GLI ECO BLOGGER

Tari: Dio stramaledica la pizza al taglio!

di Gianluca Bertazzoli
del 11 dicembre 2014

Qualche giorno fa mi è cascato l’occhio sulle scartoffie che accompagnano il bollett…

E' un lavoro sporco, ma qualcuno lo vuole fare. - Considerazioni post-cartoniadi

di Matteo Volpengo
del 30 novembre 2014

Sono finite le Cartoniadi. Finito il volantinaggio porta a porta, negozio a negozio. Finita la ra…

L'auto, imprescindibile diritto umano

di Giuseppe Piras
del 13 novembre 2014

L’episodio che ha visto a Torino i Vigili assediati da cittadini in rivolta perché i…

Discorsone sulle Cartoniadi di Torino (con proposte forti in fondo)

di Paolo Hutter
del 07 novembre 2014

Partiamo in salita con queste prime Cartoniadi torinesi. La carta e il cartone raccolti da Cartes…

Bici & metro: i rischi di una sperimentazione timida

di Giulio Gonella
del 04 novembre 2014

  Non è difficile prevedere la misera fine che potrebbe fare la sperimentazione d…

Desmontegada in val di Fiemme e l’arte di organizzare la raccolta dei rifiuti

di Antonio Castagna
del 09 ottobre 2014

Per i rifiuti ho una vera passione che spesso mi porta a farmi delle domande: quando li individ…

A furia di combattere lo spreco di cibo...storia di una brioche

di Sobria Martinez
del 25 settembre 2014

Chi ha lasciato una brioche al cioccolato  integra  giovedi mattina 25 settembre alla s…

Il mio viaggio sulla Brebemi deserta

di Michele Merola
del 11 settembre 2014

Tornando dalle vacanze dal Nord-est ho voluto percorrere la Brebemi: è stato solo qualche …

Plastica, la riciclabilità si valuta con RecyClass

di Silvia Ricci
del 09 settembre 2014

Evitare che le materie plastiche non siano altro che rifiuti conviene, ed è ormai necessar…

Terra dei Paduli

di Gabriele Del Carlo
del 05 settembre 2014

Campagne dove un tempo sorgevano lussureggianti foreste di querce e lecci, oggi ospitano ulivi se…

Leggi tutti i post

Conai. Da cosa rinasce cosa

 

Energia e Clima > Rinnovabili

Quinto conto energia: il testo definitivo e tutti i dettagli sui nuovi incentivi al fotovoltaico


 

Pubblicata la versione finale del provvedimento sugli incentivi al fotovoltaico. Ecco cosa cambia in materia di tariffe, burocrazia e tetti di spesa. Il testo del decreto da scaricare e la notizia sui principali quotidiani

 

di Silvana Santo
venerdě 06 luglio 2012 18:34

 

Quinto conto energia: il testo definitivo e tutti i dettagli sui nuovi incentivi al fotovoltaico
clicca sull'immagine per ingrandire

La lunga attesa è finita. Dopo mesi di rinvii, consultazioni, appelli e polemiche, il Governo ha pubblicato il testo definitivo del Quinto conto energia sul fotovoltaico (vedi allegato). Ecco, in sintesi, i principali contenuti del provvedimento che rivoluziona gli incentivi statali per l'energia elettrica solare.

