FAIL (the browser should render some flash content, not this).

GLI ECO BLOGGER

Il mio viaggio sulla Brebemi deserta

di Michele Merola
del 11 settembre 2014

Tornando dalle vacanze dal Nord-est ho voluto percorrere la Brebemi: è stato solo qualche …

Plastica, la riciclabilità si valuta con RecyClass

di Silvia Ricci
del 09 settembre 2014

Evitare che le materie plastiche non siano altro che rifiuti conviene, ed è ormai necessar…

Terra dei Paduli

di Gabriele Del Carlo
del 05 settembre 2014

Campagne dove un tempo sorgevano lussureggianti foreste di querce e lecci, oggi ospitano ulivi se…

2014 : Calano i consumi ma non i rifiuti?

di Paolo Hutter
del 05 settembre 2014

Se le tendenze saranno confermate  quello che sta accadendo ai nostri Rifiuti Solidi Urbani …

Una notizia buona e una cattiva

di Giuseppe Piras
del 30 luglio 2014

I giornali riportano una notizia buona e una cattiva. La notizia cattiva è che il Mini…

La raccolta differenziata non è (solo) un affare per specialisti

di Antonio Castagna
del 22 luglio 2014

Venerdì 18 luglio ho presentato il mio libro "Tutto è monnezza" a Barrier…

Le recensioni di Cinemambiente: Nella terra dei fuochi

di Eco Spettatore
del 07 giugno 2014

di Angela Conversano “Terra dei fuochi” è l'espressione che risalta ne…

Le recensioni di Cinemambiente: Endless Roads

di Eco Spettatore
del 07 giugno 2014

di Angela Conversano Endless Roads è la storia della tenacia di una donna che vive a Zhe…

Recensioni di Cinemambiente: Divide in Concorde. ( Divieto alle bottiglie in plastica per l'acqua)

di Eco Spettatore
del 03 giugno 2014

di  Paolo Hutter     Se guardi "Divide in Concorde" hai l'imp…

ZTL notturna a San Salvario: come al solito manca il coraggio

di Giulio Gonella
del 21 maggio 2014

  Digitando ZTL notturna su Google News, fioccano esempi su esempi, da Pisa a Firenze a …

Leggi tutti i post

Smart Puglia 2014 Conai. Da cosa rinasce cosa

 

Energia e Clima > Rinnovabili

Quinto conto energia: il no delle Regioni


 

Fumata nera, per i due provvedimenti sulle rinnovabili in fare di elaborazione, da parte della Conferenza delle Regioni. I governatori non sono soddisfatti delle concessioni fatte dal governo ed esprimono parere sfavorevole sul Quinto conto energia fotovoltaico e sul decreto dedicato alle altre rinnovabili elettriche

 

di Silvana Santo
mercoledì 06 giugno 2012 18:05

 

Quinto conto energia: il no delle Regioni
clicca sull'immagine per ingrandire

Così come sono, i provvedimenti non vanno bene. È negativo il parere emesso dalle Regioni sul Quinto conto energia fotovoltaico e sul decreto sulle altre rinnovabili elettriche. Lo ha dichiarato il presidente della Basilicata Vito De Filippo al termine della Conferenza delle Regioni che ha avuto all'ordine del giorno proprio i testi dei due provvedimenti. «A questo punto la posizione delle Regioni è quella di esprimere un parere contrario sui due decreti – ha annunciato - sia sul Conto energia che sul decreto sulle altre fonti rinnovabili».

Un primo esame dei testi da parte degli enti regionali c'era già stato all'inizio di maggio, ma in quella occasione i governatori avevano chiesto altro tempo per un'analisi più dettagliata, pur avendo comunque avanzato le prime richieste di modifica. In particolare, le Regioni avevano lamentato l'assenza, nei provvedimenti, di misure come il bonus per la sostituzione di tetti in amianto con pannelli fotovoltaici e del premio per l'installazione di tecnologia “made in Europe”. Secondo i governatori, inoltre, sarebbe opportuno innalzare la soglia minima per l'iscrizione obbligatoria al registro degli impianti, come richiesto anche dalle associazioni del settore. Emendamenti che, come riferisce lo stesso presidente lucano all'agenzia Dire, nonostante diversi incontri con l'esecutivo si trovano ancora a uno stato di avanzamento «non soddisfacente».

La partita, secondo De Filippo, potrebbe comunque non essere ancora chiusa. «Se il governo dovesse decidere di prendersi ancora qualche giorno di tempo per trovare un punto di convergenza più ampio – ha spiegato il presidente della Regione Basilicata - noi siamo disponibili a confrontarci, ma ad oggi il parere dei governatori è sfavorevole». Tra gli enti locali più fermi nell'opposizione alle bozze di decreti ci sarebbero le Province autonome di Trento e Bolzano, irremovibili, secondo le indiscrezioni trapelate, nella loro posizione di diniego. Il parere negativo delle Regioni cade come una nuova, pesante, tegola sull'iter di approvazione dei provvedimenti, dopo che l'Unione europea ha inviato al governo italiano una lettera formale in cui si sottolineano le criticità del Quinto conto energia e del decreto rinnovabili. Le stesse, guarda caso, che le Regioni continuano ed evidenziare.


 

 

Bioplastica Mater-Bi

 

Meno rifiuti 2014

 


Conai

 

Ricrea Corepla CiAl Comieco

 

RSS Valido!
Segui Ecodallecitta su Twitter