FAIL (the browser should render some flash content, not this).

GLI ECO BLOGGER

Il mio viaggio sulla Brebemi deserta

di Michele Merola
del 11 settembre 2014

Tornando dalle vacanze dal Nord-est ho voluto percorrere la Brebemi: è stato solo qualche …

Plastica, la riciclabilità si valuta con RecyClass

di Silvia Ricci
del 09 settembre 2014

Evitare che le materie plastiche non siano altro che rifiuti conviene, ed è ormai necessar…

Terra dei Paduli

di Gabriele Del Carlo
del 05 settembre 2014

Campagne dove un tempo sorgevano lussureggianti foreste di querce e lecci, oggi ospitano ulivi se…

2014 : Calano i consumi ma non i rifiuti?

di Paolo Hutter
del 05 settembre 2014

Se le tendenze saranno confermate  quello che sta accadendo ai nostri Rifiuti Solidi Urbani …

Una notizia buona e una cattiva

di Giuseppe Piras
del 30 luglio 2014

I giornali riportano una notizia buona e una cattiva. La notizia cattiva è che il Mini…

La raccolta differenziata non è (solo) un affare per specialisti

di Antonio Castagna
del 22 luglio 2014

Venerdì 18 luglio ho presentato il mio libro "Tutto è monnezza" a Barrier…

Le recensioni di Cinemambiente: Nella terra dei fuochi

di Eco Spettatore
del 07 giugno 2014

di Angela Conversano “Terra dei fuochi” è l'espressione che risalta ne…

Le recensioni di Cinemambiente: Endless Roads

di Eco Spettatore
del 07 giugno 2014

di Angela Conversano Endless Roads è la storia della tenacia di una donna che vive a Zhe…

Recensioni di Cinemambiente: Divide in Concorde. ( Divieto alle bottiglie in plastica per l'acqua)

di Eco Spettatore
del 03 giugno 2014

di  Paolo Hutter     Se guardi "Divide in Concorde" hai l'imp…

ZTL notturna a San Salvario: come al solito manca il coraggio

di Giulio Gonella
del 21 maggio 2014

  Digitando ZTL notturna su Google News, fioccano esempi su esempi, da Pisa a Firenze a …

Leggi tutti i post

Conai. Da cosa rinasce cosa Smart Puglia 2014

 

Energia e Clima > Risparmio energetico
> Illuminazione

Inquinamento luminoso: la luce artificiale altera il comportamento degli invertebrati


 

Uno studio condotto in Cornovaglia ha rivelato le conseguenze della luce artificiale su insetti e ragni. L'inquinamento luminoso altera il comportamento degli invertebrati, con effetti negativi anche sull'impollinazione

 

giovedì 05 luglio 2012 18:13

 

Inquinamento luminoso: la luce artificiale altera il comportamento degli invertebrati
clicca sull'immagine per ingrandire

Coleotteri, ragni, formiche: sono le inconsapevoli e incolpevoli vittime dell'inquinamento luminoso, che causa negli invertebrati alterazioni del comportamento e altri problemi. L'allarme emerge da uno studio condotto in Cornovaglia dall'Università di Exeter su un campione di 1.200 piccoli animali. In pratica, gli invertebrati si posizionano sotto i lampioni e rimangono nel cono di luce artificiale in modo permanente, indipendentemente dal momento della giornata.

In pratica, l'intera comunità di insetti e di aracnidi, prede e predatori, assume un comportamento innaturale e modifica le proprie abitudini a causa della presenza di luce artificiale. L'inquinamento luminoso, in altri termini, disturba l'equilibrio dell'ecosistema, mettendo potenzialmente a rischio l'impollinazione e altri “servizi ecosistemici” fondamentali.

I ricercatori hanno intenzione di approfondire gli studi, per verificare eventuali altre disfunzioni causate dall'inquinamento luminoso. «È incredibile – ha commentato Thomas Davies, leader del gruppo di indagine - quanto poco la ricerca abbia indagato l’impatto dell’illuminazione artificiale sull’ambiente nonostante sia stata introdotta da tanto tempo». Di recente un'altra ricerca aveva messo in correlazione illuminazione artificiale e cancro al seno.


 

 

Bioplastica Mater-Bi

 

Meno rifiuti 2014

 


Conai

 

Ricrea CiAl Corepla Comieco

 

RSS Valido!
Segui Ecodallecitta su Twitter