segui Ecodallecitta su Twitter