FAIL (the browser should render some flash content, not this).

GLI ECO BLOGGER

Le Cartoniadi come occasione sociale

di Paolo Hutter
del 22 ottobre 2014

A  novembre   le 9 circoscrizioni di Milano e i 23 quartieri storici di Torino sono in …

Desmontegada in val di Fiemme e l’arte di organizzare la raccolta dei rifiuti

di Antonio Castagna
del 09 ottobre 2014

Per i rifiuti ho una vera passione che spesso mi porta a farmi delle domande: quando li individ…

Pedonalizzazioni low cost

di Giulio Gonella
del 04 ottobre 2014

Continuo a non capire perché tutte le volte che si parla di pedonalizzazione a Torino si c…

A furia di combattere lo spreco di cibo...storia di una brioche

di Sobria Martinez
del 25 settembre 2014

Chi ha lasciato una brioche al cioccolato  integra  giovedi mattina 25 settembre alla s…

Il mio viaggio sulla Brebemi deserta

di Michele Merola
del 11 settembre 2014

Tornando dalle vacanze dal Nord-est ho voluto percorrere la Brebemi: è stato solo qualche …

Plastica, la riciclabilità si valuta con RecyClass

di Silvia Ricci
del 09 settembre 2014

Evitare che le materie plastiche non siano altro che rifiuti conviene, ed è ormai necessar…

Terra dei Paduli

di Gabriele Del Carlo
del 05 settembre 2014

Campagne dove un tempo sorgevano lussureggianti foreste di querce e lecci, oggi ospitano ulivi se…

Una notizia buona e una cattiva

di Giuseppe Piras
del 30 luglio 2014

I giornali riportano una notizia buona e una cattiva. La notizia cattiva è che il Mini…

Leggi tutti i post

Conai. Da cosa rinasce cosa

 

Rifiuti > Politiche, piani generali
Energia e Clima > Politiche, piani generali

Green economy, Ocse: da rinnovabili e rifiuti 5 milioni di posti di lavoro in Europa


 

Secondo un rapporto dell'Organizzazione per la cooperazione e lo sviluppo economico, la sostenibilità rappresenta una risposta vincente alla crescente disoccupazione nei Paesi Ue. Rinnovabili, efficienza e rifiuti i settori chiave, ma occorrono incentivi e una burocrazia più agile

 

martedì 05 giugno 2012 16:43

 

Green economy, Ocse: da rinnovabili e rifiuti 5 milioni di posti di lavoro in Europa
clicca sull'immagine per ingrandire

La green economy è in grado di risollevare le sorti dell'economia europea, soprattutto grazie al contributo delle fonti rinnovabili e dell'efficienza energetica. Lo sostiene il rapporto “The jobs potential of a shift towards a low-carbon economy”, pubblicato dall'Ocse in occasione della Giornata mondiale dell'ambiente (vedi allegato). Lo studio, in particolare, stima che lo sviluppo delle energie rinnovabili e la promozione di interventi per aumentare l'efficienza energetica potrebbero creare fino a cinque milioni di nuovi posti di lavoro di qui al 2020.

«Abbiamo stimato – ha spiegato Laszlo Andor, commissario Ue all’Occupazione, durante la presentazione del rapporto - che il potenziale occupazionale legato allo sviluppo delle energie rinnovabili è di tre milioni di nuovi posti di lavoro entro il 2020 e quello legato all’attuazione di singole misure di efficienza energetica è di ulteriori due milioni di nuovi posti di lavoro entro il 2020».

Si tratterebbe di un vero e proprio toccasana per la malconcia economia della zona Euro, che solo nel mese di aprile 2012 ha visto svanire ben 110mila posti di lavoro (dati Eurostat, ndr), con un tasso di disoccupazione che ormai supera l'11%. Ma le rinnovabili e il risparmio energetico non sono le ultime armi a disposizione del Vecchio Continente per allentare la morsa della crisi. Il solo settore dei rifiuti, spiega il rapporto Ocse, potrebbe creare oltre 400mila nuovi occupati entro il 2020. Altri 560mila, inoltre, potrebbero venire dal riciclo di materie prime particolarmente strategiche per l'economia Ue.

Ma come fare per attuare questo vero e proprio miracolo verde? L'Organizzazione per la cooperazione e lo sviluppo economico suggerisce tre strategie fondamentali per favorire la crescita della green economy, a cominciate dal supporto che i governi dovrebbero fornire nel ricollocare i lavoratori delle imprese in crisi a quelle a “trazione ecologica”. Indispensabili inoltre, incentivi per la ricerca e l'innovazione in salsa verde e per la diffusione delle tecnologie eco-efficienti, nonché l'alleggerimento della burocrazia. L'Ocse, infine, suggerisce agli Stati europei di riformare il sistema fiscale, introducendo benefici per i lavoratori e facilitando le assunzioni.


 

 


Scarica il rapporto dell'Ocse (in inglese) [3,90 MB]

The jobs potential of a shift towards a low-carbon economy - Ocse


 

 

Bioplastica Mater-Bi

 

ZappaMI

 

Meno rifiuti 2014

 

Perché ancora troppa carta nell'indifferenziato?

Nei cassonetti dei rifiuti indifferenziati delle città italiane si trovano ancora ingenti quantità di carta e cartone che dovrebbero essere invece differenziate e riciclate. Come mai?Indica quello che secondo te può essere il motivo principale





» commenti (8)

Conai

 

Ricrea Corepla CiAl Comieco

 

RSS Valido!
Segui Ecodallecitta su Twitter