FAIL (the browser should render some flash content, not this).

GLI ECO BLOGGER

Strisce blu: tra automobilisti, Comuni e mobilità nuova

di Giulio Gonella
del 01 aprile 2014

In questi ultimi giorni di annunci, polemiche e smentite, non è scontato ribadire il ruolo…

Treno perso, poi recuperato, telefono caduto, poi salvato. Rocambolismi

di Paolo Hutter
del 29 marzo 2014

Rocambolesco, conoscete il termine?  Dunque stamane  dovevo prendere  l' 8 e 5…

Pedalare è la risposta

di Giuseppe Piras
del 17 marzo 2014

Ci sono domande che ti spiazzano e anche se la risposta è lampante non è così…

Regno Unito: la Grande Distribuzione taglia le emissioni di Co2 del 25%

di Silvia Ricci
del 14 febbraio 2014

Meno 25% di emissioni di Co2 entro il 2020 come valore assoluto è il nuovo obiettivo per i…

Telelavoro uguale migliore qualità del vivere urbano

di Paolo Piacentini
del 06 febbraio 2014

L'iniziativa del Comune di Milano sul telelavoro o "lavoro agile" come è sta…

Neve e pedali: "Che faccio, lascio?"

di Bru Diarist
del 31 gennaio 2014

La neve che sta imbiancando alcune città del nord Italia in questi giorni della merla del …

C’è un mondo al di là delle Alpi

di Gabriele Del Carlo
del 28 gennaio 2014

Benvenuti a tutti in questa nuova pagina. Su questo blog non tratteremo molto di cosa si fa e…

"Cartesio? Neanche ricordo l’ultima volta che sono passati!”

di Lorenzo Fracastoro
del 17 gennaio 2014

Oggi, mentre sfrecciavo in bici davanti alla copisteria di Via Guastalla angolo Via Artisti,…

Leggi tutti i post

Conai. Da cosa rinasce cosa

 

Energia e Clima > Rinnovabili

Quinto conto energia: il no delle Regioni


 

Fumata nera, per i due provvedimenti sulle rinnovabili in fare di elaborazione, da parte della Conferenza delle Regioni. I governatori non sono soddisfatti delle concessioni fatte dal governo ed esprimono parere sfavorevole sul Quinto conto energia fotovoltaico e sul decreto dedicato alle altre rinnovabili elettriche

 

di Silvana Santo
mercoledì 06 giugno 2012 18:05

 

Quinto conto energia: il no delle Regioni
clicca sull'immagine per ingrandire

Così come sono, i provvedimenti non vanno bene. È negativo il parere emesso dalle Regioni sul Quinto conto energia fotovoltaico e sul decreto sulle altre rinnovabili elettriche. Lo ha dichiarato il presidente della Basilicata Vito De Filippo al termine della Conferenza delle Regioni che ha avuto all'ordine del giorno proprio i testi dei due provvedimenti. «A questo punto la posizione delle Regioni è quella di esprimere un parere contrario sui due decreti – ha annunciato - sia sul Conto energia che sul decreto sulle altre fonti rinnovabili».

Un primo esame dei testi da parte degli enti regionali c'era già stato all'inizio di maggio, ma in quella occasione i governatori avevano chiesto altro tempo per un'analisi più dettagliata, pur avendo comunque avanzato le prime richieste di modifica. In particolare, le Regioni avevano lamentato l'assenza, nei provvedimenti, di misure come il bonus per la sostituzione di tetti in amianto con pannelli fotovoltaici e del premio per l'installazione di tecnologia “made in Europe”. Secondo i governatori, inoltre, sarebbe opportuno innalzare la soglia minima per l'iscrizione obbligatoria al registro degli impianti, come richiesto anche dalle associazioni del settore. Emendamenti che, come riferisce lo stesso presidente lucano all'agenzia Dire, nonostante diversi incontri con l'esecutivo si trovano ancora a uno stato di avanzamento «non soddisfacente».

La partita, secondo De Filippo, potrebbe comunque non essere ancora chiusa. «Se il governo dovesse decidere di prendersi ancora qualche giorno di tempo per trovare un punto di convergenza più ampio – ha spiegato il presidente della Regione Basilicata - noi siamo disponibili a confrontarci, ma ad oggi il parere dei governatori è sfavorevole». Tra gli enti locali più fermi nell'opposizione alle bozze di decreti ci sarebbero le Province autonome di Trento e Bolzano, irremovibili, secondo le indiscrezioni trapelate, nella loro posizione di diniego. Il parere negativo delle Regioni cade come una nuova, pesante, tegola sull'iter di approvazione dei provvedimenti, dopo che l'Unione europea ha inviato al governo italiano una lettera formale in cui si sottolineano le criticità del Quinto conto energia e del decreto rinnovabili. Le stesse, guarda caso, che le Regioni continuano ed evidenziare.


 

 

Bioplastica Mater-Bi

 

H2O

 

Minori incassi dalla sosta. Perchè?

Da Torino a Messina, passando per Milano e Bologna. Negli ultimi anni i bilanci comunali hanno visto entrare sempre meno incassi dalle strisce blu, con cali progressivi fino a 8-9 punti percentuali sull’anno precedente




» commenti (0)

Conai

 

CiAl Corepla Comieco Ricrea Rilegno CoReVe

 

RSS Valido!
Segui Ecodallecitta su Twitter