FAIL (the browser should render some flash content, not this).

GLI ECO BLOGGER

Strisce blu: tra automobilisti, Comuni e mobilità nuova

di Giulio Gonella
del 01 aprile 2014

In questi ultimi giorni di annunci, polemiche e smentite, non è scontato ribadire il ruolo…

Treno perso, poi recuperato, telefono caduto, poi salvato. Rocambolismi

di Paolo Hutter
del 29 marzo 2014

Rocambolesco, conoscete il termine?  Dunque stamane  dovevo prendere  l' 8 e 5…

Pedalare è la risposta

di Giuseppe Piras
del 17 marzo 2014

Ci sono domande che ti spiazzano e anche se la risposta è lampante non è così…

Regno Unito: la Grande Distribuzione taglia le emissioni di Co2 del 25%

di Silvia Ricci
del 14 febbraio 2014

Meno 25% di emissioni di Co2 entro il 2020 come valore assoluto è il nuovo obiettivo per i…

Telelavoro uguale migliore qualità del vivere urbano

di Paolo Piacentini
del 06 febbraio 2014

L'iniziativa del Comune di Milano sul telelavoro o "lavoro agile" come è sta…

Neve e pedali: "Che faccio, lascio?"

di Bru Diarist
del 31 gennaio 2014

La neve che sta imbiancando alcune città del nord Italia in questi giorni della merla del …

Cè un mondo al di là delle Alpi

di Gabriele Del Carlo
del 28 gennaio 2014

Benvenuti a tutti in questa nuova pagina. Su questo blog non tratteremo molto di cosa si fa e…

"Cartesio? Neanche ricordo l置ltima volta che sono passati!

di Lorenzo Fracastoro
del 17 gennaio 2014

Oggi, mentre sfrecciavo in bici davanti alla copisteria di Via Guastalla angolo Via Artisti,…

Leggi tutti i post

Conai. Da cosa rinasce cosa

 

Smog > Motori e Incentivi

Immatricolazioni in crisi anche in Europa: a marzo 2012 - 6,6% rispetto all'anno precedente


 

L'ANFIA: "In un contesto di per sé instabile, l段mpennata dei prezzi dei carburanti e l段nasprimento delle misure fiscali agisce da ulteriore freno sui maggiori mercati". Vediamo cosa succede in Italia, Francia, Spagna, Germania e Inghilterra

 

marted 17 aprile 2012 12:21

 

Immatricolazioni in crisi anche in Europa: a marzo 2012 - 6,6% rispetto all'anno precedente
clicca sull'immagine per ingrandire

Secondo i dati diffusi oggi da ACEA, e riferiti al complesso dei Paesi dellUnione Europea allargata e dellEFTA1, il mercato europeo dell誕uto chiude il mese di marzo a -6,6% per un totale di 1.499.380 unità immatricolate.

Nel primo trimestre 2012 le immatricolazioni complessive ammontano a 3.427.677 unità, in flessione del 7,3% sullo stesso periodo dello scorso anno. 鄭 marzo il mercato europeo riporta per il sesto mese consecutivo il segno meno - ha dichiarato Roberto Vavassori, Presidente di ANFIA.

Guardando ai principali mercati, le flessioni più importanti sono quelle di Italia e Francia: entrambe, come già il mese scorso, scontano forti flessioni a due cifre su
cui hanno pesato anche i rialzi dei prezzi dei carburanti.

L'Italia

Il mercato italiano riporta nel mese di marzo una contrazione del 26,7% rispetto allo stesso mese dell'anno precedente (138.137 vs 188.495 unità), collocandosi sui livelli di immatricolazioni di marzo 1980.

Secondo le stime preliminari ISTAT, l段ndice nazionale dei prezzi al consumo a marzo registra un aumento dello 0,5% a livello congiunturale e del 3,3% a livello tendenziale. A sostenere l段ncremento congiunturale contribuiscono in particolare proprio i beni energetici non regolamentati (+3%): il prezzo della benzina cresce del 3,4%, quello del gasolio dell1,9% e quello degli altri carburanti dell8,8%.

La Francia


Analizzando gli altri major markets, anche per la Francia marzo 2012 che ha contato un giorno lavorativo in meno rispetto allo stesso mese dello scorso anno - è ancora un mese negativo: le immatricolazioni si attestano a 197.774 unità, con una contrazione del 23,2% su marzo 2011 (257.533 unità).

