GLI ECO BLOGGER

Tari: Dio stramaledica la pizza al taglio!

di Gianluca Bertazzoli
del 11 dicembre 2014

Qualche giorno fa mi è cascato l’occhio sulle scartoffie che accompagnano il bollett…

E' un lavoro sporco, ma qualcuno lo vuole fare. - Considerazioni post-cartoniadi

di Matteo Volpengo
del 30 novembre 2014

Sono finite le Cartoniadi. Finito il volantinaggio porta a porta, negozio a negozio. Finita la ra…

L'auto, imprescindibile diritto umano

di Giuseppe Piras
del 13 novembre 2014

L’episodio che ha visto a Torino i Vigili assediati da cittadini in rivolta perché i…

Discorsone sulle Cartoniadi di Torino (con proposte forti in fondo)

di Paolo Hutter
del 07 novembre 2014

Partiamo in salita con queste prime Cartoniadi torinesi. La carta e il cartone raccolti da Cartes…

Bici & metro: i rischi di una sperimentazione timida

di Giulio Gonella
del 04 novembre 2014

  Non è difficile prevedere la misera fine che potrebbe fare la sperimentazione d…

Desmontegada in val di Fiemme e l’arte di organizzare la raccolta dei rifiuti

di Antonio Castagna
del 09 ottobre 2014

Per i rifiuti ho una vera passione che spesso mi porta a farmi delle domande: quando li individ…

A furia di combattere lo spreco di cibo...storia di una brioche

di Sobria Martinez
del 25 settembre 2014

Chi ha lasciato una brioche al cioccolato  integra  giovedi mattina 25 settembre alla s…

Il mio viaggio sulla Brebemi deserta

di Michele Merola
del 11 settembre 2014

Tornando dalle vacanze dal Nord-est ho voluto percorrere la Brebemi: è stato solo qualche …

Plastica, la riciclabilità si valuta con RecyClass

di Silvia Ricci
del 09 settembre 2014

Evitare che le materie plastiche non siano altro che rifiuti conviene, ed è ormai necessar…

Terra dei Paduli

di Gabriele Del Carlo
del 05 settembre 2014

Campagne dove un tempo sorgevano lussureggianti foreste di querce e lecci, oggi ospitano ulivi se…

Leggi tutti i post

Conai. Da cosa rinasce cosa

 

Energia e Clima > Rinnovabili

Bolletta energetica, Legambiente: «Ecco la verità sulle rinnovabili»


 

L'associazione ha analizzato le diverse voci che costituiscono la bolletta energetica degli italiani, dimostrando che il peso delle rinnovabili non supera il 10% del totale. Un costo, spiega Legambiente, che è neutralizzato dai benefici economici dell'energia pulita

 

mercoledì 04 aprile 2012 17:23

 

Bolletta energetica, Legambiente: «Ecco la verità sulle rinnovabili»
clicca sull'immagine per ingrandire

È davvero colpa delle rinnovabili se le bollette lievitano? A chiederlo è Legambiente, che, sulla scia della polemica di questi giorni sul peso economico degli incentivi alle rinnovabili, ha analizzato la bolletta media di una famiglia italiana nella propria casa di residenza: 494 euro l'anno (contratto in fascia protetta da 3kW, dati 2011). Ecco le voci individuate dall'associazione ambientalista: 294 euro l’anno (59,5% della bolletta), vanno a tutte le centrali escluse le nuove rinnovabili (quelle che ricevono incentivi diretti). Per il 90%, si tratta di impianti a metano, petrolio e anche carbone. Il costo del metano e del petrolio sul libero mercato, in particolare, è raddoppiato negli ultimi 5-6 anni (addirittura +40% dal 2010). Altri 69 euro all'anno circa (14% della bolletta) servono per la distribuzione, la gestione degli elettrodotti e le varie misurazioni.

«Le tasse e l’Iva - prosegue l'associazione - si prendono altri 67 euro l’anno, pari al 13,5% della bolletta, col paradosso che paghiamo l’Iva, che è un’imposta su beni e servizi, anche sugli incentivi, che non sono né beni né servizi». La voce successiva è rappresentata dagli oneri generali di sistema, definita da Legambiente una voce “matrioska”: 64 euro in totale (13% della bolletta) dentro cui è compreso di tutto: 48 euro (10% circa della bolletta) per finanziare gli incentivi a fotovoltaico, eolico e biomasse. Altri 10 euro all'anno (circa 2% della bolletta) vanno alle altre "fonti assimilate alle rinnovabili" del CIP6, una definizione che secondo gli ambientalisti è «ingannevole», dal momento che si tratta soprattutto di raffinerie, inceneritori, acciaierie e impianti a carbone.

L'elenco continua con i 6 euro all'anno che gli italiani versano per il nucleare (ricerca e smaltimento delle vecchie centrali), ricerca scientifica (gran parte ancora al nucleare), tariffe sociali, imprese elettriche minori. Il consumatore, aggiunge Legambiente, «finanzia anche cose che con la bolletta ci stanno come i cavoli a merenda, come determinati regimi tariffari delle ferrovie e le compensazioni sociali delle installazioni elettriche». Infine, osserva l'associazione, c'è anche l'efficienza energetica negli usi finali, che però rappresenta solo un millesimo della bolletta.

Il peso delle rinnovabili, conclude Legambiente, è dunque limitato, soprattutto alla luce dei benefici economici che l'energia pulita garantisce al Paese. «Le fonti “nuove”, quelle che ricevono gli incentivi – spiega l'associazione - oggi producono il 10% dell’energia elettrica e ci costano 48 euro all'anno: il 10% della bolletta». Come a dire che la spesa pubblica si neutralizza da sola e che in futuro il bilancio sarà sempre più in attivo. A pesare sempre di più sulle tasche delle famiglie italiane, invece, sarà, secondo l'associazione, il costo delle “vecchie” fonti, del petrolio, degli inceneritori, raffinerie, e impianti a carbone. «Dall'inizio dell'anno – osserva il Cigno - l'aumento delle bollette legato al prezzo del petrolio e al deprezzamento dell'euro è stato di 49 euro sulla bolletta media, mentre per le rinnovabili c'è da attendersi, a partire dal 1 maggio, un aumento di 20 euro».


 

 

Amsa spalatori

 

ZappaMI

 

Formichine salvacibo

 

Nuove luci pubbliche, come le preferite?

Stanno cambiando le luci nelle città, si accendono
i nuovi Led..





COREPLA:

Conai

 

Comieco Ricrea Corepla CiAl

 

Meno rifiuti 2014

 

RSS Valido!