GLI ECO BLOGGER

Expo o non Expo.. che sia un ECO 2015 ( e guardandolo dal drone...).

di Paolo Hutter
del 16 gennaio 2015

  Questa è stata la frase di augurio per l'anno nuovo di Eco dalle Citt&…

Tari: Dio stramaledica la pizza al taglio!

di Gianluca Bertazzoli
del 29 dicembre 2015

Qualche giorno fa mi è cascato l’occhio sulle scartoffie che accompagnano il bollett…

E' un lavoro sporco, ma qualcuno lo vuole fare. - Considerazioni post-cartoniadi

di Matteo Volpengo
del 30 novembre 2014

Sono finite le Cartoniadi. Finito il volantinaggio porta a porta, negozio a negozio. Finita la ra…

L'auto, imprescindibile diritto umano

di Giuseppe Piras
del 13 novembre 2014

L’episodio che ha visto a Torino i Vigili assediati da cittadini in rivolta perché i…

Bici & metro: i rischi di una sperimentazione timida

di Giulio Gonella
del 04 novembre 2014

  Non è difficile prevedere la misera fine che potrebbe fare la sperimentazione d…

Desmontegada in val di Fiemme e l’arte di organizzare la raccolta dei rifiuti

di Antonio Castagna
del 09 ottobre 2014

Per i rifiuti ho una vera passione che spesso mi porta a farmi delle domande: quando li individ…

Leggi tutti i post

Conai. Da cosa rinasce cosa

 

Energia e Clima > Rinnovabili

Quinto conto energia: il no delle Regioni


 

Fumata nera, per i due provvedimenti sulle rinnovabili in fare di elaborazione, da parte della Conferenza delle Regioni. I governatori non sono soddisfatti delle concessioni fatte dal governo ed esprimono parere sfavorevole sul Quinto conto energia fotovoltaico e sul decreto dedicato alle altre rinnovabili elettriche

 

di Silvana Santo
mercoledì 06 giugno 2012 18:05

 

Quinto conto energia: il no delle Regioni
clicca sull'immagine per ingrandire

Così come sono, i provvedimenti non vanno bene. È negativo il parere emesso dalle Regioni sul Quinto conto energia fotovoltaico e sul decreto sulle altre rinnovabili elettriche. Lo ha dichiarato il presidente della Basilicata Vito De Filippo al termine della Conferenza delle Regioni che ha avuto all'ordine del giorno proprio i testi dei due provvedimenti. «A questo punto la posizione delle Regioni è quella di esprimere un parere contrario sui due decreti – ha annunciato - sia sul Conto energia che sul decreto sulle altre fonti rinnovabili».

Un primo esame dei testi da parte degli enti regionali c'era già stato all'inizio di maggio, ma in quella occasione i governatori avevano chiesto altro tempo per un'analisi più dettagliata, pur avendo comunque avanzato le prime richieste di modifica. In particolare, le Regioni avevano lamentato l'assenza, nei provvedimenti, di misure come il bonus per la sostituzione di tetti in amianto con pannelli fotovoltaici e del premio per l'installazione di tecnologia “made in Europe”. Secondo i governatori, inoltre, sarebbe opportuno innalzare la soglia minima per l'iscrizione obbligatoria al registro degli impianti, come richiesto anche dalle associazioni del settore. Emendamenti che, come riferisce lo stesso presidente lucano all'agenzia Dire, nonostante diversi incontri con l'esecutivo si trovano ancora a uno stato di avanzamento «non soddisfacente».

La partita, secondo De Filippo, potrebbe comunque non essere ancora chiusa. «Se il governo dovesse decidere di prendersi ancora qualche giorno di tempo per trovare un punto di convergenza più ampio – ha spiegato il presidente della Regione Basilicata - noi siamo disponibili a confrontarci, ma ad oggi il parere dei governatori è sfavorevole». Tra gli enti locali più fermi nell'opposizione alle bozze di decreti ci sarebbero le Province autonome di Trento e Bolzano, irremovibili, secondo le indiscrezioni trapelate, nella loro posizione di diniego. Il parere negativo delle Regioni cade come una nuova, pesante, tegola sull'iter di approvazione dei provvedimenti, dopo che l'Unione europea ha inviato al governo italiano una lettera formale in cui si sottolineano le criticità del Quinto conto energia e del decreto rinnovabili. Le stesse, guarda caso, che le Regioni continuano ed evidenziare.


 

 

ZappaMI

 

Formichine salvacibo

 

Olimpiadi del 2024 in una città italiana?







» commenti (4)

Conai

 

Comieco CiAl Ricrea

 

Meno rifiuti 2014

 

RSS Valido!