GLI ECO BLOGGER

Expo o non Expo.. che sia un ECO 2015 ( e guardandolo dal drone...).

di Paolo Hutter
del 16 gennaio 2015

  Questa è stata la frase di augurio per l'anno nuovo di Eco dalle Citt&…

Tari: Dio stramaledica la pizza al taglio!

di Gianluca Bertazzoli
del 29 dicembre 2015

Qualche giorno fa mi è cascato l’occhio sulle scartoffie che accompagnano il bollett…

E' un lavoro sporco, ma qualcuno lo vuole fare. - Considerazioni post-cartoniadi

di Matteo Volpengo
del 30 novembre 2014

Sono finite le Cartoniadi. Finito il volantinaggio porta a porta, negozio a negozio. Finita la ra…

L'auto, imprescindibile diritto umano

di Giuseppe Piras
del 13 novembre 2014

L’episodio che ha visto a Torino i Vigili assediati da cittadini in rivolta perché i…

Bici & metro: i rischi di una sperimentazione timida

di Giulio Gonella
del 04 novembre 2014

  Non è difficile prevedere la misera fine che potrebbe fare la sperimentazione d…

Desmontegada in val di Fiemme e l’arte di organizzare la raccolta dei rifiuti

di Antonio Castagna
del 09 ottobre 2014

Per i rifiuti ho una vera passione che spesso mi porta a farmi delle domande: quando li individ…

Leggi tutti i post

Rifiuti > Politiche, piani generali

Puglia, rifiuti: proposto alla giunta un nuovo modello di gestione dei servizi


 

“Il disegno di legge per la gestione dei servizi pubblici locali legati al ciclo dei rifiuti - ha dichiarato Lorenzo Nicastro, assessore regionale alla Qualità dell'Ambiente - è stato varato dalla Giunta Regionale. Il testo, sul quale auspico la più ampia condivisione anche da parte delle forze di minoranza, mira a gestire il delicato passaggio dall'attuale gestione a quella configurata, di apertura al libero mercato, con le recenti disposizioni del Governo nazionale”.

 

lunedì 25 giugno 2012 17:40

 

Puglia, rifiuti: proposto alla giunta un nuovo modello di gestione dei servizi
clicca sull'immagine per ingrandire

“Il disegno di legge per la gestione dei servizi pubblici locali legati al ciclo dei rifiuti è stato varato dalla Giunta Regionale. Il testo, sul quale auspico la più ampia condivisione anche da parte delle forze di minoranza, mira a gestire il delicato passaggio dall'attuale gestione a quella configurata, di apertura al libero mercato, con le recenti disposizioni del Governo nazionale”. Così l'Assessore alla Qualità dell'Ambiente Lorenzo Nicastro a seguito dell'approvazione in Giunta del provvedimento.

“In netto anticipo e senza utilizzare la proroga concessa dal Governo nazionale alla fine dello scorso anno abbiamo riorganizzato gli Ato e ne abbiamo ridotto il numero, avviando una fase di transizione sotto il diretto controllo di un Comitato da me presieduto. Con questo nuovo passaggio normativo – prosegue Nicastro – che modificherà le norme regionali adeguandole alle disposizioni del 'decreto liberalizzazioni' il Governo regionale intende inquadrare i servizi all'interno dello scenario di mercato valorizzando le esperienze positive di gestione affidata alle municipalizzate e facendo proprie le modalità di verifica del mercato emerse dalla Conferenza Unificata Stato-Regioni del 14 aprile scorso”.


“Gli Ato, governati dai Comitati d'Ambito, saranno chiamati a gestire i processi attraverso strumenti di pianificazione di concerto con l'Autorità Regionale a cui spetta il ruolo di garanzia nella definizione degli standard qualitativi e di controllo delle modalità di gestione dei servizi resi alla cittadinanza. Il tutto – conclude Nicastro – perché in Puglia i servizi funzionino all'unisono, con regole e standard comuni. Questa è la nuova sfida che la nostra regione deve vincere e che, sono certo, anche la minoranza consiliare vorrà raccogliere per il bene del territorio, offrendo sul tema il proprio contributo”.


 

 

ZappaMI

 

Olimpiadi del 2024 in una città italiana?







» commenti (4)

Conai

 

Comieco CiAl Ricrea

 

Meno rifiuti 2014

 

RSS Valido!