GLI ECO BLOGGER

Critica dell’acquisto sostenibile: il giusto fornitore di energia elettrica

di matteo Jarre
del 26 febbraio 2015

Si dice spesso che l’unico potere rimasto alle persone sia legato alle cose che consumano e…

Dipingere il buio, spunti sulla luce in città

di Matteo Volpengo
del 16 febbraio 2015

  "Aveva trovato quel che stava cercando nella tasca interna del mantello. Sembrava…

Non si accede alla zona binari senza biglietto?

di Paolo Hutter
del 05 febbraio 2015

Arrivando col treno alla Stazione Centrale di Milano alle 10 e 45 di giovedì 5 febbraio ho…

Tari: Dio stramaledica la pizza al taglio!

di Gianluca Bertazzoli
del 29 dicembre 2015

Qualche giorno fa mi è cascato l’occhio sulle scartoffie che accompagnano il bollett…

L'auto, imprescindibile diritto umano

di Giuseppe Piras
del 13 novembre 2014

L’episodio che ha visto a Torino i Vigili assediati da cittadini in rivolta perché i…

Leggi tutti i post

Conai. Da cosa rinasce cosa

 

Rifiuti > Riduzione

Emilia-Romagna: depositato in Regione un progetto di legge popolare per riduzione rifiuti e riciclo. Plaude Legambiente


 

La legge si pone l’obiettivo di massimizzare la riduzione dei rifiuti urbani, il riuso dei beni a fine vita ed il loro riciclo, minimizzando lo smaltimento in discarica e l’incenerimento. Per Legambiente Emilia-Romagna ora è necessario che le componenti “ambientalmente sensibili” del consiglio regionale spingano per una rapida approvazione senza stravolgere l'impianto della legge

 

venerdì 06 luglio 2012 17:00

 

Emilia-Romagna: depositato in Regione un progetto di legge popolare per riduzione rifiuti e riciclo. Plaude Legambiente
clicca sull'immagine per ingrandire

E’ stata depositata il 5 luglio all’Assemblea legislativa della regione Emilia Romagna la proposta di legge di iniziativa popolare finalizzata alla riduzione della produzione dei rifiuti urbani e alla promozione del riciclaggio, sottoscritta da consiglieri di maggioranza.

La proposta di legge di iniziativa popolare, presentata a settembre 2011 da Legambiente, WWF ed Ecoistituto di Faenza assieme ad altre associazioni, e a cui hanno aderito oltre 25 Comuni della Regione e la Provincia di Reggio Emilia, si pone infatti l’obiettivo di massimizzare la riduzione dei rifiuti urbani, il riuso dei beni a fine vita ed il loro riciclo, minimizzando lo smaltimento in discarica e l’incenerimento. Tutto questo, estendendo il tributo allo smaltimento e il ristoro ambientale anche agli inceneritori oltre che alle discariche; premiando i comuni virtuosi che, attraverso progetti di riduzione e di riuso e attraverso la raccolta domiciliare e la tariffa puntuale, inviano quantitativi minimi a smaltimento; applicando la tariffa puntuale basta sulla quantità e qualità dei rifiuti prodotta da ciascun utente; sovvenzionando l’impiantistica legata al riuso e al riciclaggio particolarmente carenti nella nostra regione.

La popolazione che supporta questa proposta è ormai arrivata a quasi un milione di persone, sommando la popolazione della Provincia di Reggio Emilia e dei Comuni coinvolti.

Legambiente si congratula con le anime della maggioranza più attente alle tematiche ambientali, e auspica che nel dibattito consigliare non vi siano stravolgimenti alla norma, che ne compromettano lì impianto ed i principi ispiratori.

Le spinte del basso, dopo mesi di silenzio da parte della regione, sono riuscite finalmente a far arrivare il testo di legge alla discussione dell’assemblea legislativa: la nostra associazione auspica una rapida approvazione del testo, che conduca a strategie complessive a livello regionale in grado di rendere l’Emilia Romagna un punto di riferimento sia a livello nazionale che europeo sulla corretta gestione dei rifiuti.


 

 

ZappaMI

 

Formichine salvacibo

 

Cartoni della pizza usati. Dove li buttate?

Si calcola che ogni giorno in Italia si consumino un milione e trecentomila pizze d'asporto..una grande massa






» commenti (0)

Conai

 

Comieco Ricrea CiAl

 

Meno rifiuti 2014

 

RSS Valido!