GLI ECO BLOGGER

Critica dell’acquisto sostenibile: il giusto fornitore di energia elettrica

di matteo Jarre
del 26 febbraio 2015

Si dice spesso che l’unico potere rimasto alle persone sia legato alle cose che consumano e…

Dipingere il buio, spunti sulla luce in città

di Matteo Volpengo
del 16 febbraio 2015

  "Aveva trovato quel che stava cercando nella tasca interna del mantello. Sembrava…

Non si accede alla zona binari senza biglietto?

di Paolo Hutter
del 05 febbraio 2015

Arrivando col treno alla Stazione Centrale di Milano alle 10 e 45 di giovedì 5 febbraio ho…

Tari: Dio stramaledica la pizza al taglio!

di Gianluca Bertazzoli
del 29 dicembre 2015

Qualche giorno fa mi è cascato l’occhio sulle scartoffie che accompagnano il bollett…

L'auto, imprescindibile diritto umano

di Giuseppe Piras
del 13 novembre 2014

L’episodio che ha visto a Torino i Vigili assediati da cittadini in rivolta perché i…

Bici & metro: i rischi di una sperimentazione timida

di Giulio Gonella
del 04 novembre 2014

  Non è difficile prevedere la misera fine che potrebbe fare la sperimentazione d…

Leggi tutti i post

Conai. Da cosa rinasce cosa

 

Energia e Clima > Caldo in città

Caronte, caldo in città: domenica 10 città con bollino rosso. I consigli del Ministero


 

Caronte, l'anticiclone africano dal 29 giugno e per almeno 10 giorni, farà alzare le temperature in molte città italiane. In allerta il Ministero della Salute che risponde con il programma Estate sicura 2012. Attivo il numero gratuito nazionale (1500) per fornire informazioni e consigli su come difendersi dal caldo. Online il servizio “Che caldo fa - I Bollettini giornalieri dell’estate 2012”

 

di Giuseppe Miccoli
sabato 30 giugno 2012 13:07

 

Caronte, caldo in città: domenica 10 città con bollino rosso. I consigli del Ministero
clicca sull'immagine per ingrandire

Secondo il comunicato del Ministero della Salute diramato dall'Ansa, l'anticiclone africano Caronte farà alzare le temperature nei prossimi giorni in molte città italiane, con punte di 40 gradi tra le ore 12 e le 17. Le città in cui e' previsto il livello 3, ossia il massimo della scala, sono Bologna, Bolzano, Brescia, Frosinone, Latina, Perugia, Reggio Calabria, Rieti, Roma e Viterbo. Il Bollino rosso prevede in genere ondate di calore e condizioni ad elevato rischio che persistono per 3 o più giorni consecutivi. I servizi sanitari e sociali in questo caso, devono rimanere in allerta.

Sempre per domenica, il Bollino arancione o livello 2 di allerta, è stato segnalato dal Ministero in altre 9 citta' (Ancona, Bari, Genova, Messina, Napoli, Palermo, Pescara, Trieste e Venezia), dove "il caldo può rappresentare un rischio per la salute nei sottogruppi di popolazione più suscettibili": anziani, bambini e malati.
Riguardo ai soggetti più deboli, con il supporto tecnico del Ministero, 25 città italiane hanno attivato a livello locale la cosiddetta “Anagrafe della suscettibilità”: uno strumento che censisce le persone più suscettibili all’aumento delle temperature, per le quali scattano misure di protezione e controllo non appena il sistema di allarme meteo segnala l’arrivo di un’ondata di calore.

Tutti i livelli di allerta sono aggiornati e visibili sul sito del ministero della Salute con il servizio “Che caldo fa - i Bollettini giornalieri estate 2012”. Tuttavia non è ancora disponibile l'aggiornamento del bollettino sulle ondate di calore.
Con il Sistema di previsione allarme meteo, in funzione già dal 15 maggio sul portale istituzionale, il Ministero della salute emette un bollettino giornaliero per 27 aree urbane del Paese. Disponibili inoltre il decalogo per l’estate sicura e gli opuscoli rivolti alla popolazione generale ma anche a medici, operatori di istituti di ricovero per anziani e badanti (per loro il materiale è disponibile in sei lingue, tra cui rumeno, russo e polacco).

Inoltre il ministero della Salute ha avviato l’operazione “Estate sicura 2012”. Dal 20 giugno, e tutti i giorni dalle 8.00 alle 18.00, compreso il sabato e la domenica, sarà attivo il numero gratuito nazionale 1500 che fornirà direttamente ai cittadini informazioni e consigli su come difendersi dal caldo e indicazioni sui servizi e sugli altri numeri verdi attivati dalle Regioni e dai Comuni, in particolare per fornire supporto alle persone anziane e agli altri soggetti che soffrono di più l’aumento delle temperature. Al numero 1500 risponderà personale altamente qualificato e appositamente formato, in grado di soddisfare le richieste di informazione di base, e anche dirigenti sanitari (medici, veterinari, farmacisti, chimici, biologi e psicologi), per soddisfare le richieste più complesse. Quest’anno il Ministero ha scelto di avvalersi, per la gestione del servizio, unicamente del proprio personale: questo assicurerà la realizzazione di ulteriori risparmi, che si andranno a sommare a quelli derivati da altre iniziative previste nel piano triennale di risparmio, e soprattutto garantirà più qualità e trasparenza nella relazione diretta tra l’Istituzione e i cittadini.

Come difendersi dall'afa nelle città dove e' previsto il bollino rosso? Il Ministero consiglia di evitare l'esposizione diretta al sole dalle ore 11 alle 18, le zone particolarmente trafficate e l'attivita' fisica intensa all'aria aperta durante le ore piu' calde della giornata. E' poi bene, rileva il ministero, trascorrere le ore più calde della giornata nella stanza più fresca della casa, indossare indumenti chiari, leggeri e fibre naturali, bere liquidi moderando l'assunzione di bevande gassate o zuccherate, tè e caffe'. L'auto va poi presa nelle ore più calde solo se climatizzata, e in viaggio e' bene portarsi comunque adeguate scorte di acqua. Un'attenzione particolare agli anziani e ai bambini: non vanno mai lasciati, anche se per poco tempo, nella macchina parcheggiata al sole.

Caldo, bollino rosso per dieci città: c'è anche Roma - Il Messagero 29 giugno 2012


 

 


Notizie correlate


» 30 Giugno, Arriva Caronte: dove si sta meglio e dove peggio in città | Video


 

ZappaMI

 

Formichine salvacibo

 

Cartoni della pizza usati. Dove li buttate?

Si calcola che ogni giorno in Italia si consumino un milione e trecentomila pizze d'asporto..una grande massa






» commenti (0)

Conai

 

Comieco CiAl Ricrea

 

Meno rifiuti 2014

 

RSS Valido!