L'entrata in vigore e il tetto di spesa
Prima di tutto, non è stata accolta la richiesta degli Enti locali di rimandare l'entrata in vigore delle nuove tariffe a non prima del 1 ottobre 2012. Il testo approvato dall'esecutivo prevede invece che il Quinto conto energia entri in vigore 45 giorni dopo il raggiungimento del tetto di spesa cumulativo, dato dalla somma di tutte le sovvenzioni erogate in base alle diverse versioni in vigore del Conto energia, di 6 miliardi di euro l'anno (le associazioni di settore chiedevano di innalzare il “cap” a 7 miliardi, ndr). Difficile prevedere con esattezza quando la soglia verrà raggiunta, ma al momento il contatore fotovoltaico presente sul sito del Gse segna già 5,868 miliardi di euro. La “corsa all'impianto” che potrebbe scatenarsi nelle prossime settimane per riuscire ad accedere in extremis alle più generose tariffe del Quarto conto energia potrebbe imprimere un'accelerazione importante alla crescita della spesa complessiva, facendo scattare praticamente da subito il count down per i nuovi incentivi. In ogni caso, dovrà essere l'Autorità per l'energia elettrica e il gas, con un'apposita delibera, a certificare il raggiungimento della soglia dei 6 miliardi e a far partire dunque i 45 giorni di attesa per il nuovo regime di sussidi. Quanto alla somma annua disposizione per gli incentivi del Quinto conto energia, la soglia è stata fissata a 700 milioni di euro (la bozza iniziale ne prevedeva 500): anche in questo caso, spetta all'Aeeg la comunicazione ufficiale dell'avvenuto raggiungimento del tetto di spesa, che comporterà, dopo 30 giorni, la cessazione del regime di incentivazione previsto dal Quinto conto energia. Una volta raggiunto il “cap” annuo, quindi, i titolari di eventuali nuovi impianti fotovoltaici avranno a disposizione solo un mese per fare richiesta di incentivi per l'anno in corso.


Il meccanismo dei registri
Un altro terreno di scontro tra Governo, Enti locali e associazioni è stato, nelle ultime settimane, quello delle modalità di accesso agli incentivi. La nuova versione del decreto prevede l'accesso diretto alle tariffe incentivanti (senza obbligo di iscrizione ad alcun registro) per una serie di categorie:

a) impianti fotovoltaici di potenza fino a 50 kW realizzati su edifici con moduli installati in sostituzione di coperture su cui è operata la completa rimozione dell’eternit o dell’amianto;
b) impianti fotovoltaici di potenza fino a 12 kW, inclusi gli impianti realizzati a seguito di rifacimento, nonché i potenziamenti che comportano un incremento della potenza dell'impianto non superiore a 12 kW;
c) i potenziamenti che comportano un incremento della potenza dell'impianto non superiore a 12 kW;
d) impianti fotovoltaici integrati con caratteristiche innovative fino al raggiungimento di un costo indicativo cumulato degli incentivi degli incentivi di 50 ML€;
e) impianti fotovoltaici a concentrazione fino al raggiungimento di un costo indicativo cumulato degli incentivi di 50 ML€;
f) impianti fotovoltaici realizzati da amministrazioni pubbliche mediante con procedure di pubblica evidenza, fino al raggiungimento di un costo indicativo cumulato degli incentivi di 50 ML€;
g) impianti fotovoltaici di potenza superiore a 12 kW e non superiore a 20 kW, inclusi gli impianti realizzati a seguito di rifacimento, nonché i potenziamenti che comportano un incremento della potenza dell'impianto non superiore a 20 kW, che richiedono una tariffa ridotta del 20% rispetto a quella spettante ai pari impianti iscritti al registro.

Accolte solo in minima parte, pertanto, le osservazioni delle Regioni, che chiedevano di innalzare a 100 kW la soglia minima per l'obbligo di iscrizione al registro. Il limite resta invece molto inferiore, a 12 kW, e arriva a 50 solo in caso di rimozione dell'eternit. Accontentate invece per quanto riguarda l'esenzione degli impianti installati dalle pubbliche amministrazioni, anche se solo a determinate condizioni.

Gli impianti che non rientrano nelle soglie e nelle categorie esonerate dovranno invece essere iscritti in appositi registri, gestiti dal Gse, che saranno aperti con appositi bandi in determinate finestre temporali e avranno dei tetti massimi di spesa, come accade già ora per gli impianti di grande taglia. Il primo registro, in particolare, sarà aperto entro 20 giorni dalla pubblicazione delle relative Regole applicative da parte del Gse e resterà aperto per 30 giorni. I registri successivi saranno aperti con cadenza semestrale e resteranno aperti per 60 giorni.