Nel primo trimestre, i volumi di mercato sono in calo del 21,6% (507.830 unità vs 647.454). Cala anche il mercato dell置sato, in ribasso del 5,3% nel mese e dell1,1% nel primo trimestre dell誕nno. L但ssociazione francese dei Costruttori CCFA fa notare che, sui risultati poco incoraggianti del primo trimestre 2012, pesa comunque il confronto con un primo trimestre 2011 che aveva beneficiato degli incentivi. I volumi di marzo 2012 sono
pressoché allineati a quelli ottenuti in questo mese nella fase pre-incentivi, quindi nel 2007/2008. L但ssociazione non ha perciò rivisto al ribasso le sue previsioni di chiusura
d誕nno, stimando per il 2012 una flessione tra l8 e il 10%.

La Spagna


Performance ancora negativa anche per il mercato spagnolo che, con 84.427 unità immatricolate, chiude il mese di marzo a -4,5% e il primo trimestre 2012 a -1,9% per un totale di 204.119 immatricolazioni, ovvero sui livelli del 1993. Le vendite di vetture ai privati risultano in calo del 13,5% nel mese e del 6,7% da inizio anno. Anche le vendite di vetture aziendali, come già accaduto a febbraio, accusano una battuta d誕rresto, con una flessione dell11,9% nel mese e un calo dell8,9% nel trimestre. Crescita a due cifre, a marzo, per il noleggio che, grazie alle festività pasquali, chiude a +15,9%, eguagliando, in termini di volumi, le vendite ai privati, e totalizzando, nei primi tre mesi del 2012, il 17,5% di immatricolazioni in più rispetto al
pari periodo del 2011. L但ssociazione spagnola dei Costruttori ANFAC sottolinea ancora una volta come la progressiva contrazione delle vendite non favorisca il rinnovo del parco circolante, con conseguenti effetti negativi sulla qualità dell誕ria nelle città. Secondo ANFAC, il 20% del circolante, caratterizzato dalla maggior anzianità, è responsabile di più dell80% dell段nquinamento atmosferico dei grandi centri urbani, mentre ogni cento veicoli sostituiti, si abbattono più di 3 tonnellate di emissioni inquinanti a livello locale.

L'Inghilterra

Il mercato inglese chiude il mese di marzo terzo mese consecutivo in crescita - al di sopra delle aspettative, con 372.835 immatricolazioni (+1,8%). Secondo l但ssociazione inglese dei Costruttori SMMT, questo buon risultato deriva da una ripresa
della domanda interna da parte dei privati - anche grazie all誕mpia gamma di prodotti di elevata qualità disponibili sul mercato - oltre che dalla spinta del tradizionale cambio
delle targhe. Non si dimentichi, comunque, che si tratta di volumi inferiori del 17% rispetto al periodo pre-crisi (ovvero rispetto a marzo 2007). Nel primo trimestre le immatricolazioni complessive crescono dello 0,9% per un totale di 563.556 unità.
La quota di mercato delle vetture diesel e delle vetture ad alimentazione alternativa continua a crescere, raggiungendo il 50,4% e l1,5% rispettivamente, nei primi tre mesi dell誕nno.

La Germania

La Germania, infine, totalizza 339.123 immatricolazioni nel mese (+3,4%) - a dispetto di un giorno lavorativo in meno rispetto a marzo 2011 - e 773.636 immatricolazioni nel primo trimestre 2012 (+1,3%). L但ssociazione tedesca dei Costruttori VDA conferma che il mercato domestico gode di buona salute, ma non nasconde che l段mpennata dei prezzi dei carburanti agisce da freno sulle vendite, trattenendo la propensione all誕cquisto dei consumatori.


 

 

Bioplastica Mater-Bi

 

H2O

 

Minori incassi dalla sosta. Perch?

Da Torino a Messina, passando per Milano e Bologna. Negli ultimi anni i bilanci comunali hanno visto entrare sempre meno incassi dalle strisce blu, con cali progressivi fino a 8-9 punti percentuali sull誕nno precedente




» commenti (0)

Conai

 

Ricrea CiAl CoReVe Comieco Rilegno Corepla

 

RSS Valido!
Segui Ecodallecitta su Twitter