GLI ECO BLOGGER

Expo o non Expo.. che sia un ECO 2015 ( e guardandolo dal drone...).

di Paolo Hutter
del 16 gennaio 2015

  Questa è stata la frase di augurio per l'anno nuovo di Eco dalle Citt&…

Tari: Dio stramaledica la pizza al taglio!

di Gianluca Bertazzoli
del 29 dicembre 2015

Qualche giorno fa mi è cascato l’occhio sulle scartoffie che accompagnano il bollett…

E' un lavoro sporco, ma qualcuno lo vuole fare. - Considerazioni post-cartoniadi

di Matteo Volpengo
del 30 novembre 2014

Sono finite le Cartoniadi. Finito il volantinaggio porta a porta, negozio a negozio. Finita la ra…

L'auto, imprescindibile diritto umano

di Giuseppe Piras
del 13 novembre 2014

L’episodio che ha visto a Torino i Vigili assediati da cittadini in rivolta perché i…

Bici & metro: i rischi di una sperimentazione timida

di Giulio Gonella
del 04 novembre 2014

  Non è difficile prevedere la misera fine che potrebbe fare la sperimentazione d…

Desmontegada in val di Fiemme e l’arte di organizzare la raccolta dei rifiuti

di Antonio Castagna
del 09 ottobre 2014

Per i rifiuti ho una vera passione che spesso mi porta a farmi delle domande: quando li individ…

Leggi tutti i post

Conai. Da cosa rinasce cosa

 

Rifiuti > Riduzione

Emilia-Romagna: depositato in Regione un progetto di legge popolare per riduzione rifiuti e riciclo. Plaude Legambiente


 

La legge si pone l’obiettivo di massimizzare la riduzione dei rifiuti urbani, il riuso dei beni a fine vita ed il loro riciclo, minimizzando lo smaltimento in discarica e l’incenerimento. Per Legambiente Emilia-Romagna ora è necessario che le componenti “ambientalmente sensibili” del consiglio regionale spingano per una rapida approvazione senza stravolgere l'impianto della legge

 

venerdě 06 luglio 2012 17:00

 

Emilia-Romagna: depositato in Regione un progetto di legge popolare per riduzione rifiuti e riciclo. Plaude Legambiente
clicca sull'immagine per ingrandire

E’ stata depositata il 5 luglio all’Assemblea legislativa della regione Emilia Romagna la proposta di legge di iniziativa popolare finalizzata alla riduzione della produzione dei rifiuti urbani e alla promozione del riciclaggio, sottoscritta da consiglieri di maggioranza.

La proposta di legge di iniziativa popolare, presentata a settembre 2011 da Legambiente, WWF ed Ecoistituto di Faenza assieme ad altre associazioni, e a cui hanno aderito oltre 25 Comuni della Regione e la Provincia di Reggio Emilia, si pone infatti l’obiettivo di massimizzare la riduzione dei rifiuti urbani, il riuso dei beni a fine vita ed il loro riciclo, minimizzando lo smaltimento in discarica e l’incenerimento. Tutto questo, estendendo il tributo allo smaltimento e il ristoro ambientale anche agli inceneritori oltre che alle discariche; premiando i comuni virtuosi che, attraverso progetti di riduzione e di riuso e attraverso la raccolta domiciliare e la tariffa puntuale, inviano quantitativi minimi a smaltimento; applicando la tariffa puntuale basta sulla quantità e qualità dei rifiuti prodotta da ciascun utente; sovvenzionando l’impiantistica legata al riuso e al riciclaggio particolarmente carenti nella nostra regione.

La popolazione che supporta questa proposta è ormai arrivata a quasi un milione di persone, sommando la popolazione della Provincia di Reggio Emilia e dei Comuni coinvolti.

Legambiente si congratula con le anime della maggioranza più attente alle tematiche ambientali, e auspica che nel dibattito consigliare non vi siano stravolgimenti alla norma, che ne compromettano lì impianto ed i principi ispiratori.

Le spinte del basso, dopo mesi di silenzio da parte della regione, sono riuscite finalmente a far arrivare il testo di legge alla discussione dell’assemblea legislativa: la nostra associazione auspica una rapida approvazione del testo, che conduca a strategie complessive a livello regionale in grado di rendere l’Emilia Romagna un punto di riferimento sia a livello nazionale che europeo sulla corretta gestione dei rifiuti.


 

 

ZappaMI

 

Formichine salvacibo

 

Olimpiadi del 2024 in una cittŕ italiana?







» commenti (4)

Conai

 

Ricrea CiAl Comieco

 

Meno rifiuti 2014

 

RSS Valido!