Ecco, nel dettaglio, le soglie di spesa annue per i registri (incentivi cumulati):
1° registro: 140 milioni di euro;
2° registro: 120 milioni di euro;
Registri successivi: 80 milioni di euro a registro e comunque fino al raggiungimento del limite di 6,7 miliardi di euro l’anno.

I titolari degli impianti, in pratica, dovranno sperare di rientrare nei limiti di spesa previsti dai vari registri: in altri termini, solo i più veloci a presentare la domanda di iscrizione potranno garantirsi l'accesso agli incentivi, cosa che prevedibilmente scatenerà una vera e propria “corsa all'iscrizione”. Chi arriva tardi, e non riesce a rientrare nella soglia, può comunque presentare domanda di iscrizione al registro successivo (fino ad allora resterà senza incentivi, naturalmente), ma dovrà presentare di nuovo tutta la documentazione richiesta.

Oltre alla priorità di presentazione della domanda, per stilare le graduatorie sarà concessa la priorità a (i fattori sono elencati in ordine di importanza):

- impianti su edifici con classe energetica migliore (comunque mai inferiore a D) e sostituzione dell’amianto;
- impianti su edifici con classe energetica migliore (comunque mai inferiore a D) senza sostituzione dell’amianto;
- impianti su edifici con moduli installati in sostituzione di coperture su cui è operata la
completa rimozione dell’eternit o dell’amianto;
- impianti con componenti principali realizzati unicamente all’interno di un Paese che risulti
membro dell’UE/SEE;
- impianti ubicati, nell’ordine, su: siti contaminati come definiti dall’articolo 240 del decreto legislativo 3 aprile 2006, n. 152 e successive modificazioni, sempreché l’area dei moduli fotovoltaici sia non superiore a quella dei terreni non contaminati o messi in sicurezza,ovvero i moduli siano collocati sui tetti degli edifici insistenti sul sito medesimo; su terreni nella disponibilità del demanio militare; discariche esaurite; cave dismesse; miniere esaurite; impianti di potenza non superiore a 200 kW asserviti ad attività produttive; impianti realizzati, nell’ordine, su edifici, serre, pergole, tettoie, pensiline, barriere acustiche.

Verrà inoltre garantita la precedenza agli impianti i cui titolari rinuncino al 5% della tariffa incentivante; sono stati autorizzati prima; hanno minore potenza. Un meccanismo non semplice, che sia l'Unione europea che gli Enti locali e gli operatori di settore hanno già bollato come troppo farraginoso e foriero di dannosi appesantimenti burocratici. Critiche unanimi ma che, evidentemente, non sono bastate perché il Governo facesse dietro-front.

Le nuove tariffe incentivanti
Per quanto riguarda l'ammontare degli incentivi, per gli impianti di potenza nominale inferiore a 1 MW, il Gse eroga una tariffa onnicomprensiva calcolata in base all'energia elettrica immessa in rete. Le tariffe diminuiscono al crescere della potenza dell'impianto e variano anche in base al tipo di installazione (sono più alte per gli impianti montati su edifici). L'incentivo cambia anche nel tempo, calando progressivamente di semestre in semestre a partire dalla data di allacciamento alla rete dell'impianto (vedi tabelle in allegato). Per gli impianti di potenza superiore, invece, il Gse eroga la differenza, se positiva, fra la tariffa onnicomprensiva e il prezzo zonale orario della corrente, mentre l’energia prodotta dagli impianti al di sopra di 1 MW resta al produttore (è prevista una tariffa premio sull'elettricità consumata in sito).

