GLI ECO BLOGGER

Critica dell’acquisto sostenibile: il giusto fornitore di energia elettrica

di matteo Jarre
del 26 febbraio 2015

Si dice spesso che l’unico potere rimasto alle persone sia legato alle cose che consumano e…

Dipingere il buio, spunti sulla luce in città

di Matteo Volpengo
del 16 febbraio 2015

  "Aveva trovato quel che stava cercando nella tasca interna del mantello. Sembrava…

Non si accede alla zona binari senza biglietto?

di Paolo Hutter
del 05 febbraio 2015

Arrivando col treno alla Stazione Centrale di Milano alle 10 e 45 di giovedì 5 febbraio ho…

Tari: Dio stramaledica la pizza al taglio!

di Gianluca Bertazzoli
del 29 dicembre 2015

Qualche giorno fa mi è cascato l’occhio sulle scartoffie che accompagnano il bollett…

L'auto, imprescindibile diritto umano

di Giuseppe Piras
del 13 novembre 2014

L’episodio che ha visto a Torino i Vigili assediati da cittadini in rivolta perché i…

Bici & metro: i rischi di una sperimentazione timida

di Giulio Gonella
del 04 novembre 2014

  Non è difficile prevedere la misera fine che potrebbe fare la sperimentazione d…

Leggi tutti i post

Acqua > Bene Comune

Comitato “Acqua Bene Comune” comuni e associazioni per la riduzione delle tariffe


 

Con la vittoria del 2° quesito referendario del 12 giugno 2011, è stata abrogata la norma che prevedere la “remunerazione del capitale”, dunque, dal 21 luglio 2011, l’Acquedotto Pugliese non ha più alcun titolo per esigere l’importo della tariffa corrispondente alla remunerazione del capitale investito pari cioè al 7% della bolletta dell’acqua. Indetto un sit-in di protesta

 

di Giuseppe Miccoli
venerdì 23 marzo 2012 17:16

 

Comitato “Acqua Bene Comune” comuni e associazioni per la riduzione delle tariffe
clicca sull'immagine per ingrandire

La sentenza della Consulta del 22 marzo non ferma il Comitato pugliese “Acqua Bene Comune” – Forum Italiano dei Movimenti per l’Acqua (referenti professoressa Cervo e per la città di Bari Federico Cuscito) e richiede alla presidenza dell’Acquedotto Pugliese che venga rispettato il principio secondo il quale non si devono fare profitti nella gestione dell’acqua. Infatti, con la vittoria del 2° quesito referendario del 12 giugno 2011, è stata abrogata la norma che prevedere la “remunerazione del capitale” (pari al 7% delle nostre bollette).

Nella giornata di mobilitazione e sensibilizzazione sulla campagna di “Obbedienza Civile – Il mio voto va rispettato”, alla quale hanno preso parte formalmente i comuni di Bari (Antonella Rinella, capo gabinetto del comune), Villa Castelli (assessore Rocco Alò), Modugno, Giovinazzo (assessore Maria Restivo), Cisternino (assessore Mimmo Carrieri), Laterza, Grumo Appula, Binetto, Lequile, Altamura (Gianfranco Pallotta), Mola di Bari, e le associazioni dei consumatori (Movimento Consumatori (referente Fabio Mastrolilli), Unione Nazionale Consumatori, Adiconsum, Unicons (referente Fracensco Saverio del Buono), Confconsumatori, Movimento Difesa Cittadino, Lega Consumatori, e Federconsumatori(Marcello Santoro), il Comitato pugliese “Acqua Bene Comune” ha fatto pervenire alla presidenza dell’Acquedotto Pugliese mille lettere di reclamo in quanto, dal 21 luglio 2011, tale società (pubblica o privata che sia) non ha più alcun titolo per esigere l’importo della tariffa corrispondente alla remunerazione del capitale investito (pari al 7,49% per l’anno 2011 ed al 8,28% per l’anno 2012).

Cosa accadrà in futuro? I comuni - hanno fatto sapere i loro delegati ufficiali durante il sit in di protesta - metteranno a disposizione i propri URP (ufficio relazione per il pubblico) dei cittadini affinchè questi possano compilare il modulo di reclamo. Modulo che sarà inviato al gestore e all’ATO competente quali provvederanno alla decurtazione dalle relative bollette del servizio idrico, della componente “remunerazione capitali investito”. Inoltre contestualmente sarà richiesto il rimborso della percentuale eventualmente già versata per i periodi successivi al 20 luglio 2011.


 

 


Notizie correlate


» La Corte costituzionale boccia alcuni articoli della legge che ripubblicizza acquedotto pugliese


» Acquedotto "pubblico" pugliese: il “no” della Consulta alla legge regionale| la sentenza e la legge regionale


 


ZappaMI

 

Cartoni della pizza usati. Dove li buttate?

Si calcola che ogni giorno in Italia si consumino un milione e trecentomila pizze d'asporto..una grande massa






» commenti (0)

SMAT lungo

 

CiAl Ricrea Comieco

 

Meno rifiuti 2014

 

RSS Valido!