FAIL (the browser should render some flash content, not this).

GLI ECO BLOGGER

Invasioni digitali anche nel Lodigiano, 24 aprile – 4 maggio 2014

di Michele Merola
del 22 aprile 2014

In questo blog si sostiene convintamente che la cultura e il turismo dovrebbero essere la risorsa…

Strisce blu: tra automobilisti, Comuni e mobilità nuova

di Giulio Gonella
del 01 aprile 2014

In questi ultimi giorni di annunci, polemiche e smentite, non è scontato ribadire il ruolo…

Treno perso, poi recuperato, telefono caduto, poi salvato. Rocambolismi

di Paolo Hutter
del 29 marzo 2014

Rocambolesco, conoscete il termine?  Dunque stamane  dovevo prendere  l' 8 e 5…

Pedalare è la risposta

di Giuseppe Piras
del 17 marzo 2014

Ci sono domande che ti spiazzano e anche se la risposta è lampante non è così…

Regno Unito: la Grande Distribuzione taglia le emissioni di Co2 del 25%

di Silvia Ricci
del 14 febbraio 2014

Meno 25% di emissioni di Co2 entro il 2020 come valore assoluto è il nuovo obiettivo per i…

Telelavoro uguale migliore qualità del vivere urbano

di Paolo Piacentini
del 06 febbraio 2014

L'iniziativa del Comune di Milano sul telelavoro o "lavoro agile" come è sta…

Neve e pedali: "Che faccio, lascio?"

di Bru Diarist
del 31 gennaio 2014

La neve che sta imbiancando alcune città del nord Italia in questi giorni della merla del …

C’è un mondo al di là delle Alpi

di Gabriele Del Carlo
del 28 gennaio 2014

Benvenuti a tutti in questa nuova pagina. Su questo blog non tratteremo molto di cosa si fa e…

"Cartesio? Neanche ricordo l’ultima volta che sono passati!”

di Lorenzo Fracastoro
del 17 gennaio 2014

Oggi, mentre sfrecciavo in bici davanti alla copisteria di Via Guastalla angolo Via Artisti,…

Leggi tutti i post

Conai. Da cosa rinasce cosa

 

Rifiuti > Raccolta differenziata

Riceviamo e pubblichiamo: "Progetto Olivia", a Torre del Greco (NA) la raccolta porta a porta degli oli alimentari esausti


 

Riceviamo e pubblichiamo una nota sulla nascita e l'andamento di un progetto sperimentale di raccolta porta a porta dell'olio vegetale esausto proveniente da utenza domestica che si svolge nella città di Torre del Greco (Napoli)

 

mercoledì 27 giugno 2012 17:56

 

Riceviamo e pubblichiamo: "Progetto Olivia", a Torre del Greco (NA) la raccolta porta a porta degli oli alimentari esausti
clicca sull'immagine per ingrandire

Creato con la collaborazione della Città di Torre del Greco - VII Settore Programmazione OOPP u.o. Ambiente, che ha messo a disposizione dati e competenze, della Proteg SpA che da anni lavora nel settore con professionalità ed esperienza, e dell'associazione di volontariato Torre Vesuvio Pro Natura, che promuove la campagna sul territorio nazionale, il progetto sperimentale in oggetto nasce dal desiderio di tutelare l’ambiente e la biodiversità, in particolare quella del nostro Mar Mediterraneo. Per farlo, si pone l’obiettivo di intercettare la maggior quantità possibile di olio vegetale usato da provenienza domestica con il desiderio di arrivare al 100%. Questo perché quando all’interno del sistema di gestione rifiuti di una Città mancano le modalità di raccolta di questa tipologia di rifiuto urbano o quando questa risulta carente, i cittadini finiscono per disfarsi dell’olio usato durante fritture e condimenti delle pietanze versandolo direttamente negli scarichi idrici.

Un piccolo gesto che porta a diversi svantaggi: l’olio, con il tempo, corrode le tubature e ne provoca la rottura, determinando la necessità di correre ai ripari (con i costi che ne derivano); attraverso la rete fognaria, l’olio giunge fino al depuratore e, poiché l’olio è più leggero dell’acqua, finisce per raggiungere il mare... dove resta in superficie formando una sottilissima pellicola che funge da vera e propria barriera, impedendo alla luce di filtrare in acqua e ai gas, come l’ossigeno, di passare dall’atmosfera al mare e viceversa e determinando la lenta morte degli organismi marini.

Nel settore rifiuti e nella differenziazione degli stessi, è risaputo che i risultati maggiori si ottengono quando lo sforzo del cittadino è minimo; è per questo motivo che, accanto ai tradizionali contenitori stradali fissi per la raccolta dell’olio vegetale, già collocati da anni sul territorio di Torre del Greco, è stata realizzata e messa in atto una raccolta porta a porta che vede la partecipazione di una grossa fetta della cittadinanza. Si è partiti ad aprile 2011 con l’individuazione di un’area pilota, caratterizzata da una popolazione residente pari a circa 4000 famiglie. Visti i risultati positivi, emersi dalla prima fase di start up, si è deciso di allargare il progetto “a macchia d’olio” e sono state individuate altre tre zone con un'utenza inizialmente simile a quella della zona pilota. Oggi, l'esperienza si è migliorata ed ampliata nel tempo (grazie anche alla flessibilità insita nel progetto stesso, attento alle segnalazioni della cittadinanza e alle diverse esigenze) e si è riusciti a raggiungere un numero di famiglie pari alle 16483 unità. Considerando che la Città di Torre del Greco si sviluppa su di un territorio vasto 30.2 kmq in cui, attualmente, risiede una popolazione di circa 96000 abitanti e considerando una media di tre abitanti per famiglia, possiamo affermare che attualmente il porta a porta interessa 49449 abitanti che equivale al 51.5% dell'intera popolazione.

Il “Progetto Olivia”, infine, mantiene intatte la qualità e la riproducibilità delle risorse naturali tramite la successiva trasformazione dell’olio esausto in nuove materie prime, garantisce il benessere e l’equità sociale e permette di generare lavoro e reddito nel territorio interessato; per questi motivi si accorda perfettamente con i criteri di sviluppo sostenibile, fortemente ricercati in fase progettuale e richiesti da sempre dalla Comunità Europea.

Il successo dell'operazione risiede in tre punti fondamentali: la comunicazione puntuale, il monitoraggio continuo e il valore intrinseco dato ad ogni singolo cittadino.


 

 

Bioplastica Mater-Bi Rainbow MagicLand

 

H2O

 

Minori incassi dalla sosta. Perchè?

Da Torino a Messina, passando per Milano e Bologna. Negli ultimi anni i bilanci comunali hanno visto entrare sempre meno incassi dalle strisce blu, con cali progressivi fino a 8-9 punti percentuali sull’anno precedente




» commenti (0)

Conai

 

Rilegno Comieco Corepla CoReVe Ricrea CiAl

 

RSS Valido!
Segui Ecodallecitta su Twitter