FAIL (the browser should render some flash content, not this).

GLI ECO BLOGGER

A tu per tu con Terra Madre, una testimonianza dal Salone del Gusto

di Matteo Volpengo
del 27 ottobre 2014

Cibo, volti, sguardi. Poter viaggiare, nell’arco di poche decine di metri, dalle Filipp…

Le Cartoniadi come occasione sociale

di Paolo Hutter
del 22 ottobre 2014

A  novembre   le 9 circoscrizioni di Milano e i 23 quartieri storici di Torino sono in …

Desmontegada in val di Fiemme e l’arte di organizzare la raccolta dei rifiuti

di Antonio Castagna
del 09 ottobre 2014

Per i rifiuti ho una vera passione che spesso mi porta a farmi delle domande: quando li individ…

Pedonalizzazioni low cost

di Giulio Gonella
del 04 ottobre 2014

Continuo a non capire perché tutte le volte che si parla di pedonalizzazione a Torino si c…

A furia di combattere lo spreco di cibo...storia di una brioche

di Sobria Martinez
del 25 settembre 2014

Chi ha lasciato una brioche al cioccolato  integra  giovedi mattina 25 settembre alla s…

Il mio viaggio sulla Brebemi deserta

di Michele Merola
del 11 settembre 2014

Tornando dalle vacanze dal Nord-est ho voluto percorrere la Brebemi: è stato solo qualche …

Plastica, la riciclabilità si valuta con RecyClass

di Silvia Ricci
del 09 settembre 2014

Evitare che le materie plastiche non siano altro che rifiuti conviene, ed è ormai necessar…

Terra dei Paduli

di Gabriele Del Carlo
del 05 settembre 2014

Campagne dove un tempo sorgevano lussureggianti foreste di querce e lecci, oggi ospitano ulivi se…

Una notizia buona e una cattiva

di Giuseppe Piras
del 30 luglio 2014

I giornali riportano una notizia buona e una cattiva. La notizia cattiva è che il Mini…

Leggi tutti i post

Rifiuti > Politiche, piani generali

Una nuova legge per i rifiuti, l'assessore Nicastro: "Semplificazione, efficientamento e salvaguardia del pubblico"


 

Decreto "liberalizzazioni" in materia di rifiuti. La Regione Puglia ha presentato un disegno di legge che mette al sicuro la Puglia dall'eventualità che il Governo nazionale eserciti il "commissariamento". L'obiettivo è quello di mettere in salvo le realtà pubbliche consolidate

 

giovedì 05 luglio 2012 23:17

 

"Il disegno di legge sui servizi pubblici locali, con specifico riguardo al ciclo dei rifiuti, ha tenuto conto delle determinazioni del Consiglio Regionale in merito alla riduzione degli Ato ad un numero non superiore a 6 e, quindi, dell'esigenza di mettere la Puglia in sicurezza rispetto all'eventualità che il Governo nazionale esercitasse i propri poteri sostitutivi in relazione alla mancata approvazione della norma regionale ad hoc per i servizi pubblici locali. In un clima di liberalizzazione forsennata rischieremmo, in caso di 'commissariamento', di mettere in discussione realtà pubbliche che sono realtà d'eccellenza. A tutela di questo patrimonio e delle risorse pubbliche in esso investite ci siamo preoccupati di tutelare la Regione”. A dichiararlo Lorenzo Nicastro a seguito dell'incontro di ieri pomeriggio con i Capigruppo consiliari sul tema dei Servizi Pubblici Locali.

“Va detto che sul tema della gestione dei servizi in materia di rifiuti abbiamo sempre sostenuto la via della semplificazione e del controllo delle tariffe a tutela dei pugliesi e di standard territoriali di qualità. In questa ottica – prosegue Nicastro - ipotesi migliorative e di maggiore garanzia rispetto a questi obiettivi di semplificazione e controllo non possono che arricchire il discorso: in particolare l'ipotesi, che pure avevamo studiato e che intendevamo offrire alla discussione senza averne avuto l'opportunità per la contrarietà delle parti politiche, di un solo soggetto giuridico per l'intero territorio regionale potrebbe rientrare in questo contesto”.

“L'attività che stiamo svolgendo, in un contesto normativo continuamente stravolto dal legislatore nazionale con interventi radicali e spesso contrastanti tra loro a cui è necessario adeguare le norme regionali in merito al modello organizzativo che si intende adottare, ha come 'solo' obiettivo quello di garantire la Regione e i pugliesi tutti circa la continuità dei servizi e il loro efficientamento sia in termini di costi che di qualità. Su questa via – conclude l'Assessore – stiamo operando in relazione alla redazione del Piano Regionale dei Rifiuti: il percorso di condivisione con gli attori servirà ad uscire da una gestione commissariale approdando al piano definitivo ampiamente nel rispetto dei termini previsti dalla legge nazionale dotando la nostra Regione di uno strumento essenziale per il futuro”.


 

 

ZappaMI

 

Meno rifiuti 2014

 

Perché ancora troppa carta nell'indifferenziato?

Nei cassonetti dei rifiuti indifferenziati delle città italiane si trovano ancora ingenti quantità di carta e cartone che dovrebbero essere invece differenziate e riciclate. Come mai?Indica quello che secondo te può essere il motivo principale





» commenti (11)

Conai

 

Ricrea Corepla Comieco CiAl

 

RSS Valido!
Segui Ecodallecitta su Twitter