GLI ECO BLOGGER

Tari: Dio stramaledica la pizza al taglio!

di Gianluca Bertazzoli
del 11 dicembre 2014

Qualche giorno fa mi è cascato l’occhio sulle scartoffie che accompagnano il bollett…

E' un lavoro sporco, ma qualcuno lo vuole fare. - Considerazioni post-cartoniadi

di Matteo Volpengo
del 30 novembre 2014

Sono finite le Cartoniadi. Finito il volantinaggio porta a porta, negozio a negozio. Finita la ra…

L'auto, imprescindibile diritto umano

di Giuseppe Piras
del 13 novembre 2014

L’episodio che ha visto a Torino i Vigili assediati da cittadini in rivolta perché i…

Discorsone sulle Cartoniadi di Torino (con proposte forti in fondo)

di Paolo Hutter
del 07 novembre 2014

Partiamo in salita con queste prime Cartoniadi torinesi. La carta e il cartone raccolti da Cartes…

Bici & metro: i rischi di una sperimentazione timida

di Giulio Gonella
del 04 novembre 2014

  Non è difficile prevedere la misera fine che potrebbe fare la sperimentazione d…

Desmontegada in val di Fiemme e l’arte di organizzare la raccolta dei rifiuti

di Antonio Castagna
del 09 ottobre 2014

Per i rifiuti ho una vera passione che spesso mi porta a farmi delle domande: quando li individ…

A furia di combattere lo spreco di cibo...storia di una brioche

di Sobria Martinez
del 25 settembre 2014

Chi ha lasciato una brioche al cioccolato  integra  giovedi mattina 25 settembre alla s…

Il mio viaggio sulla Brebemi deserta

di Michele Merola
del 11 settembre 2014

Tornando dalle vacanze dal Nord-est ho voluto percorrere la Brebemi: è stato solo qualche …

Plastica, la riciclabilità si valuta con RecyClass

di Silvia Ricci
del 09 settembre 2014

Evitare che le materie plastiche non siano altro che rifiuti conviene, ed è ormai necessar…

Terra dei Paduli

di Gabriele Del Carlo
del 05 settembre 2014

Campagne dove un tempo sorgevano lussureggianti foreste di querce e lecci, oggi ospitano ulivi se…

Leggi tutti i post

Rifiuti > Politiche, piani generali

Puglia, rifiuti: proposto alla giunta un nuovo modello di gestione dei servizi


 

“Il disegno di legge per la gestione dei servizi pubblici locali legati al ciclo dei rifiuti - ha dichiarato Lorenzo Nicastro, assessore regionale alla Qualità dell'Ambiente - è stato varato dalla Giunta Regionale. Il testo, sul quale auspico la più ampia condivisione anche da parte delle forze di minoranza, mira a gestire il delicato passaggio dall'attuale gestione a quella configurata, di apertura al libero mercato, con le recenti disposizioni del Governo nazionale”.

 

lunedě 25 giugno 2012 17:40

 

Puglia, rifiuti: proposto alla giunta un nuovo modello di gestione dei servizi
clicca sull'immagine per ingrandire

“Il disegno di legge per la gestione dei servizi pubblici locali legati al ciclo dei rifiuti è stato varato dalla Giunta Regionale. Il testo, sul quale auspico la più ampia condivisione anche da parte delle forze di minoranza, mira a gestire il delicato passaggio dall'attuale gestione a quella configurata, di apertura al libero mercato, con le recenti disposizioni del Governo nazionale”. Così l'Assessore alla Qualità dell'Ambiente Lorenzo Nicastro a seguito dell'approvazione in Giunta del provvedimento.

“In netto anticipo e senza utilizzare la proroga concessa dal Governo nazionale alla fine dello scorso anno abbiamo riorganizzato gli Ato e ne abbiamo ridotto il numero, avviando una fase di transizione sotto il diretto controllo di un Comitato da me presieduto. Con questo nuovo passaggio normativo – prosegue Nicastro – che modificherà le norme regionali adeguandole alle disposizioni del 'decreto liberalizzazioni' il Governo regionale intende inquadrare i servizi all'interno dello scenario di mercato valorizzando le esperienze positive di gestione affidata alle municipalizzate e facendo proprie le modalità di verifica del mercato emerse dalla Conferenza Unificata Stato-Regioni del 14 aprile scorso”.


“Gli Ato, governati dai Comitati d'Ambito, saranno chiamati a gestire i processi attraverso strumenti di pianificazione di concerto con l'Autorità Regionale a cui spetta il ruolo di garanzia nella definizione degli standard qualitativi e di controllo delle modalità di gestione dei servizi resi alla cittadinanza. Il tutto – conclude Nicastro – perché in Puglia i servizi funzionino all'unisono, con regole e standard comuni. Questa è la nuova sfida che la nostra regione deve vincere e che, sono certo, anche la minoranza consiliare vorrà raccogliere per il bene del territorio, offrendo sul tema il proprio contributo”.


 

 

ZappaMI

 

Nuove luci pubbliche, come le preferite?

Stanno cambiando le luci nelle città, si accendono
i nuovi Led..





COREPLA:

Conai

 

Comieco CiAl Corepla Ricrea

 

Meno rifiuti 2014

 

RSS Valido!