GLI ECO BLOGGER

Expo o non Expo.. che sia un ECO 2015 ( e guardandolo dal drone...).

di Paolo Hutter
del 16 gennaio 2015

  Questa è stata la frase di augurio per l'anno nuovo di Eco dalle Citt&…

Tari: Dio stramaledica la pizza al taglio!

di Gianluca Bertazzoli
del 29 dicembre 2015

Qualche giorno fa mi è cascato l’occhio sulle scartoffie che accompagnano il bollett…

E' un lavoro sporco, ma qualcuno lo vuole fare. - Considerazioni post-cartoniadi

di Matteo Volpengo
del 30 novembre 2014

Sono finite le Cartoniadi. Finito il volantinaggio porta a porta, negozio a negozio. Finita la ra…

L'auto, imprescindibile diritto umano

di Giuseppe Piras
del 13 novembre 2014

L’episodio che ha visto a Torino i Vigili assediati da cittadini in rivolta perché i…

Bici & metro: i rischi di una sperimentazione timida

di Giulio Gonella
del 04 novembre 2014

  Non è difficile prevedere la misera fine che potrebbe fare la sperimentazione d…

Desmontegada in val di Fiemme e l’arte di organizzare la raccolta dei rifiuti

di Antonio Castagna
del 09 ottobre 2014

Per i rifiuti ho una vera passione che spesso mi porta a farmi delle domande: quando li individ…

Leggi tutti i post

Conai. Da cosa rinasce cosa

 

Acqua > Utility

Federutility / La rete è un colabrodo


 

Secondo la Federazione nazionale delle imprese pubbliche locali di gas e acqua, il servizio idrico nazionale è migliorato. Rimane però un problema: le perdite. Per questo servono investimenti e regole certe

 

di Pietro Mezzi
lunedì 28 maggio 2012 11:37

 

Federutility / La rete è un colabrodo
clicca sull'immagine per ingrandire

Federutility, la Federazione che raggruppa 451 imprese italiane di servizi pubblici locali dei settori acqua ed energia, dà ragione all'Istat, che di recente ha affermato che il servizio idrico nazionale è di molto migliorato. "E' vero ciò che indica l'Istituto nazionale di statistica - afferma Adolfo Spaziani, direttore generale di Federutility - ma rimane irrisolto il problema delle perdite delle reti. E per evitare tale fenomeno negativo occorrono forti investimenti e regole certe per il settore. In Italia servono 4 miliardi di investimenti l'anno. Ma tali investimenti sono rallentati per mancanza di norme chiare e stabili". La Federazione nazionale stima in 4,5 i miliardi di progetti già cantierabili, che potrebbero generare 60 mila nuovi posti di lavoro. Ma le risorse econoniche necessarie non si possono attivare a causa della scarsa affidabiltà del settore. “Il settore idrico in questi anni - conclude Spaziani - è stato considerato affidabile dagli investitori solo grazie al rating delle aziende più grandi quotate in Borsa, ma ora non è più così. Siccità e fragilità idrogeologica del nostro territorio richiedono risposte urgenti. Le istituzioni sono chiamate a comporre finalmente un quadro di regole che garantisca i meccanismi di credito e finanziamento indispensabili al comparto”.


 

 

ZappaMI

 

Formichine salvacibo

 

Olimpiadi del 2024 in una città italiana?







» commenti (4)

SMAT lungo

 

CiAl Comieco Ricrea

 

Meno rifiuti 2014

 

RSS Valido!