GLI ECO BLOGGER

Expo o non Expo.. che sia un ECO 2015 ( e guardandolo dal drone...).

di Paolo Hutter
del 16 gennaio 2015

  Questa è stata la frase di augurio per l'anno nuovo di Eco dalle Citt&…

Tari: Dio stramaledica la pizza al taglio!

di Gianluca Bertazzoli
del 29 dicembre 2015

Qualche giorno fa mi è cascato l’occhio sulle scartoffie che accompagnano il bollett…

E' un lavoro sporco, ma qualcuno lo vuole fare. - Considerazioni post-cartoniadi

di Matteo Volpengo
del 30 novembre 2014

Sono finite le Cartoniadi. Finito il volantinaggio porta a porta, negozio a negozio. Finita la ra…

L'auto, imprescindibile diritto umano

di Giuseppe Piras
del 13 novembre 2014

L’episodio che ha visto a Torino i Vigili assediati da cittadini in rivolta perché i…

Bici & metro: i rischi di una sperimentazione timida

di Giulio Gonella
del 04 novembre 2014

  Non è difficile prevedere la misera fine che potrebbe fare la sperimentazione d…

Desmontegada in val di Fiemme e l’arte di organizzare la raccolta dei rifiuti

di Antonio Castagna
del 09 ottobre 2014

Per i rifiuti ho una vera passione che spesso mi porta a farmi delle domande: quando li individ…

Leggi tutti i post

Conai. Da cosa rinasce cosa

 

Mobilità > Biciclette

Mille biciclette e draghi per Bologna: Bike Pride Parade ha invaso la città di ruote e colori


 

La Bike Pride Parade ha spento la sua terza candelina con un’edizione che supera le precedenti per partecipazione e spettacolarità: quasi mille biciclette si sono ritrovate in Piazza Maggiore alle 14 tra draghi, spettacoli e tantissimi travestimenti in attesa della partenza alla volta della città

 

lunedì 28 maggio 2012 15:45

 

Mille biciclette e draghi per Bologna: Bike Pride Parade ha invaso la città di ruote e colori
clicca sull'immagine per ingrandire

Più di settanta volontari hanno contribuito ad organizzare l’evento in sicurezza e allegria, allestendo i carri e assicurando gli attraversamenti delle biciclette negli incroci. Il corteo, esteso per più di un chilometro, si è riversato nell’esaltazione generale per un percorso lungo i viali da Porta Maggiore a Porta Lame, per rientrare tra le mura in Piazza VIII agosto e ripartire poi verso il Parco Parker-Lennon. L’idea era quella di toccare tutti i punti della città, dalle periferie (presenti anche due cortei da Casalecchio e Borgo Panigale) al centro storico.

Spettacolari carri su due ruote, bici modificate di ogni tipo, pattinatori e skater hanno deliziato e divertito i numerosissimi bolognesi e non che hanno partecipato alla parata in bicicletta. Oggi tantissimi commenti su facebook e centinaia tra fotografie (molte condivise già ieri in tempo reale attraverso gli smartphone) e video testimoniano la soddisfazione generale: “Un commento a caldo? WOW!” dice un utente. Scrive un altro: «Sentirsi padroni della città con la bici, poter scorrazzare sui viali, diventati meravigliosi, parlare con la gente che ti pedala di fianco sono state gran belle sensazioni. Grazie a tutti i ragazzi che hanno organizzato il bike pride Bologna. E che la cadenza diventi ben piú frequente di quella annuale».

Isabella Cioccolini del Comitato Bike Pride: «Quando si organizzano eventi del genere la reazione del pubblico ne rappresenta il termometro e il motore, anche se mi dispiace un po’ usare questa parola! Siamo molto contenti di come la gente di ogni età abbia raccolto l’invito, interpretando perfettamente lo spirito della manifestazione. Alcune bici erano bellissime e alcuni slogan geniali. Speriamo che il momento di festa sia un primo passo verso la rivoluzione delle abitudini».

Per Vito Bernardo de L’Altra Babele, «il Bike Pride è un grande evento che attraverso la festa può davvero stimolare verso la creazione di una nuova idea di mobilità in città. La grande partecipazione di ieri, nonostante lo slittamento di data, ci dice che la bici a Bologna può diventare il principale mezzo per gli spostamenti quotidiani perché oltre ad essere ecologico, salutare ed economico, in una città come Bologna spesso risulta essere anche il più veloce».


 

 


ZappaMI

 

Formichine salvacibo

 

Olimpiadi del 2024 in una città italiana?







» commenti (4)

Conai

 

Ricrea CiAl Comieco

 

Meno rifiuti 2014

 

RSS Valido!