FAIL (the browser should render some flash content, not this).

GLI ECO BLOGGER

L'auto, imprescindibile diritto umano

di Giuseppe Piras
del 13 novembre 2014

L’episodio che ha visto a Torino i Vigili assediati da cittadini in rivolta perché i…

Discorsone sulle Cartoniadi di Torino (con proposte forti in fondo)

di Paolo Hutter
del 07 novembre 2014

Partiamo in salita con queste prime Cartoniadi torinesi. La carta e il cartone raccolti da Cartes…

Bici & metro: i rischi di una sperimentazione timida

di Giulio Gonella
del 04 novembre 2014

  Non è difficile prevedere la misera fine che potrebbe fare la sperimentazione d…

A tu per tu con Terra Madre, una testimonianza dal Salone del Gusto

di Matteo Volpengo
del 27 ottobre 2014

Cibo, volti, sguardi. Poter viaggiare, nell’arco di poche decine di metri, dalle Filipp…

Desmontegada in val di Fiemme e l’arte di organizzare la raccolta dei rifiuti

di Antonio Castagna
del 09 ottobre 2014

Per i rifiuti ho una vera passione che spesso mi porta a farmi delle domande: quando li individ…

A furia di combattere lo spreco di cibo...storia di una brioche

di Sobria Martinez
del 25 settembre 2014

Chi ha lasciato una brioche al cioccolato  integra  giovedi mattina 25 settembre alla s…

Il mio viaggio sulla Brebemi deserta

di Michele Merola
del 11 settembre 2014

Tornando dalle vacanze dal Nord-est ho voluto percorrere la Brebemi: è stato solo qualche …

Plastica, la riciclabilità si valuta con RecyClass

di Silvia Ricci
del 09 settembre 2014

Evitare che le materie plastiche non siano altro che rifiuti conviene, ed è ormai necessar…

Terra dei Paduli

di Gabriele Del Carlo
del 05 settembre 2014

Campagne dove un tempo sorgevano lussureggianti foreste di querce e lecci, oggi ospitano ulivi se…

Leggi tutti i post

Conai. Da cosa rinasce cosa

 

Sostenibilità > Coltivare la città

Grow the planet, un social network aiuta a coltivare il proprio orto


 

Grow the Planet mette a disposizione degli utenti una piattaforma web con strumenti di apprendimento, gestione e interazione per accompagnarli dalla semina alla raccolta

 

venerdì 04 maggio 2012 19:26

 

Grow the planet, un social network aiuta a coltivare il proprio orto
clicca sull'immagine per ingrandire

Elisa Bianco

Nel panorama dei social network ce n’è uno che aiuta nella coltivazione del proprio orto, si chiama Grow the planet (www.growtheplanet.com) e nasce dall’idea di creare una community in cui i membri possano scambiarsi informazioni, prodotti, sementi, visite e assaggi. Progettato da tre giovani toscani col sostegno dell’incubatore d’imprese H-Farm, Grow the Planet mette a disposizione degli utenti una piattaforma web con strumenti di apprendimento, gestione e interazione per accompagnarli dalla semina alla raccolta. La piattaforma si rivolge non solo ad amatori e hobbisti di colture sul balcone, ma anche a professionisti e ristoratori decisi a produrre da sé i propri ortaggi.

Per fare parte dell’iniziativa basta coltivare qualcosa o volerlo fare, si inizia creando un profilo e disegnando il proprio orto, per poi interagire con gli altri membri della community. Non solo, il cuore del progetto è dedicato a una sezione di e-learning, dove grazie ai consigli di tutor e articoli si possono avere consigli e suggerimenti utili a risolvere problemi o migliorare la coltivazione.
Inoltre, come quasi tutti social network, anche Grow the planet ha un sistema di geolocalizzazione che permette di localizzare il proprio orto sulla mappa. Così facendo, non solo si possono ottenere consigli personalizzati sui calendari di semina e raccolta, ma anche riconoscere i propri "vicini di casa" coltivatori e incontrarli di persona, costruendo una comunità locale che si scambia esperienze e semi, e baratta i prodotti per smaltirli durante i picchi di produzione stagionale.

La rete è aperta anche alle scuole e ai bambini, per far loro scoprire i cicli della natura e condividere quanto imparato a scuola con i propri coetanei in tutta Italia. Grazie alla collaborazione con Slow Food, di questa rete di comunità locali interconnesse faranno parte anche le scuole che aderiscono al progetto Orto in Condotta, il programma educativo di Slow Food che prevede percorsi formativi per gli insegnanti, attività per gli studenti, seminari per genitori e nonni, e naturalmente la coltivazione di un orto scolastico.


 

 

Amsa spalatori

 

ZappaMI

 

Formichine salvacibo

 

Multare chi non rispetta le regole della differenziata?

Oltre le Cartoniadi.. La raccolta differenziata è un obbligo regolamentato, che prevede sanzioni. Ma in pratica è giusto e opportuno che le aziende dei rifiuti e i comuni si attivino per multare?





» commenti (1)

Conai

 

CiAl Corepla Comieco Ricrea

 

Meno rifiuti 2014

 

RSS Valido!
Segui Ecodallecitta su Twitter