GLI ECO BLOGGER

Tari: Dio stramaledica la pizza al taglio!

di Gianluca Bertazzoli
del 11 dicembre 2014

Qualche giorno fa mi è cascato l’occhio sulle scartoffie che accompagnano il bollett…

E' un lavoro sporco, ma qualcuno lo vuole fare. - Considerazioni post-cartoniadi

di Matteo Volpengo
del 30 novembre 2014

Sono finite le Cartoniadi. Finito il volantinaggio porta a porta, negozio a negozio. Finita la ra…

L'auto, imprescindibile diritto umano

di Giuseppe Piras
del 13 novembre 2014

L’episodio che ha visto a Torino i Vigili assediati da cittadini in rivolta perché i…

Discorsone sulle Cartoniadi di Torino (con proposte forti in fondo)

di Paolo Hutter
del 07 novembre 2014

Partiamo in salita con queste prime Cartoniadi torinesi. La carta e il cartone raccolti da Cartes…

Bici & metro: i rischi di una sperimentazione timida

di Giulio Gonella
del 04 novembre 2014

  Non è difficile prevedere la misera fine che potrebbe fare la sperimentazione d…

Desmontegada in val di Fiemme e l’arte di organizzare la raccolta dei rifiuti

di Antonio Castagna
del 09 ottobre 2014

Per i rifiuti ho una vera passione che spesso mi porta a farmi delle domande: quando li individ…

A furia di combattere lo spreco di cibo...storia di una brioche

di Sobria Martinez
del 25 settembre 2014

Chi ha lasciato una brioche al cioccolato  integra  giovedi mattina 25 settembre alla s…

Il mio viaggio sulla Brebemi deserta

di Michele Merola
del 11 settembre 2014

Tornando dalle vacanze dal Nord-est ho voluto percorrere la Brebemi: è stato solo qualche …

Plastica, la riciclabilità si valuta con RecyClass

di Silvia Ricci
del 09 settembre 2014

Evitare che le materie plastiche non siano altro che rifiuti conviene, ed è ormai necessar…

Terra dei Paduli

di Gabriele Del Carlo
del 05 settembre 2014

Campagne dove un tempo sorgevano lussureggianti foreste di querce e lecci, oggi ospitano ulivi se…

Leggi tutti i post

Rifiuti > Varie

Il Comune di Napoli rafforza le sanzioni ambientali sui rifiuti


 

Il Comune di Napoli potenzia la normativa contro le infrazioni ambientali: tra le nuove misure, la chiusura per un giorno per gli esercizi commerciali recidivi alla loro seconda sanzione e il divieto di manifestare per un anno per le associazioni o enti che, al termine della manifestazione, non adempiano all'obbligo di pulire

 

giovedě 28 giugno 2012 18:20

 

Il Comune di Napoli rafforza le sanzioni ambientali sui rifiuti
clicca sull'immagine per ingrandire

Una delibera e un'ordinanza per rafforzare le sanzioni nei confronti di chi sversa i rifiuti fuori dagli orari consentiti. Il Comune di Napoli potenzia la normativa contro le infrazioni ambientali: tra le nuove misure, presentate dal sindaco Luigi de Magistris, dal vicesindaco Tommaso Sodano e dal comandante del Nucleo ambientale della Polizia municipale Ciro Colimoro, la chiusura per un giorno per gli esercizi commerciali recidivi alla loro seconda sanzione e il divieto di manifestare per un anno per le associazioni o enti che, al termine della manifestazione, non adempiano all'obbligo di pulire.

"Dai controlli sulle sanzioni - ha spiegato de Magistris - sono venute fuori parecchie sorprese: molte persone sanzionate risiedono fuori citta' e vengono a lavorare a Napoli, sversando fuori gli orari consentiti. Molti di loro, inoltre, sono professionisti". "Un anno fa parlammo di 'turismo del sacchetto' - ha ricordato Sodano - e avevamo ragione. Sono tra il 30 e il 40% i cittadini sanzionati non residenti a Napoli nei circa 600 verbali elevati nel 2012". Tra i colpevoli di sversamento abusivo di rifiuti rilevati nell'area del Centro direzionale, ha sottolineato Sodano, "anche casi di profesisonisti, avvocati, funzionari regionali e imprenditori".

Napoli sembra essere diventata "la pattumiera della provincia di Napoli", ha aggiunto il tenente Colimoro. "In tutta l'area che circonda la citta' viene effettuata la raccolta differenziata. Chi non si attiene a questa norma viene a Napoli intorno alle 6 di mattina a sversare al Centro direzionale, nella zona occidentale e orientale. In un caso e' stato addirittura il sindaco de Magistris a cogliere sul fatto in Via Domenico Fontana persone provenienti da Ercolano che sversavano illegalmente prima di andare a lavorare all'ospedale Cardarelli".

Le zone maggiormente colpite dal fenomeno, ha spiegato Colimoro, "sono San Pietro a Patierno e la zona di San Giovanni e Barra". Qui come in altre aree dove proliferano minidiscariche abusive, ha dichiarato il sindaco de Magistris, "la soluzione potrebbe essere l'installazione di videocamere. Ho chiesto al prefetto De Martino di convocare un Comitato per l'ordine e la sicurezza pubblica sul tema".


 

 

ZappaMI

 

Nuove luci pubbliche, come le preferite?

Stanno cambiando le luci nelle città, si accendono
i nuovi Led..





COREPLA:

Conai

 

Corepla Comieco CiAl Ricrea

 

Meno rifiuti 2014

 

RSS Valido!