FAIL (the browser should render some flash content, not this).

GLI ECO BLOGGER

I rifiuti sprecati tra Roma e Milano

di Paolo Hutter
del 28 luglio 2014

Circola una  giusta  soddisfazione per i risultati  nuovi della Raccolta Differenz…

La raccolta differenziata non è (solo) un affare per specialisti

di Antonio Castagna
del 22 luglio 2014

Venerdì 18 luglio ho presentato il mio libro "Tutto è monnezza" a Barrier…

Un robot ci salverà

di Giuseppe Piras
del 16 luglio 2014

Ad Oristano dal 14 luglio verrà sperimentato un sistema di collegamenti con bus elettrici …

Le recensioni di Cinemambiente: Nella terra dei fuochi

di Eco Spettatore
del 07 giugno 2014

di Angela Conversano “Terra dei fuochi” è l'espressione che risalta ne…

Le recensioni di Cinemambiente: Endless Roads

di Eco Spettatore
del 07 giugno 2014

di Angela Conversano Endless Roads è la storia della tenacia di una donna che vive a Zhe…

Recensioni di Cinemambiente: Divide in Concorde. ( Divieto alle bottiglie in plastica per l'acqua)

di Eco Spettatore
del 03 giugno 2014

di  Paolo Hutter     Se guardi "Divide in Concorde" hai l'imp…

Imballaggi sostenibili? A condizione che siano realmente e facilmente riciclabili QUI e ORA

di Silvia Ricci
del 01 giugno 2014

Imballaggi sostenibili? A condizione che siano realmente e facilmente riciclabili QUI e ORA …

ZTL notturna a San Salvario: come al solito manca il coraggio

di Giulio Gonella
del 21 maggio 2014

  Digitando ZTL notturna su Google News, fioccano esempi su esempi, da Pisa a Firenze a …

Invasioni digitali anche nel Lodigiano, 24 aprile – 4 maggio 2014

di Michele Merola
del 22 aprile 2014

In questo blog si sostiene convintamente che la cultura e il turismo dovrebbero essere la risorsa…

Leggi tutti i post

Conai. Da cosa rinasce cosa

 

Energia e Clima > Rinnovabili

Bolletta energetica, Legambiente: «Ecco la verità sulle rinnovabili»


 

L'associazione ha analizzato le diverse voci che costituiscono la bolletta energetica degli italiani, dimostrando che il peso delle rinnovabili non supera il 10% del totale. Un costo, spiega Legambiente, che è neutralizzato dai benefici economici dell'energia pulita

 

mercoledì 04 aprile 2012 17:23

 

Bolletta energetica, Legambiente: «Ecco la verità sulle rinnovabili»
clicca sull'immagine per ingrandire

È davvero colpa delle rinnovabili se le bollette lievitano? A chiederlo è Legambiente, che, sulla scia della polemica di questi giorni sul peso economico degli incentivi alle rinnovabili, ha analizzato la bolletta media di una famiglia italiana nella propria casa di residenza: 494 euro l'anno (contratto in fascia protetta da 3kW, dati 2011). Ecco le voci individuate dall'associazione ambientalista: 294 euro l’anno (59,5% della bolletta), vanno a tutte le centrali escluse le nuove rinnovabili (quelle che ricevono incentivi diretti). Per il 90%, si tratta di impianti a metano, petrolio e anche carbone. Il costo del metano e del petrolio sul libero mercato, in particolare, è raddoppiato negli ultimi 5-6 anni (addirittura +40% dal 2010). Altri 69 euro all'anno circa (14% della bolletta) servono per la distribuzione, la gestione degli elettrodotti e le varie misurazioni.

«Le tasse e l’Iva - prosegue l'associazione - si prendono altri 67 euro l’anno, pari al 13,5% della bolletta, col paradosso che paghiamo l’Iva, che è un’imposta su beni e servizi, anche sugli incentivi, che non sono né beni né servizi». La voce successiva è rappresentata dagli oneri generali di sistema, definita da Legambiente una voce “matrioska”: 64 euro in totale (13% della bolletta) dentro cui è compreso di tutto: 48 euro (10% circa della bolletta) per finanziare gli incentivi a fotovoltaico, eolico e biomasse. Altri 10 euro all'anno (circa 2% della bolletta) vanno alle altre "fonti assimilate alle rinnovabili" del CIP6, una definizione che secondo gli ambientalisti è «ingannevole», dal momento che si tratta soprattutto di raffinerie, inceneritori, acciaierie e impianti a carbone.

L'elenco continua con i 6 euro all'anno che gli italiani versano per il nucleare (ricerca e smaltimento delle vecchie centrali), ricerca scientifica (gran parte ancora al nucleare), tariffe sociali, imprese elettriche minori. Il consumatore, aggiunge Legambiente, «finanzia anche cose che con la bolletta ci stanno come i cavoli a merenda, come determinati regimi tariffari delle ferrovie e le compensazioni sociali delle installazioni elettriche». Infine, osserva l'associazione, c'è anche l'efficienza energetica negli usi finali, che però rappresenta solo un millesimo della bolletta.

Il peso delle rinnovabili, conclude Legambiente, è dunque limitato, soprattutto alla luce dei benefici economici che l'energia pulita garantisce al Paese. «Le fonti “nuove”, quelle che ricevono gli incentivi – spiega l'associazione - oggi producono il 10% dell’energia elettrica e ci costano 48 euro all'anno: il 10% della bolletta». Come a dire che la spesa pubblica si neutralizza da sola e che in futuro il bilancio sarà sempre più in attivo. A pesare sempre di più sulle tasche delle famiglie italiane, invece, sarà, secondo l'associazione, il costo delle “vecchie” fonti, del petrolio, degli inceneritori, raffinerie, e impianti a carbone. «Dall'inizio dell'anno – osserva il Cigno - l'aumento delle bollette legato al prezzo del petrolio e al deprezzamento dell'euro è stato di 49 euro sulla bolletta media, mentre per le rinnovabili c'è da attendersi, a partire dal 1 maggio, un aumento di 20 euro».


 

 

Bioplastica Mater-Bi

 

Raccogliere more in città?







» commenti (0)

Conai

 

CiAl Ricrea Corepla Comieco

 

RSS Valido!
Segui Ecodallecitta su Twitter