Bonus amianto e “Made in Ue”
Confermati, come richiesto più volte dalle varie parti in causa, i bonus per l'installazione di pannelli realizzati in Europa e per la sostituzione di coperture in amianto.
I premi per il “Made in Ue”, in particolare, ammontano a:

- 20 euro/MWh per impianti che entrano in esercizio entro il 31 dicembre 2013;
- 10 euro/MWh per impianti che entrano in esercizio entro il 31 dicembre 2014;
- 5 euro/MWh per impianti che entrano in esercizio dopo questa data.

Questi, invece, i bonus che spettano a chi installerà un impianto fotovoltaico in sostituzione di una copertura in eternit:

- 30 euro/MWh se la potenza è non superiore a 20 kW e 20 €/MWh se la potenza è superiore a 20
kW, qualora entrino in esercizio entro il 31 dicembre 2013;
- 20 euro/MWh se la potenza è non superiore a 20 kW e 10 €/MWh se la potenza è superiore a 20
kW, qualora entrino in esercizio entro il 31 dicembre 2014;
- 10 €/MWh se la potenza è non superiore a 20 kW e 5 €/MWh se la potenza è superiore a 20
kW, qualora entrino in esercizio successivamente al 31 dicembre 2014.


Leggi anche:
Energie rinnovabili, si riparte. Ecco i nuovi equilibri per contenere la spesa e promuovere il settore - dal Sole 24 Ore del 07.07.2012

Firmati i decreti sulle Rinnovabili, accolte solo in parte le richieste - da La Repubblica del 06.07.2012


 

 


Scarica il testo del Quinto conto energia per il fotovoltaico [0,26 MB]

Quinto conto energia per il fotovoltaico (fonte: PMI)


 

 


Notizie correlate


» Quinto conto energia, per Anie-Gifi le modifiche proposte non sono sufficienti


» Da settembre il Quinto conto energia


» Quinto conto energia, il Governo lo modificherà davvero? I timori delle associazioni


» Quinto conto energia, Ferrante al ministro Passera: «A quando le modifiche?»


» Quinto conto energia, Passera: «Ecco come cambierà»


» Fotovoltaico: per avere gli incentivi, dal 1 luglio riciclabilità obbligatoria dei pannelli


» Quinto conto energia: nuovo richiamo dalla Commissione europea


» Quinto conto energia, Comitato Ifi: «Stringere i tempi e fare le modifiche»


 

 

Commenti:

Filippo - 23.07.2012 16:07


Non è possibile rientrare nel 4° conto energia. Le tempistiche enel non lo consentono, almeno che la prima domanda non sia stata presentata precedentemente.
Cordiali saluti.

lilliana - 23.07.2012 12:07

Leggo e domando se in data odierna posso ancora usufruire del 4 C.E.incentivi, considerando che sono in trattativa per un imp. fot. per 3kwh e 1 p.sol.visto che per gli Edif. Pubbl. ci sono deroghe. e che da 500Ml sono passata a 700Ml nel 5 C.E., tutto deve ancora progettarsi? Grazie, dimmi come devo agire con la Ditta che sono in trattative? Lilliana

lilliana - 23.07.2012 12:07

Leggo e domando se in data odierna posso ancora usufruire del 4 C.E.incentivi, considerando che sono in trattativa per un imp. fot. per 3kwh e 1 p.sol.visto che per gli Edif. Pubbl. ci sono deroghe. e che da 500Ml sono passata a 700Ml nel 5 C.E., tutto deve ancora progettarsi? Grazie, dimmi come devo agire con la Ditta che sono in trattative? Lilliana

 

 

Inserisci un commento:

ATTENZIONE: l'inserimento di commenti volgari o offensivi sarà perseguito a norma di legge



(visibile solo all'utente amministratore)


Amsa spalatori

 

ZappaMI

 

Formichine salvacibo

 

Nuove luci pubbliche, come le preferite?

Stanno cambiando le luci nelle città, si accendono
i nuovi Led..





COREPLA:

Conai

 

Corepla Comieco Ricrea CiAl

 

Meno rifiuti 2014

 

RSS Valido!